Alga reale: i benefici per l'acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le alghe sono organismi che nascono in ambienti acquatici, dove si nutrono di sostanze disciolte in acqua, riproducendosi velocemente ma mantenendo al contempo l'acqua pulita dalle scorie organiche. Le alghe sono delle specie infestanti, perché tendono a riprodursi i maniera incontrollata ma se controllate dalla mano umana, apportano notevoli benefici all'ecosistema del nostro acquario. In questa guida ci soffermeremo sull'alga reale e sui suoi benefici per l'acquario.

26

Produce ossigeno

L'alga reale, come tutte le alghe è un organismo vegetale e come tale ha la caratteristica di consumare, per la respirazione, anidride carbonica, producendo al contempo ossigeno, il quale viene utilizzato nella respirazione dei pesci che vivono nel nostro acquario.

36

E' nutrimento per i pesci

Nonostante, come proprietari di acquari, ogni giorni ci impegniamo per debellare le alghe, dobbiamo ricordarci che i nostri pesci hanno bisogno nella loro dieta di una componente vegetale, la quale può essere trovata comodamente nell'alga reale, quindi lasciamola vivere e integriamola nel nostro acquario.

Continua la lettura
46

E' un indicatore della qualità di vita dell'acquario

L'alga reale è un ottimo indicatore per evidenziare il livello di qualità di vita all'interno dell'acquario. Questo significa che, osservando il suo livello di riproduzione, possiamo dedurre alcuni parametri fisico-chimici dell'ecosistema acquario, potendo di conseguenza intervenire per migliorarli.

56

Consuma le scorie in eccesso

L'alga, come detto nell'introduzione, si nutre di organismi disciolti in acqua. Questo significa che utilizza le scorie prodotte da altri organismi, come i pesci, per nutrirsi e quindi ci evita parte del lavoro di pulizia, poiché lei sola elimina già parte delle sostanze di rifiuto che andrebbero altrimenti a depositarsi sul fondo dell'acquario.

66

Mantiene l'acqua limpida

L'eccesso di alghe è brutto da vedere, ma se tenute opportunamente controllate, queste presenze vegetali discrete, contribuiscono a tenere l'acqua limpida, creando un ambiente sano per la vita dei nostri pesci.
Ovviamente tenere a freno la riproduzione dell'alga reale è un compito abbastanza arduo ma la loro presenza è comunque un fattore positivo e benefico, capace di migliorare l'habitat dei pesci. Per questi motivi questo organismo non dovrebbe mai essere eliminato in maniera totale dall'acquario con prodotti chimici (tra l'altro spesso nocivi per i pesci), ma andrebbe affiancato a particolari organismi antagonisti che si nutrono di esse, i quali sono capaci di controllare la riproduzione e di equilibrare la loro presenza in acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Le alghe sono piante primitive che, attraverso la fotosintesi, uniscono l'acqua e l'anidride carbonica per formare gli zuccheri per la crescita. Le alghe producono ossigeno, un utile sottoprodotto, ma quando la luce solare non è disponibile durante la...
Pesci

Come scegliere le piante marine per acquario

In questa guida vedremo come scegliere le piante marine più adatte per un acquario. Per abbellire ed arricchire un ambiente sottomarino artificiale. Per mantenerne mantenerne inalterato l'equilibrio bio-chimico. Ed anche per gestire le cose al meglio,...
Pesci

Come allestire un acquario per ciclidi

I Ciclidi si differenziano dai comuni pesci d'acquario per la varietà cromatica e per il carattere. I maschi, in modo particolare, si mostrano molto più territoriali durante il corteggiamento e l'accoppiamento. I Ciclidi sono benevoli soprattutto con...
Pesci

Consigli per evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Chi ha la passione per i reef e per gli acquari di acqua dolce sa che il pericolo maggiore per la salute dei propri pesci è quello di non riuscire ad evitare la proliferazione delle alghe. Le alghe sono degli organismi privi di fusto, foglie e radici...
Pesci

Come scegliere i pesci pulitori per l'acquario

Ogni acquario che si rispetti deve contenere al suo interno dei pesci pulitori. Nonostante alcuni ne facciano a meno, occorre tenere presente che essi sono una componente fondamentale per la fauna del nostro acquario. I pesci pulitori mantengono pulito...
Pesci

Come allevare un ippocampo

L'ippocampo, comunemente detto "cavalluccio marino", è un piccolo pesce marino così chiamato per la forma del capo e per il suo collo curvo. Il corpo è ricoperto da placche e gli occhi possono eseguire movimenti indipendenti. Predilige i fondi sabbiosi...
Pesci

Pulire il vetro dell'acquario

L'acquario è un ecosistema molto delicato, e richiede passione e manutenzione. Fra gli inconvenienti più diffusi ci sono la proliferazione di alghe e calcare che si attaccano sui vetri, oscurandone la visuale e creando problemi di salute ai pesci....
Pesci

5 regole per il cambio dell'acqua in acquario

Avere un acquario in casa è un qualcosa che può regalare molte soddisfazioni. Se siete appassionati di pesci e di acquariofilia, saprete certamente quant'è piacevole osservare i pesci nuotare comodamente seduti sul divano di casa. Saprete anche come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.