Artiodattili: ambiente di vita e nutrizione

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Gli Artiodattili è un ordine di mammiferi erbivori ungulati, provvisti di arti le cui estremità (le dita) sono ricoperte da zoccoli. Quest'ordine di mammiferi si caratterizza per la particolare forma del piede. Essi, infatti, hanno un piede con dita di numero pari, di cui le esterne sono semplici e primitive e le interne, più sviluppate, sostengono il peso del corpo. Di queste dita però manca il primo dito. L'ordine degli Artiodattili è uno dei più ricchi in rappresentanti fossili. In questa guida spiegheremo la nutrizione di queste specie di animale e il loro ambiente di vita.

25

Gli Artiodattili sono divisi in tre tipo di sottordini: i ruminanti, i non ruminanti e i tilopodi. Dei ruminanti fanno parte, ad esempio, il cervo, lo stambecco. Dei non ruminanti fa parte il cinghiale. Dei tilopodi fanno parte dromedari, cammelli. I ruminanti sono diffusi in ogni parte del mondo, costituendo la maggioranza degli erbivori. Anche i non ruminati popolano quasi la maggior parte del mondo.
I tilopodi, invece, sono caratteristici di ambienti tropicali o subtropicali.

35

Per quanto riguarda le caratteristiche dei ruminanti, essi sono provvisti di una dentatura ridotta. Mancano, infatti, gli incisivi nella mandibola superiore. Per questo motivo, per cibarsi fanno uso della lingua. L'apparato digerente di questi animali è molto utile per una dieta abbastanza povera. Essi, infatti, dopo aver masticato il cibo, lo passano nel rumine, rappresentate l'80% dello stomaco. Da lì il cibo viene rigurgitato e viene masticato più finemente. Dopodiché passa nel resto dell'apparato digerente.

Continua la lettura
45

Per quanto riguarda i non ruminanti, parleremo del cinghiale. Esso è un animale molto svelto e agile, nonostante la sua grossa corporatura. Il cinghiale possiede una dentatura da onnivoro caratterizzata da 44 denti. Nei maschi (solengo) i canini sono particolarmente sviluppati e sono più lunghi di quelli della femmina (scrofa). Il cinghiale è onnivoro e la sua dieta è costituita da alimenti vegetali, sia animali, anche se quest'ultimi sono in misura minore. Si nutre di ghiande, radici, tuberi, larve, insetti, lombrichi e talvolta anche uccelli e piccoli mammiferi. Poiché fa parte della categoria dei non ruminanti, il cinghiale possiede uno stomaco semplice e la dentatura, come già detto, è poco sviluppata.

55

Per quanto riguarda, infine i tilopodi, essi, al contrario dei ruminanti sono privi di zoccoli e di corna. Essi presentano 30-34 denti, con un paio di incisivi superiori, incisivi inferiori lunghi e rivolti in avanti. Hanno, inoltre, canini robusti. Sottopongono il cibo a ruminazione, come i ruminanti, appunto. Si cibano di arbusti, alberi, e anche delle foglie delle specie di acacia, evitando le spine. Necessitano di molto sale, che può essere assunto con l'acqua.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Le principali malattie delle pecore

Le pecore sono animali bellissimi, ma al tempo stesso possono rivelarsi degli animali particolarmente delicati, soprattutto per quanto riguarda il rischio di contrarre delle speciali malattie, talvolta anche molto gravi e debilitanti. Le pecore, infatti,...
Rettili e Anfibi

Invertebrati: ambiente di vita e nutrizione

La parola "Invertebrati", coniata alla fine del XVIII secolo dal naturalista e zoologo Jean-Baptiste de Lamarck, indica tutti gli animali sprovvisti di colonna vertebrale e che non sono in grado di svilupparla. Se diamo uno sguardo all'etimologia della...
Invertebrati e Insetti

Come e quando effettuare la nutrizione dell'alveare

L'apicoltura, è una tipologia di allevamento di api a tutti gli effetti, essa risale a dodici mila anni fa. Infatti l'uomo, ha sempre usufruito di questo prodotto, sin dagli albori dell'umanità. Questa pratica viene appunto effettuata, sia a livelli...
Cura dell'Animale

Come calcolare l'età del cavallo

"A caval donato non si guarda in bocca" è il famoso proverbio secondo il quale non è elegante rilevare dei difetti in un dono ricevuto. Lo stesso proverbio ci indica il modo che viene utilizzato per l'argomento che tratteremo in questa guida, ovvero...
Volatili

Come alimentare i pappagallini inseparabili

Per tutti gli appassionati di animali, all'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazioni della giusta procedura per comprendere come alimentare i pappagallini inseparabili. Proseguite pure nella lettura di questa breve guida e se necessario...
Altri Mammiferi

5 mammiferi erbivori

Mentre alcuni esseri umani scelgono uno stile di vita vegetariano, molti sono gli animali che sono naturalmente predisposti ad una dieta erbivora. Queste creature possono distinguersi in base alla loro dimensione, all'area geografica in cui vivono e a...
Cani

5 consigli per nutrire un cane adulto

Il cane che ci fa compagnia riempiendo la nostra vita con la sua presenza, è per molti di noi il migliore e fedele amico, un membro della nostra famiglia; e come tale viene trattato in casa. Ma relativamente alla sua alimentazione, è bene ricordare...
Cura dell'Animale

Guida ai principali animali onnivori

Gli animali hanno conquistato il dominio del pianeta grazie all'adattabilità del comportamento e alle notevoli capacità di movimento. A secondo del cibo di cui si nutrono, essi si classificano in tre grandi gruppi: carnivori, erbivori e onnivori. Mentre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.