5 consigli sulla sterilizzazione del gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'adozione dei gatti è una scelta sempre più frequente nel mondo: basti pensare al fatto che le stime eleggono questi felini come gli animali domestici più diffusi. Il gatto è, infatti, un compagno di vita leale, indipendente e deciso, che, con i giusti accorgimenti, si lascia coccolare e si fa apprezzare per il suo particolare temperamento.
Come tutti gli animali domestici, anche il gatto ha delle necessità specifiche che comportano l'esigenza di prendere alcune decisioni per facilitare la convivenza in casa. Una di queste è quella riguardante la sterilizzazione. Molti padroni si dimostrano, inizialmente, abbastanza scettici sulla scelta di questa pratica, perché temono che sia invasiva o denaturalizzante per i loro amici a quattro zampe. Oggi, comunque, la medicina veterinaria è in grado di offrire interventi in cui il dolore e i fastidi sono ridotti al minimo.
Questa è una lista di 5 consigli sulla sterilizzazione del gatto, che tengono conto di tutti i vantaggi e le controindicazioni del caso.

26

Valutate i rischi di una mancata sterilizzazione


Durante la complicata decisione sulla sterilizzazione di un gatto, è necessario documentarsi sulle possibili conseguenze di un mancato intervento. Il maschio, se non sterilizzato, incorre più facilmente in fughe da casa per la ricerca di una gatta con cui accoppiarsi. Questi comportamenti possono rivelarsi pericolosi, in quanto, soprattutto in città, i gatti rischiano di smarrirsi o di ferirsi. Gli esemplari non sterilizzati, inoltre, sono maggiormente esposti ad una serie di patologie, che interessano la prostata e i testicoli nei maschi e la mammella e l'utero nelle femmine.
Quando, in casa, convivono più gatti non sterilizzati, si rischia di assistere a lotte frequenti per il dominio della femmina tra gatti maschi e a picchi di aggressività delle gatte. Valutate, quindi, tutte queste informazioni per maturare la decisione giusta per voi e per i vostri gatti.

36

Scegliete il metodo di sterilizzazione che fa per voi e per lui


Non esiste un solo metodo di sterilizzazione del gatto: è bene, quindi, scegliere quello più adatto alla situazione e all'esemplare. Per quanto riguarda il maschio, ad esempio, esistono due pratiche differenti, la vasectomia e la castrazione. La prima interviene sui dotti deferenti, i canali attraverso cui viaggia lo sperma del felino, rendendo il gatto sterile; la seconda operazione, invece, consiste nella totale rimozione dei testicoli. La differenza tra le due operazioni sta nel fatto che la vasectomia impedisce soltanto la riproduzione, mentre la castrazione elimina anche i comportamenti sessuali del gatto. Se, ad esempio, intendete evitare fughe in strada, dovete optare per la castrazione.
Per la femmina, invece, negli ultimi anni si è fatta strada una compressa contraccettiva da somministrarle durante i periodi di calore. Se intendete scegliere questo metodo, consultate un veterinario e valutate attentamente il caso, poiché presenta numerose controindicazioni. L'alternativa, scelta più frequentemente, è quella che prevede la rimozione delle ovaie della gatta.

Continua la lettura
46

Rivolgetevi ad un veterinario di fiducia


Una valutazione ottimale sull'intervento di sterilizzazione è bene che si discuti con un veterinario fidato, che possa fornire tutte le informazioni necessarie. Sia il gatto che il padrone, infatti, hanno bisogno di consigli indispensabili, che riguardano le controindicazioni, le precauzioni e la convalescenza. Se non avete ancora un veterinario, lasciatevi consigliare da amici e familiari. Se non potete spostarvi in automobile, cercate anche di recarvi da un veterinario che non disti troppo da casa, poiché un tragitto eccessivamente lungo stresserebbe ulteriormente l'animale.

