5 regole d’oro per educare un cucciolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'arrivo di un cucciolo nel nucleo familiare è un momento di grande gioia: un nuovo membro della famiglia, capace di amare incondizionatamente, è destinato a cambiare tutti gli equilibri della casa e dei suoi abitanti. Adottare un cagnolino, un gattino o un cucciolo di qualsiasi altro animale si rivela terapeutico per la crescita affettiva dei bambini e per il benessere psicofisico degli adulti, senza contare il fatto che si offre un tetto ad un animale bisognoso d'affetto. L'adozione, dunque, produce effetti benefici da qualsiasi punto di vista.
Per vivere al meglio il rapporto con un cucciolo è necessario, però, educarlo al meglio: è importante evitare che un cucciolo sveglio e carino diventi un adulto ineducato ed immaturo. Anche i cuccioli del mondo animale, così come quelli degli umani, hanno bisogno di indicazioni per crescere in modo corretto e imparare a relazionarsi: ecco una lista di 5 regole d'oro per educare un cucciolo.

26

Essere coerenti


Quando si impartisce una regola ad un cucciolo, la coerenza è fondamentale. Bisogna far coincidere le indicazioni verbali al linguaggio corporeo: se fate la voce grossa per un errore da lui commesso, non coccolatelo mentre lo fate. Il rimprovero deve essere accompagnato da gesti e posture adeguate al momento: per insegnare ai cuccioli di cane a non mordere, ad esempio, si può appoggiare il palmo della mano al muso, per fargli comprendere la scorrettezza del suo comportamento. È opportuno ripetere la lezione ogni volta che il cucciolo sbaglia, poiché gli animali apprendono solo attraverso la coerenza e la ripetizione.
Attraverso rimproveri e indicazioni verbali coerenti si possono ottenere notevoli risultati per gli insegnamenti riguardanti l'alimentazione, i bisogni, il comportamento in casa e la gestione dell'eccitazione.

36

Impartire una routine


Fin dai primi giorni dopo l'arrivo in casa, è importante che si stabilisca una routine più o meno fissa per il cucciolo. È importante, in primis, che si insegni all'animale il riposo notturno: per riuscirci è bene limitare le coccole o i risvegli a tarda sera, anche se il piccolo guaisce frequentemente. Quando il cucciolo cerca di svegliarvi, controllate solo che stia bene e poi tornate a letto, senza iniziare giochi o massaggi che non farebbero altro che incentivare quest'abitudine.
Sebbene l'alimentazione dei cuccioli sia divisa diversamente nell'arco della giornata, è opportuno iniziare ad abituare il cucciolo a mangiare negli orari funzionale ai ritmi casalinghi: passati i tre mesi circa, un cucciolo di cane può nutrirsi contemporaneamente ai suoi padroni senza avvertire importanti fastidi.

Continua la lettura
46

Dare spazio alla socializzazione

Un aspetto che molti sottovalutano, ma che è necessario per la crescita di un cucciolo, è quello della socializzazione con i suoi pari. Quando si porta un piccolo a casa, bisogna sempre ricordare che, molto probabilmente, ha vissuto gli ultimi periodi in compagnia dei fratelli della cucciolata. Il cane soprattutto è abituato a mordicchiare e a rincorrere i suoi simili, specie nei primi mesi di vita: queste abitudini aiutano la comprensione del mondo e dei limiti ed è opportuno che non manchino al cucciolo dopo l'adozione. Una volta sottoposto a vaccinazioni e controlli, dunque, il cucciolo è pronto a rapportarsi con i suoi simili! Non negate questa possibilità al vostro cucciolo se intendete educarlo per bene.

