Come alimentare gattini appena nati

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le prime settimane di vita del gattino sono, sicuramente, il suo periodo più delicato e a cui è necessario prestare grande attenzione. Fondamentale è l'alimentazione del gattino appena nato, soprattutto se non ha la possibilità di avere accanto la sua mamma. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi spiegheremo come alimentare i gattini appena nati nel miglior modo possibile.

25

Stabilire un piano alimentare

Ti sarà utile stabilire un piano alimentare per il tuo gattino. Si tratta di stabilire, a priori, quali sono le esigenze nutritive del tuo piccolo amico peloso ed andargli incontro con l'alimentazione corretta. I gattini appena nati necessitano di elementi nutritivi in grado di fornirgli energia di tre volte superiore a quella di cui ha bisogno un gatto adulto. Così come viene alimentato, al tempo stesso, egli necessita anche di smaltire le energie ingerite. Ne risulta che i gattini piccoli sono molto più attivi di quelli adulti.

35

Dare loro molto latte

Se il gattino appena nato è stato abbandonato, sarà necessario trovargli una madre surrogata che accoglierà il micino insieme ai suoi cuccioli. Per reperirne una potrai chiedere al tuo veterinario. Se non fosse possibile trovare una madre surrogata allora dovrai ricorrere all'alimentazione attraverso latte artificiale. Tieni presente che la madre allatta i suoi cuccioli (al di sotto delle 4 settimane di vita) ogni due tre ore circa. Non è possibile alimentare i gattini appena nati con il latte di mucca perché non contiene abbastanza elementi nutritivi e perché potrebbe provocare dissenteria ai gattini. Inoltre, è per loro difficile da digerire perché contiene più lattosio e caseina di quello della loro mamma. Poi la capacità di digerire il latte decresce con l'aumentare dei mesi di vita del gatto. Sarà il veterinario a consigliarti il latte artificiale migliore per il tuo gattino.

Continua la lettura
45

Somministrare cibo specifico per gatti

Dopo le tre o quattro settimane di vita, il gattino viene svezzato dalla mamma. Con lo svezzamento la sua alimentazione sarà più semplice da gestire poiché la frequenza dei pasti sarà ridotta progressivamente. A sei mesi, infatti, il gatto non avrà bisogno di mangiare più di due volte al giorno. Molti veterinari sono contrari ad alimentare il gatto con il cibo cucinato in casa. È vivamente consigliato di far mangiare al gatto dei cibi pensati appositamente per lui. Non sempre, infatti, il cibo cucinato in casa è in grado di fornire al gatto il giusto apporto nutritivo di cui ha bisogno. È bene, in ogni caso, rivolgersi ad un veterinario per un preciso piano alimentare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come prendere in braccio un gatto

Chiunque abbia in casa un gatto sa quanto essi siano sfuggenti: quando vogliamo fare una fotografia con loro fanno di tutto per correre da ogni parte e nel momento dello scatto si trovano sempre nelle pose più improbabili! Però sappiamo anche quanto...
Gatti

Come lavare un gattino appena nato

Chi possiede animali in casa sa benissimo che l'amore incondizionato che loro riescono a dare è veramente strepitoso. Cani, gatti ed altre specie di animali domestici, riescono a dare enormi soddisfazioni al proprio padrone, oltre che rivelarsi dei veri...
Gatti

Gatti e svezzamento: 5 regole d'oro per una corretta alimentazione

Le prime settimane di vita di un gattino sono importantissime, perché in tale periodo esso sviluppa ossa, muscoli, pelo e denti. In questa fase delicatissima l'alimentazione riveste una fondamentale importanza e l'alimento preferito dai gatti è senza...
Gatti

Consigli per svezzare i gattini

I gatti, come tutti i mammiferi che per un certo tempo della loro vita si nutrono solo con il latte materno, una volta passato tale periodo vanno svezzati. Svezzare significa infatti passare gradualmente dall'allattamento alla progressiva introduzione...
Gatti

Come e quando staccare i gattini dalla mamma

Nel mondo animale, come in quello umano, i cuccioli hanno bisogno delle cure della madre, almeno per il primo periodo di vita. La fragilità e l'arrivo in un mondo totalmente sconosciuto potrebbero creare parecchi problemi. Quindi bisogna prima comprendere...
Gatti

Come accudire un gattino di pochi giorni che ha perso la mamma

Purtroppo ogni tanto capita di trovare un piccolo gattino rimasto solo. Questo può essere causato da più di un motivo: qualcuno lo ha abbandonato, la mamma lo ha perso oppure lo ha abbandonato perché debole. Come comportarsi allora in questi casi?...
Gatti

Cosa fare se una gatta abbandona i propri piccoli

A volte, può accadere che un gatta abbandoni i propri piccoli appena nati. I motivi dell'abbandono dei cuccioli da parte di mamma gatta possono essere molteplici, ad esempio la propria gatta è nuovamente incinta, non è in buona salute oppure semplicemente...
Gatti

Come educare un gattino in casa

Chi di voi non ha mai sognato di aver a che fare con un gattino durante l'arco della vostra vita? Sembrerebbe che continua ad esistere qualcuno che nutre un po' di timore o di astio nei confronti degli amici a quattro zampe, ma probabilmente il tutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.