Come alimentare un passerotto caduto dal nido

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Siamo finalmente in primavera, la stagione in cui sentiamo finalmente i primi tepori dell'anno. Non c'è niente di meglio che sfruttare una bella giornata per una passeggiata. Durante il cammino, però, potremmo imbatterci in una piccola creatura bisognosa d'aiuto. Non è raro infatti incontrare qualche passerotto caduto dal nido. In primavera alcuni piccoli non ancora pronti al volo cadono giù da alberi o grondaie. Non sono autosufficienti e non tutti ottengono il soccorso dei genitori. In tal caso possiamo prestarglielo noi, ma dobbiamo sapere come alimentare questi uccelli. Nella seguente guida, passo dopo passo, vi forniremo maggiori informazioni in merito.

26

Rivolgersi ad un veterinario

Alimentare un passerotto è molto importante perché cresca sano e forte per volare. Se ne troviamo uno sul ciglio della strada dovremmo raccoglierlo e portarlo da un veterinario. Meglio un veterinario esperto in volatili. A prima vista infatti il passerotto potrebbe apparire sano. Ma ci vorrà l'occhio esperto di uno specialista per verificarlo. Se il passerotto non presenta lesioni possiamo chiedere al veterinario consigli sulla sua alimentazione. Generalmente un passerotto caduto può nutrirsi di pezzetti di carne cruda o larve del miele. Possiamo usare allo stesso modo anche dei piselli.

36

Diluire la pappa con l'acqua

Dovremo preparare della pappa fresca ad ogni pasto del passerotto. Dovrà cibarsi di frequente, anche se non troppo spesso durante la giornata. Possiamo diluire leggermente la pappa per renderla meno consistente. In questo caso non sarà necessario somministrare al passerotto ulteriore acqua. In caso contrario possiamo dargli dell'acqua con una siringa sottile, senza ago. Nei primi giorni il passerotto si limiterà a muovere la testa alla ricerca del cibo. Allargherà il becco al punto da introdurre in gola quasi una falange. Possiamo usare la siringa sia per l'acqua sia per dei pastoni ben umidi.

Continua la lettura
46

Costruire un piccolo nido

L'ambiente in cui far riposare il passerotto deve essere simile al suo habitat naturale. Possiamo costruire un piccolo nido con paglia e foglie. Se il passerotto non presenta piume, esponiamolo alla luce di un'abat-jour. Facciamo attenzione a non tenerla troppo vicina. Inoltre copriamo il passerotto con un panno morbido e caldo per proteggerlo dal freddo. È bene che sia una sola persona ad alimentare il passerotto: il piccolo si legherà ad un unico individuo. Sarà inoltre più facile per lui spiccare il volo quando sarà grande e pronto. È consigliabile sistemare il nido del passerotto più in alto possibile.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come alimentare un pettirosso

Capita di trovare un pettirosso in difficoltà perché è caduto dal nido o che per qualunque altro motivo non riesce più a mettersi in volo. I pettirossi sono dei tipici uccelli che si distinguono dai normali perché possiedono un particolare petto...
Volatili

Come Riconoscere Il Verdone

Capire come riconoscere il Verdone è allo stesso tempo semplice e complicato. Il Verdone, nome ufficiale Chloris Chloris, è un volatile appartenente alla famiglia dei passeriformi (come suggerisce il nome, a forma di passero), nello specifico nel ceppo...
Volatili

Come allevare un piccolo rondone caduto dal nido

Quando le temperature iniziano a salire, ecco che nel cielo è possibile osservare la danza che numerosi volatili fanno come benvenuto alla calda stagione estiva, inaugurando un lungo periodo di belle giornate. Proprio il periodo estivo infatti, per la...
Volatili

Come sfamare un uccellino

Con l'arrivo delle stagioni calde, primavera e soprattutto estate, è possibile trovarsi di fronte a piccoli esemplari di volatili, probabilmente caduti dal loro nido, che necessitano di aiuto. Riuscendo a mettere da parte l'indifferenza, possiamo imparare...
Animali da Compagnia

Consigli per aiutare un uccellino appena nato

Soprattutto nella stagione primaverile può capitare di imbattersi in piccoli volatili appena nati che hanno bisogno di aiuto. Il vostro supporto, nella maggior parte dei casi, potrebbe rivelarsi decisivo al fine della morte o della sopravvivenza dei...
Volatili

Consigli per la cura di un canarino appena nato

La cura di un qualsiasi cucciolo, di qualsiasi specie, è sempre una grande responsabilità ed un serio impegno. Per riuscire ad occuparsene come si deve, bisognerà innanzitutto avere a disposizione molte informazioni sulla specie cui appartiene l'animale...
Volatili

Come costruire un nido per rondini

Costruire un nido per rondini è un atto di puro amore verso questi uccelli, che ogni anno al ritorno dalle zone calde, non hanno la possibilità di trovare un nido, specie nelle città. Quest'attività di costruzione di nidi artificiali, ha un nome specifico...
Cura dell'Animale

Come costruire un nido per pipistrelli

I pipistrelli sono mammiferi in grado di volare e compiere manovre complesse in aria, e sono delle creature notturne che si rifugiano all'interno di grotte, nelle cavità delle rocce, negli alberi cavi, negli edifici e nei solai. In tutti i casi si tratta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.