Come accudire un ciuffolotto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il Ciuffolotto, il cui nome scientifico è Pyrrhula pyrrhula, appartiene alla Famiglia dei Fringillidi. Codesto essere, è molto diffuso in Italia e in Europa, ed è molto apprezzato come uccelletto da voliera, proprio grazie al suo piumaggio, perché presenta colori tendenti al rossastro sia sul petto che sui fianchi, con screziature nere e bianche sul dorso. Inoltre, il maschio di questi ciuffolotti, sono anche canterini, pertanto, se cerchi un ciuffolotto che ti tenga compagnia, questa guida, fa a caso tuo, perché ti fornirù utili consigli su come accudire questo simpatico uccellino.

26

Occorrente

  • pastone misto di semi
  • piselli surgelati
  • verdura fresca
36

Caratteristiche

Generalmente, il ciuffolotto, è un uccello che si sposa bene con tutti gli ambienti in cui vive e che non soffre del fatto, di essere rinchiuso in una voliera; se poi, deciderai di comprare la coppia di maschio e femmina, potrai assistere anche al corteggiamento, durante il quale, il maschio si mette a fischiettare, proprio per attirare l'attenzione della sua compagna. Da premettere, però, che per lui è impossibile la vita in gabbia, quindi, bisogna considerare lo spazio sufficiente, per approntare una voliera all'esterno.

46

Ambienti ideali e alimentazione

Per quanto riguarda la riproduzione in cattività, codesta, non presenta problemi particolari, anche perché, come detto in precedenza, si tratta di una specie che riesce ad adattarsi benissimo all'ambiente in cui si trova. Bisogna fare attenzione, a non esporre mai la voliera in luoghi troppo soleggiati e caldi perché questo uccellino, perché, in natura, vive in montagna e di conseguenza, non sopporta il caldo che lo sfinisce e gli fa perdere completamente l'appetito. Per quanto riguarda, invece, l'alimentazione, il ciuffolotto può essere nutrito con un pastone morbido, in cui ci sia misto di semi, come canapa e lino, a cui potrai aggiungere pochissimi semi di girasole abbastanza piccoli o anche della verdura fresca di stagione.

Continua la lettura
56

Riproduzione e salute

Durante il periodo della riproduzione, infine, che va da marzo a settembre, devi integrare, invece, del cibo più nutriente, quindi, si possono aggiungere anche dei semi di canapa, del niger germinato o dei piselli surgelati. Successivamente, quando si saranno schiuse le uova, è bene integrare l'alimentazione anche con dei vermi surgelati, che vengono chiamati pinkies. Bisogna fare molta attenzione alla salute del nostro ciuffolotto, perché si tratta di un uccello molto delicato e che soggetto al troppo calore, inizia a dare segni di difficoltà respiratorie e mancanza di appetito. Chiaramente, è d'obbligo, indipendentemente, dal tipo di uccello, mantenere sempre pulita la voliera e tenere sempre fresca sia l'acqua che il cibo.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come allevare l'uccello granatino violaceo

Il Granatino Violaceo chiamato anche Granatino Purpureo, è uno degli Estrildidi di maggiore bellezza ed eleganza. L'uccello maschio in particolare non passa inosservato dentro una voliera. Generalmente questo uccello proviene dalla Tanzania e dal nord...
Volatili

Come riscaldare una voliera

La voliera, a differenza delle gabbiette, è molto più grande e spaziosa e permette ai vostri piccoli volatili di muoversi al meglio, infatti più gli uccelli dispongono di spazio e più si sentono a loro agio e quindi allevarli diventa più facile e...
Volatili

Come far riprodurre in cattività una coppia di cocorite

La cocorita o pappagallino ondulato (Mellopsittacus undulatus), è il pappagallo più comunemente venduto in tutto il mondo come uccello domestico. Si tratta di un pappagallo di piccole dimensioni, originario dell'Australia: gli esemplari selvatici presentano...
Animali da Compagnia

Come accudire la cavia peruviana

La cavia peruviana, anche nota con il nome comune di "porcellino d'India", è un animale di piccole dimensioni appartenente alla famiglia dei roditori. Solitamente le cavie peruviane non superano i 20-30 centimetri di lunghezza, con l'esemplare maschio...
Volatili

Come far riprodurre i fagiani

Il fagiano è un gallinaceo che si caratterizza per il suo piumaggio piuttosto variopinto, soprattutto nel maschio. Quest'ultimo, infatti, presenta delle spettacolari piume con riflessi metallizzati e con dei colori brillanti. La femmina, invece, possiede...
Volatili

Come gestire le specie in una voliera

In questa bella guida, abbiamo pensato di aiutarvi a capire come poter gestire, nella maniera migliore e speciale, le varie specie, che esistono in natura, ma in una sola voliera, in modo che possano convivere nel modo più naturale e semplice possibile.Sembra...
Volatili

Come allevare i fringuelli

Il fringuello crea il suo nido in Europa, nelle Isole Atlantiche e in Asia Occidentale. Questo uccello sverna nel bacino del Mar Mediterraneo ed ha un peso compreso fra i "19 gr" e i "23 gr". Il suo corpo risulta costituito da forme piccole e slanciate....
Animali da Compagnia

Come accudire una cavia

La cavia domestica o porcellino d'India fa parte della categoria dei roditori originaria del Sud America e vive mediamente 5-6 anni. Il suo corpo è tondeggiante, le sue zampe sono corte e la coda non è presente. Generalmente la timida cavia è un animale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.