Come aiutare un Uccellino caduto dal Nido

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

È possibile che vi sia capitato di trovare un uccellino impaurito caduto dal nido, impietrito e incapace di volare. E vi sarà anche capitato di domandarvi come poterlo aiutare per evitare che la piccola bestiola incorra in eventuali pericoli. Ma per fare ciò, con estrema prudenza è opportuno porre attenzione prima di intervenire.

24

Per prima cosa, identificare la specie di appartenenza dell'uccello e in base a quello regolarsi. Nel caso in cui dovesse trattarsi di una specie protetta o comunque rara, bisogna chiamare la sezione LIPU più vicina a voi. Se, invece, si tratta di un passerotto, di un rondone, comunque di un uccellino molto piccolo, sarà difficile riuscire a salvarlo. La migliore soluzione possibile è quella di lasciarlo dove sta con la speranza che i suoi genitori tornino ad occuparsene. Ma se proprio sentite il bisogno di "salvarlo", potete spostarlo in un cespuglio lì vicino, prendendolo delicatamente in mano. Contrariamente a quanto accade per i mammiferi, gli uccelli non risentono dell'odore che potreste lasciare sul piumaggio del piccolo.

34

Ma in alcune circostanze l'intervento repentino è fondamentale per poter scongiurare un pericolo imminente, come ad esempio, è capitato alla sottoscritta, un gattone in agguato. Se l'uccellino è abbastanza grande, potreste riuscire a salvarlo. Anche se non fosse in grado di volare potrebbe rimettersi in sesto attraverso delle giuste cure. Quindi portatelo a casa con voi e mettetelo in una gabbietta o in alternativa una scatola di cartone con dei buchi in modo da poter far passare l'aria. Questo, per evitare la sua fuga in giro per casa che potrebbe essere per lui molto pericolosa. Se l'uccellino apre il becco quando avvicinate le mani sta a significare che sta aspettando il cibo dalla mamma e quindi dovrete imboccarlo. I genitori nutrono solitamente i nidiacei con piccoli insetti, che ovviamente dovrete procurarvi. Se, invece è primavera inoltrata o estate non dovrebbe esservi difficile trovare qualche formica o, anche qualche mosca, porgendole, con una pinzetta al becco del piccolo. Per quanto riguarda bere, invece, utilizzate una siringa alla quale avrete tolto preventivamente l'ago. Dopo averlo rifocillato, posizionatelo in un posto tranquillo, in modo che possa riposare.

Continua la lettura
44

Quando l'uccellino comincerà a mangiare da solo e a svolazzare nella gabbia saprete che è arrivato l'ora di liberarlo. Dopodichè, portatelo in un parco, possibilmente di mattina, in mezzo ai suoi simili ed aprite la gabbia. Sarà una cosa gratificante vederlo volare perché vi renderà consapevoli di aver salvato una vita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come sfamare un uccellino

Con l'arrivo delle stagioni calde, primavera e soprattutto estate, è possibile trovarsi di fronte a piccoli esemplari di volatili, probabilmente caduti dal loro nido, che necessitano di aiuto. Riuscendo a mettere da parte l'indifferenza, possiamo imparare...
Cura dell'Animale

Cosa fare se si trova un uccellino

Con l'avvicinarsi del periodo estivo gli uccelli si riproducono. Per farlo costruiscono nidi su tetti, alberi e quant'altro. In alcuni casi però gli uccellini cadono dai loro nidi in assenza della loro mamma. Infatti ci può capitare di trovare un uccellino...
Cura dell'Animale

La pulizia della gabbia per uccelli

La pulizia della gabbia per uccelli è molto importante. Qualsiasi volatile è presente nella nostra gabbia, la pulizia quotidiana è d'obbligo. La manutenzione che viene fatta alla gabbia, è semplicemente, una questione d'igiene sia per noi, sia per...
Volatili

Come scegliere la gabbietta per l’uccellino

Se avete deciso di allevare un uccellino ed intendete acquistare una gabbietta, è importante valutare alcune cose prima di scegliere quella giusta. Si tratta principalmente dell' aspetto strutturale e di quello legato alla grandezza del volatile. In...
Volatili

Come allevare lo zigolo

Lo zigolo è un uccellino originario dei Paesi Europei, diffuso anche in Italia, soprattutto al nord e al centro. Si riconosce facilmente dal colore giallo vivo della testa e dal marroncino chiaro del dorso. La colorazione del piumaggio permette di distinguere...
Volatili

Come alimentare un pettirosso

Capita di trovare un pettirosso in difficoltà perché è caduto dal nido o che per qualunque altro motivo non riesce più a mettersi in volo. I pettirossi sono dei tipici uccelli che si distinguono dai normali perché possiedono un particolare petto...
Volatili

Come alimentare un passerotto caduto dal nido

Siamo finalmente in primavera, la stagione in cui sentiamo finalmente i primi tepori dell'anno. Non c'è niente di meglio che sfruttare una bella giornata per una passeggiata. Durante il cammino, però, potremmo imbatterci in una piccola creatura bisognosa...
Volatili

Come allevare un piccolo rondone caduto dal nido

Quando le temperature iniziano a salire, ecco che nel cielo è possibile osservare la danza che numerosi volatili fanno come benvenuto alla calda stagione estiva, inaugurando un lungo periodo di belle giornate. Proprio il periodo estivo infatti, per la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.