Come abbassare i nitriti in acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Come tutti gli esseri viventi, anche i pesci compiono funzioni proprie, come espellere urina e feci, e anche loro necessitano di cure ed attenzioni. Possedere un acquario non è banale come si pensa: bisogna prendersene sempre cura e, per offrire un ambiente confortevole ai vostri pesci, è necessario munirlo di moderni sistemi per depurare l'acqua e di un buon sistema di illuminazione, termoriscaldatori e decorazioni. Se siete alle prime armi con gli acquari ma avete deciso di allestirne uno, nella seguente guida vi sarà spiegato il ruolo dei nitriti in acquario, come tenerli sotto controllo e abbassare l'elevata formazione di questi.

27

Occorrente

  • Test per i nitriti
37

Formazione

I nitriti sono sostanze che derivano dalla degradazione della materia organica da parte di un ceppo di batteri: i nitrosomonas. Queste sostanze formano i sali tossici di ammoniaca e quelli atossici di ammonio. Quando il valore del pH risulta essere superiore a sette, aumentano i sali di ammoniaca. Nel caso in cui risulta essere minore allora si formano i sali atossici di ammonio. Per materia organica si intende escrementi, pezzi di foglie, eventuali pesci morti e anche tracce di mangime. Queste sostanze vengono trasformate prima in ammonio o ammoniaca, poi in nitriti e poi in nitrati. I nitriti sono tossici per i pesci, anche a basse concentrazioni.

47

Sviluppo dei batteri

Se l'acquario è stato appena allestito, è normale che si verifichi un picco di nitrati, perché segue lo sviluppo dei batteri: i nitriti non possono essere trasformati subito in nitrati perché non si è ancora formato un numero elevato di batteri del ceppo nitrobacter in grado di agire in tal senso. Dopo questo picco, i nitriti pian piano cominceranno a diminuire in modo proporzionale alla crescita di questi batteri. L'aumento dei nitriti può esserci, per ragioni analoghe, anche in acquari già avviati. In questo caso purtroppo ci sarà una moria improvvisa di pesci. Tale fenomeno è spesso il risultato di una pulizia eccessiva del filtro dell'acquario e delle decorazioni presenti in quest'ultimo dove vivono i batteri nitrificanti.

Continua la lettura
57

Test per i nitriti

Il miglior modo per prevenire questo picco è fare un test per i nitriti, acquistabile in qualunque negozio specializzato. Se notate un comportamento strano dei pesci che cercano ossigeno è perché nitriti interferiscono con il normale trasporto di ossigeno nel sangue. Dunque procedete con il test per i nitriti e se i valori superano 0,2 mg/l cambiate circa la metà dell'acqua. A prescindere da tutto, è consigliabile fare cambi parziali regolarmente ogni due o tre settimane. Nel caso di una pulizia elevata dell'acquario, potete velocemente ristabilire i batteri aggiungendo delle pastiglie create per questo scopo.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

La biochimica in acquario

Far funzionare un acquario e le sue singole parti non è semplice come si può pensare. Il primo ostacolo è sicuramente far funzionare un piccolo ecosistema, con mille parametri e diverse compatibilità. Una di queste è, forse la più importante, la...
Pesci

10 passi per allestire un acquario d’acqua dolce

Se intendiamo allestire un acquario di acqua dolce, è importante sapere che ci sono delle regole ben precise da seguire, per ottenere un ecosistema tale da favorire la sopravvivenza di pesci e piante. A tale proposito ecco una lista in cui in 10 passi,...
Pesci

Consigli per la manutenzione dell'acquario

Se avete intenzione di allestire un acquario di tipo tropicale, è importante sapere che ci sono alcuni funzionali e periodici interventi di manutenzione atti ad ottimizzare il risultato. Si tratta di lavori facili, che vanno eseguiti separati gli uni...
Pesci

Come mettere dei pesci in un nuovo acquario

Allestire un nuovo acquario è, senza dubbio, un'esperienza emozionante. Spesso, però, accade che i pesci che v'introduciamo al suo interno muoiano uno di seguito all'altro. Creare un nuovo ambiente per i nostri pesci, infatti, non è un'operazione così...
Pesci

Come allevare i pesci Discus

Allevare i pesci tropicali soprattutto della specie pregiata come i Discus, è un'attività piuttosto delicata ed impegnativa, in quanto richiede attenzione e competenza. Si tratta infatti, di esemplari molto colorati, belli da vedere e adatti anche per...
Pesci

Come allevare i Muskellunge

Tutti gli amanti della pesca non possono non aver sentito parlare dei Muskellunge. Questi grossi pesci sono simili ai lucci e fanno parte della famiglia delle Esocidae. È un grosso predatore di acqua dolce, molto diffuso nelle acque del Canada. In Italia...
Rettili e Anfibi

Anfibi: gestione in cattività

Al giorno d'oggi, sono in aumento le persone che "adottano" come animali domestici gli anfibi e li tengono in cattività all'interno della propria abitazione o del proprio giardino. Gli anfibi costituiscono una classe animale, che racchiude al suo interno...
Pesci

Come allevare i lucci

I lucci sono dei pesce d'acqua dolce, gli unici appartenenti alla famiglia delle esocidae. Essi sono per lo più presenti nei mari del Nord America, dell'Europa e dell'Eurasia durante il Paleogene attraverso presente. Hanno la forma di un siluro con una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.