5 cose da sapere prima di adottare un cane

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il cane, si sa, è il miglior amico dell'uomo, tuttavia non è sempre vero il contrario. Soprattutto nel periodo natalizio, complici anche le richieste incessanti dei propri bambini, molti genitori accettano di portare in casa un cucciolo, spesso senza rendersi conto dell'impegno che questo comporta. Nella seguente guida, attraverso utili e semplici passaggi, vi illustrerò 5 cose fondamentali da sapere prima di adottare un cane. Vediamo quindi come procedere.

26

Come prima cosa, ricordate che il vostro animale diventerà a tutti gli effetti un membro della vostra famiglia, e come tale avrà costante bisogno di voi. Dovrete impegnarvi affinché cibo (almeno due volte al giorno) e acqua fresca siano sempre disponibili e che possa sempre uscire per la sua passeggiata quotidiana. I cani, così come le persone, non sono tutti uguali, ognuno ha un proprio temperamento che dipende, in parte, anche dalla razza alla quale appartiene. Informatevi quindi sul suo carattere: un cane estremamente vivace che ama correre spesso, male si adatterà a vivere in piccolo appartamento.

36

In seguito, se siete persone sedentarie o anziane e uscite poco preferite cani più mansueti che richiedono meno sforzo fisico. In presenza di bambini vale più o meno lo stesso discorso. Ricordate anche che non si vive di solo amore, un cane comporta anche spese che in alcuni casi possono diventare onerose. La vita media di questo animale è di circa 14 anni e durante questo lasso di tempo dovrete fare fronte a diverse fuoriuscite: giocattoli, cibo, cure mediche, possibili interventi o malattie improvvise, trattamenti farmacologici specifici (antiparassitari, sterilizzazione), pensioni dove portare il cane durante le vacanze.

Continua la lettura
46

Non dimenticate che alcuni cani, soprattutto quelli con il mantello lungo, possono perdere molto pelo, specialmente nel periodo della muta che generalmente ha luogo in primavera ed autunno. Ricordate poi che i cani "da appartamento" hanno una muta più lunga rispetto a quelli che vivono in giardino a causa del riscaldamento e della luce artificiale. Quindi se siete persone amanti della pulizia e dell'ordine ad ogni costo optate per razze che perdono poco o niente pelo come il barboncino. Se volete adottare un cucciolo sappiate che deve avere almeno otto settimane, se viene separato troppo presto dalla mamma in futuro potrebbe manifestare comportamenti aggressivi o problematici come ad esempio un'eccessiva vivacità ed ipereccitabilità.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Consigli per il gatto durante la muta

Il cambio del pelo è un momento molto delicato per un animale, specie se si tratta di un animale domestico. Questo naturale e ciclico periodo della loro vita potrebbe anche arrecarvi qualche problema (quali allergie, peli sui vestiti, in giro per casa,...
Cura dell'Animale

Muta del furetto: consigli per gestirla

Mustela puturius furo, nome scientifico del furetto comune, un simpatico animaletto che negli ultima anni sta sempre più condividendo l'ambiente domestico e la compagnia dell'uomo. Il furetto è un piccolo predatore, appartiene alla famiglia dei mustelidi,...
Cura dell'Animale

Muta del cane: consigli pratici

La scelta di adottare un cane, sia che esso abiti dentro casa con voi, oppure nel giardino, il vostro amico ha inevitabilmente bisogno di alcune cure specifiche che lo faranno vivere più agiatamente e che creerà meno problemi per voi. Nello specifico...
Rettili e Anfibi

Serpenti: guida alla muta

Prima di adottare un animale si dovrebbero cercare più informazioni possibili sulle cure di cui ha bisogno. Per farlo potremo rivolgerci al nostro veterinario di fiducia, oppure, potremo ricercare su internet una delle moltissime guide che ci spiegherà...
Cura dell'Animale

Come aiutare il furetto durante la muta del pelo

Il furetto appartiene alla famiglia dei Mustelidi. Si tratta di un docile animale da compagnia, che si caratterizza per la presenza di un pelo molto folto e morbido. Ben due vole all'anno compie la muta stagionale del pelo. In seguito alla muta il mantello...
Cura dell'Animale

Come gestire la muta del gatto

Durante il periodo invernale e alla fine della primavera, i nostri gatti sono soggetti alla caduta del pelo. Anche se essi perdono il pelo in ogni periodo dell'anno, questo fenomeno si accentua con il cambio di stagione. La caduta del pelo è un sistema...
Volatili

Come Gestire Il Periodo Della Muta Degli Uccelli Da Gabbia

Al giorno d'oggi, quasi in ogni famiglia c'è la presenza, o si sente l'esigenza, di avere un animale domestico. Avere un animale in casa dà sicuramente grandi gioie, fa compagnia quando ci si sente soli e riesce a far distrarre delle preoccupazioni...
Cura dell'Animale

Consigli per il furetto durante la muta

Il furetto è un piccolo animaletto che appartiene alla famiglia del mustelidi, e come ogni animale di questo genere, durante le stagioni intermedie (primavera ed autunno) è interessato dal fenomeno della muta. Questo vuol dire che prima dell'inverno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.