5 curiosità sulle lucciole

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le lucciole sono insetti coleotteri provenienti dalla famiglia Lampyridae; in Europa ne esistono tre specie delle quali due anche in Italia. Sia il maschio che la femmina della lucciola sono alati ma, mentre il primo ha un corpo più allungato, snello e può volare solo ad un metro da terra, la seconda ha il corpo corto, massiccio e spesso si trova a terra.
Esse sono molto particolari ed è proprio per questo che vi elencheremo 5 curiosità che probabilmente non conoscerete su questi insetti.

26

Produzione della luce

Le lucciole producono luce quando è presente l'ossigeno e quando avviene l'ossidazione della luciferina, che diventerà quindi ossiluciferina. L'intensità di questa luce varia in base alla specie ed è forse la più proficua, in effetti a differenza di una lampada, riesce a convertire in luce quasi il 100% dell'energia. Essa è fredda e si manifesta nella fase che precede l'accoppiamento.

36

Cannibalismo della femmina

Un genere di lucciole femmine, chiamate "Femme Fatales" si nutrono di alcune lucciole maschio. Esse li imitano lampeggiando e attirandoli, perché i maschi credono di doversi accoppiare mentre vengono uccisi con una speciale mossa conosciuta come "Hawking". Spesso però i maschi si difendono producendo un po' del loro sangue che diventa un composto appiccicoso che si attacca alla bocca della femmina e gli permette di fuggire.

Continua la lettura
46

Diminuzione del numero di lucciole

La presenza di lucciole indica che un ambiente è in salute, ma negli ultimi tempi questi insetti stanno scomparendo sempre più frequentemente. Questo fenomeno è dovuto all'inquinamento luminoso e dell'ambiente, all'elevata costruzione di edifici dannosi per il paesaggio ma soprattutto all'utilizzo di pesticidi che uccidono le larve, mentre quest'ultime sarebbero utili a mangiare le lumache che da sempre infastidiscono gli agricoltori e i propri campi.

56

Riproduzione

Come già detto in precedenza i maschi sono attirati dalla luce che emettono le femmine per poi avvicinarsi seguendo l'odore, ed è proprio così che inizia l'accoppiamento. Le femmine, poi, in estate depongono le uova che arrivano quasi a cento, nel terreno, tra le foglie o tra i sassi. Le larve escono in autunno se il clima lo permette e per i primi due anni di vita il loro scopo è quello di nutrirsi e quindi di crescere.

66

Nutrimento

Mentre gli adulti delle lucciole si nutrono quasi per niente perché pensano più che altro alla riproduzione, le larve sono delle abili predatrici e mangiano lumache e chiocciole. Esse escono di notte dal loro nascondiglio e nonostante non vedano, riescono a catturare la preda che viene morsa sulla testa e grazie all'iniezione di una specie di veleno, vengono paralizzate e assimilate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare gli scarabei

Negli ultimi anni sono sempre piú numerose le persone che si appassionano ai coleotteri, in Giappone per esempio, allevare scarabei è una cosa più che normale. Tuttavia gli scarabei sono una famiglia di insetti molto ampia e variegata, all’interno...
Pesci

Il pesce combattente: curiosità

Il pesce combattente viene definito anche "Betta Splendens" per i suoi colori per l'appunto splendenti e tendenzialmente luminosi. È diffuso soprattutto nella parte orientale che abbraccia Indonesia, Thailandia, Vietnam, Cina. Qui, i corsi d'acqua sono...
Pesci

Guida ai più bei pesci tropicali

I pesci tropicali sono molto diversi tra loro e mentre alcuni sono aggressivi, altri hanno invece un'indole più tranquilla. Inoltre, ognuno ha delle esigenze particolari che devono essere considerate, prima di trasferirli in un acquario. A tale proposito,...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Volatili

I principali uccelli da stagno

Tra gli animali presenti nel nostro pianeta troviamo gli uccelli da stagno. Lo stagno è uno specchio d'acqua immobile, non molto profondo e abbastanza piccolo. Esso è posto in luoghi dove vi è la giusta alimentazione per la fauna e un fondale resistente....
Invertebrati e Insetti

L'allevamento dell'insetto foglia

Al giorno d'oggi sempre più persone si dilettano ne l'allevamento di specie animali molto particolari. Da chi si limita ad avere i classici animali da compagnia, a chi preferisce avere in casa serpenti delle più svariate dimensioni e pericolosità....
Animali da Compagnia

Come riconoscere il sesso di un gerbillo

Se avete pensato e deciso di adottare un gerbillo, la scelta non è malvagia. Tali roditori piccoli, sono infatti delle creature che socializzano tanto con gli esseri umani, e che sono perciò degli animali domestici buoni che stanno con tutta la famiglia....
Rettili e Anfibi

Come far accoppiare le tartarughe

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.