Come accudire un verdone

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il verdone, il cui nome nome scientifico è Chloris chloris, è un piccolo uccello che si adatta molto bene al vivere chiuso in una gabbia, che canta con una tonalità molto piacevole da ascoltare e che è facile da accudire. Il nome "popolare", per modo di dire, gli è stato dato facendo riferimento al suo colore principale, il verde appunto. In alcuni casi, comunque, il verde scuro può essere accompagnato anche da alcune sfumature di giallo. Le femmine invece risultano meno apparenti rispetto ai maschi, e non presentano alcun tipo di sfumatura gialla delle piume. In questa guida vi illustrerò come accudire un verdone.

26

Occorrente

  • miscela di semi
  • foglie di cavoli e d'insalata
  • gabbia quadrata o rettangolare
36

Non importa se il verdone ti sia stato regalato o l'hai comprato di tua spontanea volontà (il che sarebbe comunque meglio, perché si è più consci di quello a cui si va incontro), la prima cosa da fare è quelle di comprargli una gabbia di medio-grandi dimensioni e dalla forma squadrata. Sono assolutamente da evitare sia le gabbie piccole, perché hanno bisogno di spazio per volare (ed a causa di una tendenza alla claustrofobia), sia gabbie a cupola o con forme rotondeggianti, perché tendono a far perdere l'orientamento all'uccello, con conseguente cadute sul pavimento della gabbia.

46

Non bisogna essere frettolosi durante la fase di assestamento in gabbia, perché l'uccello deve abituarsi a vivere in uno spazio chiuso. Ovviamente deve imparare anche a fidarsi di voi, quindi non pensate di essere subito capaci di farlo mangiare direttamente dalle vostre mani, perché altrimenti rimarrete delusi: ci vuole molta pazienza ed un cammino graduale. Una nota importante: il verdone ha un carattere molto pacato e riesce ad andare d'accordo anche con altre specie di volatili, con il risultato che è possibile far convivere più uccelli, di specie diverse, all'interno della stessa gabbia.... Purché siano compatibili tra loro.

Continua la lettura
56

Passiamo ora al cibo. La miscela da preparare è simile a quella utilizzata per nutrire i canarini, con la differenza che bisogna aggiungere più canapa, semi di avena, panico, ravizzone e lino. Questi saranno mescolati ai semi di scagliola ed al niger e la pappa per il verdone è pronta. Ovviamente questo vale qualora si voglia preparare in casa la miscela, tenendo conto dei valori nutrizionali di ogni ingrediente, altrimenti è possibile comprare delle confezioni già pronte nei negozi per animali. In alternativa, comunque, è bene non fargli mancare del cavolfiore o cappuccio (del quale va ghiotto), foglie d'insalata e qualche spicchio di mela. Siamo giunti al termine di questa guida su come accudire un verdone.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Metti tra le sbarrette della gabbia un osso di seppia con il quale si pulirà il becco.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come accudire un ciuffolotto

Il Ciuffolotto, il cui nome scientifico è Pyrrhula pyrrhula, appartiene alla Famiglia dei Fringillidi. Codesto essere, è molto diffuso in Italia e in Europa, ed è molto apprezzato come uccelletto da voliera, proprio grazie al suo piumaggio, perché...
Animali da Compagnia

10 consigli per accudire un coniglio nano

I conigli nani sono degli animali molto vivaci, giocherelloni e da compagnia. Di solito si pensa al cane o al gatto come animale da compagnia, ma anche i conigli possono dare grandi soddisfazioni affettive. Un coniglio nano vive in media tra i 3 e i 5...
Volatili

5 consigli per accudire un pappagallo

Come ben saprete, i pappagalli sono animali intelligenti, ma molto istintivi. Esistono tantissimi esemplari di pappagalli, ed ognuno possiede caratteristiche ben diverse, quindi se siete certi di voler acquistare uno di questi volatili, prendetevene uno...
Animali da Compagnia

Come accudire una cavia

La cavia domestica o porcellino d'India fa parte della categoria dei roditori originaria del Sud America e vive mediamente 5-6 anni. Il suo corpo è tondeggiante, le sue zampe sono corte e la coda non è presente. Generalmente la timida cavia è un animale...
Volatili

Come accudire un canarino

Se abbiamo intenzione di adottare un simpatico canarino, prima di procedere dovremo essere cercare tutte le informazioni che riguardano la sua cura, sopratutto se non abbiamo mai allevato questo tipo di animali. Questa operazione è fondamentale, perché...
Animali da Compagnia

Come accudire un furetto

Da qualche anno a questa parte possedere un furetto sta divenendo una "moda", non solo in Italia ma anche all'estero. Il furetto assume così le sembianze di vero e proprio animale da compagnia al pari di un cane, un gatto oppure un coniglio con annesse...
Cura dell'Animale

Come accudire un coniglio domestico

I conigli sono degli splendidi animali da compagnia e di giochi, ma soprattutto sono dei validi amici a cui confidare tutti i nostri segreti. Tuttavia, se volete che il vostro coniglio conduca una vita serena e tranquilla, dovrete accudirlo nel migliore...
Animali da Compagnia

Come accudire la cavia peruviana

La cavia peruviana, anche nota con il nome comune di "porcellino d'India", è un animale di piccole dimensioni appartenente alla famiglia dei roditori. Solitamente le cavie peruviane non superano i 20-30 centimetri di lunghezza, con l'esemplare maschio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.