56

Intervenite alla sterilizzazione nel primo anno di vita

Non esiste un'età specifica per sterilizzare i gatti: questo intervento può essere eseguito sia su un gatto giovane che su un esemplare anziano. Occorre però precisare che un'operazione in gioventù è più utile nella prevenzione di malattie legate alla riproduzione e alla gestione comportamentale. Per la sterilizzazione femminile si consiglia di procedere intorno ai sei mesi, ovvero prima che giunga il primo calore. Il momento ottimale per i maschi, invece, è quello che va dai sette ai dieci mesi di vita.

66

Gestite al meglio la convalescenza

Una delle cose da fare per ridurre i fastidi legati alla sterilizzazione è quello di facilitarne il periodo di convalescenza. Innanzitutto, è bene seguire più attentamente il vostro gatto, per somministrargli le medicine prescritte e controllare che tutto proceda nel verso giusto. Fate attenzione alle ferite, controllate che non si gonfino e che il gatto non le lecchi frequentemente: per ovviare a questo inconveniente, consultate il veterinario circa l'uso del collare elisabettiano durante la convalescenza. Lasciate tranquillo il vostro felino, poiché gli effetti collaterali dell'anestesia potrebbero fargli avvertire stanchezza e disturbi allo stomaco. Non dimostratevi, però, eccessivamente apprensivi: di solito questo intervento ha tempi di ripresa molto rapidi, che non superano le 24 ore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Sterilizzazione del cane: pro e contro

La decisione di far sterilizzare il proprio cane potrebbe inizialmente sembrare un gesto inutilmente crudele nei confronti del nostro amico a quattro zampe, trattandosi di un'operazione chirurgica che va a bloccare la sua attività riproduttrice. In realtà,...
Cura dell'Animale

Effetti della sterilizzazione in un cane o in un gatto

Molto spesso, chi possiede animali domestici come un cane o un gatto, si trova davanti ad un dilemma: sterilizzare o non sterilizzare proprio animale? In molti, infatti, si chiedono se sia giusto o meno procedere con la sterilizzazione che risulta essere...
Gatti

Come affrontare la sterilizzazione degli animali domestici

Gli animali domestici, sia che si tratti di un cane sia di un gatto, e indipendentemente dal sesso della bestiola in questione, pongono al loro proprietario il problema di una eventuale sterilizzazione. Questo piccolo intervento, sempre meno impegnativo...
Cani

5 consigli sulla sterilizzazione del cane

Chi decide di sterilizzare il proprio cane lo fa principalmente per evitare cucciolate indesiderate, ma anche per tranquillizzare l'animale che, in assenza di accoppiamenti frequenti, può diventare anche molto irrequieto. La sterilizzazione è inoltre...
Cani

Come prendersi cura di un cane dopo la sterilizzazione

I motivi per i quali chi possiede un cane decide di ricorrere all'intervento della sterilizzazione per il suo amico pelosetto, sono essenzialmente due: uno di ordine sanitario, secondo il quale (specialmente per la femmina) si determina la prevenzione...
Gatti

Sterilizzazione del gatto: pro e contro

Se decidiamo di allevare un gatto e preferiamo tenerlo in casa da solo e senza un altro esemplare di sesso opposto, conviene procedere alla sterilizzazione per evitare che in un determinato periodo dell'anno (in genere marzo), possa miagolare poiché...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il coniglio dal veterinario

Forse non tutti lo sanno, ma il coniglio è l'animale domestico più diffuso, dopo il cane e il gatto. E non c'è motivo di farsene meraviglia perché il coniglio è un animale affettuoso ed intelligente, con una grande capacità di integrazione nelle...
Cani

Cani: pro e contro della sterilizzazione

Sterilizzare o non sterilizzare il proprio amico a quattro zampe? Questo, di sicuro, è uno dei più frequenti dilemmi che tartassano la maggior parte dei proprietari di animali.  Tra le svariate domande, che ogni volta i proprietari si fanno per capire...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.