56

Fornire al cucciolo dei giocattoli

Un cucciolo di cane, nei primi mesi di vita, ha bisogno di mordere gli oggetti per sfregare i dentini doloranti. Quest'esigenza si traduce spesso nell'abitudine di mordere i padroni e gli sconosciuti indistintamente, oppure i mobili e i divani di casa. Per evitarlo, può essere sufficiente lasciare a disposizione del cucciolo alcuni oggetti che può mordere in sicurezza, come giocattoli in gomma, cordoni, palline, frisbee e peluche non troppo pelosi. I giocattoli sono utili anche a sfogare l'iperattività durante le ore trascorse in casa: alcune razze di cane, come il border collie, adorano il riporto sin da cuccioli e, attraverso quest'attività, riescono a divertirsi senza combinare guai!

66

Utilizzare i rinforzi per premiare


Una regola d'oro per l'educazione primaria dei cuccioli è quella di dare sempre una ricompensa quando si comportano nel modo corretto. Questo processo è basato su un semplice principio di associazione secondo il quale, dopo aver beneficiato di un premio, l'animale ricorda quel momento positivo e cerca di ottenerlo nuovamente compiendo di nuovo l'azione che l'ha portato.
Procuratevi, dunque, il premio che più piace al vostro cucciolo, come un pezzo particolare di carne, un biscotto o un pezzo di pane. L'importante è che la ricompensa scelta sia particolarmente gradita all'animale, altrimenti il rinforzo risulterebbe piuttosto debole.
Ricordate di dare sempre la ricompensa, anche a distanza di tempo, altrimenti è probabile che l'abitudine corretta si perda!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come insegnare al tuo cucciolo a smettere di mordere

I cuccioli trascorrono gran parte del loro tempo a giocare masticando oggetti, facendo diventare i loro denti sempre più aguzzi. Pertanto, quando giocano con gli esseri umani, spesso tendono a mordere le mani e i vestiti. Questo tipo di comportamento...
Cani

Consigli per educare un cucciolo

Un cucciolo di cane è davvero impegnativo, può essere considerato un po’ come un bambino. Ha bisogno di cure e attenzioni costanti e di una buona educazione fin dal principio. Prima di adottare un cucciolo o un cane in generale, valutate bene di avere...
Cani

5 dritte per educare un cucciolo a stare da solo

Se abbiamo deciso di adottare un cucciolo di cane, ma temiamo che possa sentirsi solo quando non siamo in casa o comunque non abbiamo molto tempo da dedicargli, è importante sapere che ci sono alcuni metodi molto funzionali per evitare ciò. In riferimento...
Cani

5 cose da fare se il tuo cucciolo è aggressivo

Se il tuo cucciolo che hai appena acquistato si comporta in modo aggressivo, per evitare che questo atteggiamento lo porti con sè fino all'età adulta, è opportuno intervenire con dei metodi appropriati, piuttosto semplici ma funzionali. A tale proposito,...
Cani

Come adottare un cucciolo di cane poliziotto

Da pochi anni, in Italia, i cani poliziotto vengono scelti e acquistati nell'età compresa tra i 12 e i 36 mesi nei canili di tutta l'Europa. Questi vengono addestrati meticolosamente alla loro mansione assegnata (Anti-Droga, Ricerca Corpi in vita, etc.),...
Animali da Compagnia

10 motivi per adottare un cucciolo

Tutti siamo attratti dai cuccioli, dal loro atteggiamento goffo, insicuro, teneri e giocherelloni, che conquistano subito il cuore di chi li guarda. Tuttavia la scelta di adottare un cane deve essere fatta in coscienza, spinti dalla voglia di condividere...
Cani

Come addestrare i cani

L'addestramento di un cane, può variare a seconda delle esigenze del padrone, dall'ambiente in cui viene tenuto e in ultimo, ma non meno importante, dall'indole della razza scelta. Per questo ultimo motivo, prima di prendere in casa un cucciolo è opportuno...
Cani

Come ottenere l'affidamento di un cucciolo di cane sequestrato

Sempre più spesso si sente parlare ai vari tg locali di animali sequestrati per maltrattamenti, in particolar modo di cuccioli di cani di razza che vengono tenuti in condizioni pessime o che vengono importati in Italia in maniera clandestina per poi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.