Come addestrare un setter da caccia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il setter è un cane caratteristico da ferma, originario dei paesi anglosassoni. Il suo pelo particolarmente folto e la sua profonda intelligenza, ne fanno uno dei cani più amati e apprezzati. Anche negli ambienti della caccia, sport nel quale questo animale eccelle decisamente. In questa guida vogliamo illustrarvi come addestrare nel modo giusto un setter da caccia.

26

Occorrente

  • Stoffa, lacci, croccantini, biscottini
36

Iniziate con gli esercizi

In virtù del suo sistema olfattivo molto sviluppato, il setter è considerato senza dubbio uno dei cani da caccia più efficaci. Tuttavia, al di là del suo innato istinto che lo porta ad essere molto attento a tutti i tipi di prede, occorrerà senza dubbio addestrarlo nel modo giusto, per consentirgli così di affinare le proprie caratteristiche anche nel campo della caccia. La prima raccomandazione che vi facciamo è quella di iniziare l'addestramento fin da quando il setter è un cucciolo, perché alcune nozioni base vanno trasmesse all'animale fin da subito. Vediamo ora in estrema sintesi come addestrare un setter da caccia.

46

Impartite i comandi basilari

L'addestramento di un setter da caccia consiste principalmente nel trasmettergli alcuni comandi basilari. Questi sono il seduto, lo stai e il riporto. Comandi che il cane sarà così in grado di utilizzare quasi naturalmente durante la battuta di caccia. Ricordatevi che un modo molto efficace per addestrare un setter ad elaborare questi comandi è quello di premiarlo dopo ogni esercizio (se questo è svolto nel modo più corretto) con un croccantino o comunque con piccole porzioni di cibo. Ripetete questo addestramento per alcuni giorni, avendo l'accortezza di non saltare neppure una giornata. L'aspetto della ripetitività dell'addestramento è infatti molto importante affinché il setter acquisisca la giusta predisposizione all'apprendimento dei comportamenti corretti.

Continua la lettura
56

Simulate la presenza di una preda

Non v'è dubbio che l'esercizio del riporto, per un cane da caccia, rappresenti l'esercizio più importante da fargli svolgere. Ecco perché dovrete procedere in questo senso con molta attenzione. Il consiglio è quello di costruire un fagotto con della semplice stoffa, che poi va legata con dei lacci per non farla sfibrare. L'addestramento consisterà nel lanciare ripetutamente il fagotto e istruire l'animale a restituirvelo. Il setter simulerà così ciò che dovrà fare durante la caccia. Gratificate sempre il vostro cane allorquando riporta il fagotto e ve lo porge con il muso. Durante i primi giorni di addestramento, noterete una certa difficoltà del cane a riportarvi la finta "preda", ma con il passare dei giorni la sua abilità in questo senso aumenterà di sicuro. Quindi siate costanti e fate in modo che il cane concepisca l'addestramento come un gioco e non come una coercizione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Costruite una finta preda con della stoffa legata con alcuni lacci. Lanciate il fagotto così ottenuto al cane e insegnategli a riportarvelo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Tutto sull'English Setter

Se anche voi siete amanti degli animali saprete sicuramente che questi vanno sempre trattati bene e che hanno bisogno di cure e coccole. Adottare un cane significa prendersene cura 365 giorni all'anno e quindi prima di fare un passo del genere bisogna...
Cani

Come tosare un setter inglese

La cura dei cani deve essere una delle nostre priorità. I nostri amici a quattro zampe si getterebbero nel fuoco per noi, e quindi accudirli e coccolarli è francamente il minimo. Tra le razze canine più pregiate vi è sicuramente il setter inglese,...
Cani

Tutto sul setter inglese

Le origini del setter inglese risalgono al 1500, ma è intorno al 1800 che questa razza, con accoppiamenti selezionati, si è perfezionata. Questi stupendi quadrupedi divennero famosi nel mondo intorno alla fine del 1800; il primo allevamento in Italia...
Cani

Come scegliere il cane per la caccia grossa

Se siete appassionati di caccia grossa, sport in voga in particolare nel Regno Unito, o se intendete avvicinarvi a tale pratica, ma siete in difficoltà nella scelta di un un fedele compagno che sappia esservi di grande aiuto nelle vostre battute, non...
Cani

Come Allevare L'Epagneul Breton

L'Epagneul Breton è una razza di cani di origine francese, riconosciuta dalla FCI (Standard N. 95, Gruppo 7, Sezione 1). Nel 1387 il conte Gastone Phoebus, nel suo famoso "Livre de la chasse", ritiene questo cane originario della Spagna, da cui il nome...
Cani

Le migliori razze canine per la ricerca dei tartufi

I tartufi sono tra le prelibatezze più costose del mondo e simili ai funghi, con la differenza che crescono nel sottosuolo in prossimità delle radici di diverse specie di alberi. Trovarli non è facile, per cui c'è bisogno dell'aiuto di cani che nello...
Cani

I migliori cani adatti per la caccia

I cani possiedono degli straordinari sensi: l'olfatto e l'udito. Doti per le quali l'uomo li ha scelti sin dalla preistoria come compagni. Addirittura ancora prima del cavallo, i cani si utilizzavano come animali da soma per le slitte. La selezione per...
Cani

Come Addestrare Un Cane Da Caccia A Riportare La Preda

Generalmente, le persone appassionate di caccia adoperano i cani per acciuffare le prede di varie grandezze. Essi sanno bene che, durante le stagioni della caccia nei boschi, il cane deve essere addestrato a riportare la cacciagione. Un cane da caccia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.