10 consigli per essere un vero leader per il tuo cane

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

I cani, come i lupi da cui discendono, sono animali che in natura si uniscono in branchi al cui interno vengono individuati i capi e vigono precise gerarchie. Al contrario del gatto, che è cacciatore solitario ed autosufficiente, il cane conserva l'istintivo bisogno di un gruppo con una guida e, in mancanza, tende ad assumerne il ruolo. Per evitare di essere "sottomesso" dal tuo amico a quattro zampe, segui questi 10 consigli per essere un vero leader per il tuo cane.

211

Programmare i tempi del cibo

È necessario che assumi il ruolo di leader per il tuo cane fin da quando è piccolo. Il cucciolo ha bisogno di sicurezza e il primo modo per dargliene il senso è quello di fornire pasti ad intervalli regolari e di persona. Evita di alternarti con altri nella somministrazione: poiché il cane attribuisce al leader la primaria funzione di procurare il cibo tale avvicendamento lo confonderebbe.

311

Dirigere i giochi

Un altro accorgimento fondamentale per essere un vero leader è quello di mantenere sempre la direzione delle attività ricreative. Anche questa tattica dev'essere attuata fin dai primi mesi di vita del cane e mai abbandonata. Se lasci che sia il tuo amico a prendere l'iniziativa, per esempio portandoti la palla perché tu glie la tiri, trasmetti l'opposto messaggio che il leader è lui.

Continua la lettura
411

Abituare il cane al riporto

Fare in modo che l'animale riporti palle, palline, bastoni e quant'altro gli viene lanciato non solo è più divertente per entrambi ma è anche un modo per far capire al cane che il leader non è lui, ma sei tu: l'oggetto, così come è partito da te, deve tornare a te, che conservi il ruolo decisionale in ordine ai lanci futuri.

511

Mantenere sempre il controllo

È assolutamente necessario evitare che il cane ti trascini eccessivamente in un gioco "violento". Nulla ti vieta di contenderti per un po' col tuo amico un osso o un bastoncino, ma devi abituarlo fin da cucciolo a mollare la presa su ordine per evitare l'inversione dei ruoli. Ideale è servirsi di una parola breve e vibrante come "giù".

611

Abituare il cane a seguirti

Dal momento che il capobranco è una vera e propria guida nella foresta, per essere un vero leader per il tuo cane devi abituarlo a camminarti dietro o accanto. Il consiglio è di non tenere l'animale sempre al guinzaglio, che dà un senso di sicurezza che lo induce spesso a precederti e a tirare. Meglio lasciare libero il cane, con le dovute cautele, fin da quando non è ancora adulto ma già abbastanza grande da obbedire.

711

Dare ricompense

Per fare in modo che il tuo amico si senta inserito in un gruppo gerarchicamente organizzato e con divisione di compiti, usa ricompense per gratificarlo quando ti ubbidisce: un biscottino, un "bravo" o una semplice carezza servono a far capire all'animale che ha correttamente eseguito le direttive del leader e rafforzano il rapporto con lui.

811

Non far mettere il muso sul tavolo

Un'abitudine che il cane può assumere, se non prontamente scoraggiato, è quella di mettere il muso sul tavolo. Il pranzo è un momento di condivisione che quest'animale, sociale per natura, vive come un membro gruppo. Ma dal momento che nel branco il leader mangia per primo e ci sono distanze da mantenere, è bene far accucciare l'amico prima di dargli un piccolissimo boccone.

911

Non dormire col cane

Nelle dinamiche del branco il capo ha oneri ed onori e, per essere un vero leader, devi mantenere una qualche distanza dal tuo amico pur senza farlo sentire rifiutato o escluso. Per questo il consiglio è, per quanto tu voglia tenere il tuo cane vicino, di non abituarlo a dormire sul letto con te ma di predisporre una comoda branda dedicata.

1011

Mantenere uno spazio riservato

Per il motivo di cui al passo precedente, e con i medesimi riguardi, devi fare in modo che l'animale capisca che ci sono spazi riservati esclusivamente a te in quanto leader, a cui non ha accesso. Il cane non avrà difficoltà ad accettarlo in quanto naturalmente portato a riconoscere le zone di rispetto del capobranco.

1111

Educare senza punire

Ultimo, ma non per importanza, è il consiglio di educare l'amico a quattro zampe senza ricorrere a punizioni, tanto meno fisiche. Una qualsiasi forma di castigo non ha sull'animale alcun effetto istruttivo in quanto non compresa. L'ordine gerarchico all'interno del branco si basa, infatti, sulla scelta da parte dei membri e non sulla coercizione. Se vuoi essere un vero leader, dunque, devi comunicare sicurezza e forza interiore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come insegnare al cane a non scappare

Chi di noi, possessore di un amico a quattro zampe, non ha mai vissuto il timore di non trovarlo più a casa, nel giardino o nella sua cuccia? Infatti il nostro cane può essere attratto da varie cose, come una cagnetta in calore, un'altro cane o l'odore...
Cani

Tutto sul Cane Lupo Cecoslovacco

Il cane lupo cecoslovacco è una razza di cane, generalmente di taglia medio-grande, appartenente al gruppo dei pastori e bovari. È una razza canina relativamente recente, nata da un esperimento condotto nel 1955 nell'allora Cecoslovacchia. Dopo aver...
Cura dell'Animale

Come addestrare un cavallo a non mordere

Il rapporto uomo-cavallo è molto complesso. Non sempre gratificante e razionale. Le azioni e le reazioni dell'individuo non sono sempre comuni a quelle istintive equine. Pertanto, sorgono difficoltà comportamentali quasi insormontabili. Il cavallo comunica...
Gatti

10 regole per far affezionare il gatto

Se possiedi un gatto ti sarai reso conto personalmente quanto è indipendente ed opportunista, nonostante abbia tra le prime passioni quella di fare le fusa per ottenere qualche grattino. Il problema però è riuscire a farlo affezionare. In questa guida...
Cani

Come abituare il cane a mangiare le crocchette

Sicuramente scegliere di alimentare il vostro amico a quattro zampe con cibo secco e pronto comporta per voi notevoli vantaggi. In primo luogo infatti vi risparmierà di trascorrere molto tempo tra i fornelli. Inoltre un'alimentazione di questo genere...
Cani

Come educare un cane dominante

Così come per gli esseri umani, anche alcuni esemplari canini possono essere dei leader naturali nati. Se ti è capitato di adottare un cane dal simile comportamento, potresti correre il rischio di ritrovarti con un animale dominante che tende ad assumere...
Cani

Come farsi obbedire da un cucciolo

Cosa c'è di più dolce di un cucciolo di cane? Attrae immediatamente le attenzioni di tutti. Gli occhietti teneri, il musetto umido, i gesti invoglianti e desiderosi di coccole. Ma non dimentichiamo che è pur sempre un cucciolo. E, come tale, ha comportamenti...
Cani

Come addestrare un cane da esposizione

Gli obiettivi principali di un proprietario di un cane dovrebbero senz'altro essere quelli di instaurare con lui un rapporto fondato sull'affetto reciproco e sulla fiducia, ed in questo senso anche una buona educazione dell'animale è essenziale per una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.