Avvelenamento cani: cosa fare

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il cane è il migliore amico dell'uomo e ormai per ognuno di noi non è solo un animale di cui prendersi cura, ma rappresenta un vero e proprio membro della famiglia e, come tale, ha bisogno di tutte le attenzioni necessarie affinché sia in salute e non gli manchi nulla.
Può accadere, a volte, che accidentalmente o di proposito, esso possa avvelenarsi.
L'avvelenamento è un'intossicazione provocata dall'ingestione di un veleno che può essere naturale o sintetico e che può portare, a volte, anche alla morte.
Spesso questi atti vengono intenzionalmente operati da persone senza alcuna moralità che, oltre a uccidere gli animali, possono anche costituire un pericolo per gli umani, soprattutto per i bambini e sono socialmente pericolosi.
Vediamo quindi come comportarci e cosa fare nel caso in cui ci rendessimo conto che il nostro amico è in stato di avvelenamento.

24

Innanzitutto dobbiamo verificare la natura della sostanza e contattare immediatamente un centro antiveleni o il nostro veterinario che ci dirà se è il caso di indurre il vomito al cane, ammesso che l'ingestione sia avvenuta nell'arco di un'ora. Per farlo vomitare è utile somministrargli abbondante acqua salata e ricordiamo invece di non somministrare mai del latte.
Cerchiamo di mantenere il cane tranquillo ed evitiamo qualunque stimolo visivo o sonoro che possa scatenare una crisi convulsiva.
Se il contatto è avvenuto attraverso la pelle, laviamo subito il cane e poi portiamolo dal veterinario per stabilire se è necessaria una terapia.
I veleni per cani più comuni sono quelli contro i topi, i diserbanti, il metaldeide e la stricnina, che agiscono velocemente e se non diagnosticati per tempo possono essere letali.

34

Infatti questi veleni possono portare il nostro cane ad avere determinati sintomi quali irrigidimento degli arti, incapacità di mantenersi sulle zampe, salivazione eccessiva o respirazione difficile, convulsioni, vomito e diarrea e talvolta si possono manifestare anche emorraggie nasali.

Continua la lettura
44

Nel caso in cui l'avvelenamento fosse avvenuto in un parco o in giro per la città dobbiamo immediatamente comunicare l'accaduto, in maniera scritta, al Servizio Veterinario dell'ASL competente e al Sindaco del Comune dove è avvenuto il fatto per delimitare l'area di minaccia.
Per evitare gli avvelenamenti accidentali è necessario tenere tutti i farmaci, le sostanze velenose e chimiche per uso domestico, chiuse in appositi armadi non accessibili al nostro cane.
Gettiamo sempre le confezioni vuote di queste sostanze per evitare che il cane possa trovarle e usarle per giocare.
Usiamo sempre la museruola se portiamo il nostro amico in giardini dove abbiamo il sospetto che possano esserci bocconi avvelenati o topicidi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come affrontare l'avvelenamento del gatto

Potrebbe capitare che il nostro amico gatto, curioso com'è, si metta nei guai giocando con tutto ciò che gli capita a tiro oppure che ingerisca sostanze potenzialmente pericolose. In questi casi spetta a noi accorgerci tempestivamente dell'accaduto...
Cani

Come salvare i vostri cani e gatti in seguito ad un avvelenamento

Vedremo in questo brano come salvare i vostri cani e gatti in seguito ad un avvelenamento. Può capitare purtroppo che ci si ritrova in una spiacevole situazione dove il vostro gatto oppure cane, per diversi motivi, abbia mangiato qualcosa che contenesse...
Cani

Come comportarsi in caso di avvelenamento del cane

Il cane, come dice il detto, è il miglior amico dell'uomo, un animale meraviglioso e un fedele amico. In moltissime sono le razze di cani che variano sia per provenienza che per dimensione e che vanno per esempio dal chihuahua fino ad arrivare al grandissimo...
Rettili e Anfibi

Come riconoscere una vipera e come comportarsi in caso di avvelenamento

I serpenti nella maggior parte dei casi sono velenosi e si possono suddividere in due principali grandi categorie, per cui imparare, a distinguerli e soprattutto a capire se ci troviamo in pericolo o meno, è importante sapere che ad esempio i colubri,...
Cura dell'Animale

Le piante più pericolose per cani e gatti

Spesso crediamo che i nostri amici a quattro zampe siano del tutto indifesi o sprovveduti nei confronti delle minacce che l'ambiente gli para davanti. Inutile dire che non è assolutamente così: anche cani e gatti hanno una propria intelligenza, propri...
Gatti

Come capire se il gatto ha ingerito del veleno

Prendersi cura di un animale domestico come un gatto, è una passione che accomuna molte persone, ma allo stesso tempo, un compito impegnativo. A volte può capitare uno spiacevole e grave inconveniente, il nostro amico a quattro zampe può inavvertitamente...
Volatili

5 alimenti da non dare al pappagallo

La maggior parte delle persone e, soprattutto chi non ha mai posseduto un pappagallo, spesso tende a sottovalutare l'importanza della sua alimentazione. È proprio fornendo una dieta corretta e bilanciata al nostro pappagallo, che possiamo garantirgli...
Gatti

Come aiutare il gatto a vomitare

I gatti, si sa, sono curiosi per natura. Questa loro indole li può mettere, però, in situazioni di pericolo; già, perché passeggiando in giro per il quartiere possono entrare in contatto con i più comuni insetticidi, piante velenose o altro. L'avvelenamento,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.