Come alimentare un pettirosso

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Capita di trovare un pettirosso in difficoltà perché è caduto dal nido o che per qualunque altro motivo non riesce più a mettersi in volo. I pettirossi sono dei tipici uccelli che si distinguono dai normali perché possiedono un particolare petto color rosso vermiglio. È una specie piuttosto diffusa in Italia e se ne possono trovare frequentemente. Se ci si trova nelle condizioni di doversi prendere cura di un passerotto in difficoltà, allo esistono delle Associazioni per la protezione di uccelli e volatili, come ad esempio la Lipu. Se per qualche motivo non è possibile a portare subito il piccolo pettirosso presso una di queste associazioni, ecco qualche utile consiglio su come alimentare un pettirosso.

27

Occorrente

  • Pastone per insettivori
  • Camole della farina o del miele
  • Lombrichi
  • Grilli
37

Il pettirosso (Erithacus rubecula) è un uccellino passeriforme, della famiglia Muscicapidae. La sua alimentazione è composta prevalentemente da invertebrati che si trovano sugli alberi o nel suolo quali: camole della farina o del miele; lombrichi; grilli; lumache ed altre specie simili. Si nutre anche di frutta: soprattutto nelle stagioni di autunno ed aprile predilige la frutta secca, le bacche, i semi e la classica frutta da albero o anche da terra, come le fragole.

47

Per alimentare un pettirosso, il pastone per insettivori (che è possibile reperire in tutti i negozi specializzati in animali) è sicuramente una buona base per nutrirlo. Questo perché contiene diversi componenti che sono alla base della sua alimentazione. Però oltre al pastone, bisogna integrare la dieta anche con delle camole della farina o del miele, lombrichi e grilli, che si possono acquistare in qualsiasi negozio di animali o di pesca. Assicurarsi che gli insetti siano sempre vivi e che non siano in uno stato di pupa, per quanto riguarda le camole. Quindi cercare di dosare tutto in maniera equilibrata.

Continua la lettura
57

In commercio esistono diversi prodotti per quanto riguarda i semi da poter dare al passerotto: i semi per insetti o anche altre tipologie sono comunque ben gradite. Anche i semi che contengono la frutta possono essere apprezzati, come quelle delle mele o delle arance. La frutta, inoltre, si può anche dare fresca a pezzi. Tutti questi alimenti possono essere forniti a rotazione, lasciando come base della dieta il pastone per insettivori. Soprattutto le prime volte che si andrà ad interagire con questo uccellino, bisogna essere quanto più discreti possibile, senza farli spaventare e magari tenendoli in un posto dove non c'è molto via vai, e nemmeno rumori che possano infastidirlo. Così riuscirà ad abituarsi piano piano alla vostra presenza. Appena possibile è consigliabile comunque andare all'Associazione volatili.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non siete pratici, contattate subito la sede più vicina della Lipu: sapranno darvi gli aiuti migliori!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare la raaganella litoria ceerulea

Tra le varie specie di raganelle, la Litoria Cerulea è sicuramente la più interessante. Non solo per le elevate dimensioni (tra le più grandi della sua specie), ma anche perché è divertente e facile da allevare. Questo tipo di raganella “vive”...
Volatili

Canarini: 5 consigli sull'alimentazione

Per essere vispi e in buona salute, i canarini necessitano di una dieta equilibrata e varia. Sebbene siano granivori, questi volatili domestici hanno bisogno di integrare la loro alimentazione a base di semi con altre sostanze nutritive. Oltre ai semi...
Volatili

Come Riconoscere Il Verdone

Capire come riconoscere il Verdone è allo stesso tempo semplice e complicato. Il Verdone, nome ufficiale Chloris Chloris, è un volatile appartenente alla famiglia dei passeriformi (come suggerisce il nome, a forma di passero), nello specifico nel ceppo...
Volatili

Come alimentare un passerotto caduto dal nido

Siamo finalmente in primavera, la stagione in cui sentiamo finalmente i primi tepori dell'anno. Non c'è niente di meglio che sfruttare una bella giornata per una passeggiata. Durante il cammino, però, potremmo imbatterci in una piccola creatura bisognosa...
Volatili

Come riconoscere il rondone

Il rondone fa parte della famiglia degli Apodiformi (ordine di classe degli uccelli) e si trova comunemente nella Penisola Italiana da Marzo-Aprile fino a Ottobre-Novembre. Le specie individuate precisamente in Italia sono il rondone comune, pallido e...
Volatili

Come alimentare i piccoli di canarino al momento del distacco

Gli uccelli sono da sempre degli animali scelti per tenere compagnia, ma hanno bisogno di molte cure ed attenzioni per poter vivere a lungo ed in armonia, in quanto sono molto delicati e richiedono molte attenzioni. Bisogna quindi avere delle conoscenze...
Volatili

Come alimentare i canarini

In questo articolo vogliamo offrire una mano a tutti coloro che hanno in casa dei simpatici canarini, per imparare quale sia l’alimentazione corretta, da offrire a questi uccelli.Sono veramente in tante, le famiglie, che decidono di adottare un canarino...
Volatili

Come salvare un uccellino caduto dal nido

Salvare un animaletto in difficoltà è sempre una meravigliosa azione da compiere: è sempre bello salvare una qualsiasi vita in difficoltà. Talvolta la faccenda può risultare difficile, magari non si sa come fare e cosa fare prima e durante il salvataggio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.