Come allenare un cavallo da corsa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Quante volte in tv o dal vivo ci siamo fermati ad ammirare la maestosa potenza muscolare di una delle creature più intelligenti ed eleganti del pianeta come il cavallo? E quante altre ci è capitato di fantasticare sull'opportunità di allenarne uno personalmente, così da partecipare insieme a lui a competizioni ufficiali? Se davvero siamo intenzionati a perseguire questo sogno, però, dobbiamo farci trovare preparati, comprendendo che allenare un cavallo da corsa, richiede conoscenze, attenzioni e sacrifici. Nella guida che segue illustreremo alcune esercitazioni da sottoporre al cavallo, ricordando sempre come queste debbano essere adattate alle inclinazioni dell'esemplare, alle sue reazioni ed alla sua struttura fisica.

25

Conoscere il cavallo

L'ideale per poter impostare correttamente il cavallo sarebbe iniziare l'addestramento quando l'animale è giovane. Fin dai primi approcci è importante osservare le reazioni del cavallo al morso e alla sella, poiché le prime difficoltà possono essere dovute a una riluttanza comprensibile nei confronti di detti accessori, oppure se l rifiuto che si protrae nel tempo è chiaro che si è in presenza di un carattere fiero, verso cui dovremo porci in maniera più accomodante. Compito dell'allenatore dunque, è non solo valutare le caratteristiche muscolo-scheletriche e tecniche del cavallo, ma anche comprendere l'indole dello stesso, così da modulare le tecniche di esercitazione alla psicologia del futuro campione.

35

Apprendere la resistenza

Come spesso avviene anche per l'uomo, è una buona prassi lavorare prima sulla resistenza, poi sullo sviluppo della massa muscolare e infine sull'aumento della velocità e della tecnica di corsa del cavallo. Nelle prime settimane di allenamento è bene alternare il trotto al passo, così da concedere al cavallo un giusto recupero; è bene che il lavoro venga strutturato incrementando in ogni allenamento la durata del trotto, arrivando dopo un mese di allenamenti costanti ad avere un cavallo in grado di supportare un carico di un paio d'ore, sempre intervallata dal passo, avente funzione defaticante.

Continua la lettura
45

Intensificare il lavoro

Trascorso il primo mese di lavoro, si può introdurre gradualmente la tecnica del galoppo e del lavoro in salita, ricordando sempre che con i cavalli serve molta pazienza nei primi periodi di allenamento. Un'ottima metodologia che permette di sviluppare molti aspetti consiste nel far eseguire all'animale delle salite prima al passo e poi al trotto; successivamente discese al passo, delle corse sul piano al galoppo e dopo qualche minuto al passo, nuovamente delle salite. Diventa vitale osservare il cavallo durante questa fase, per evitare che si affatichi eccessivamente. Dopo 4/5 mesi di allenamenti dovremmo essere in grado di aver intuito la predisposizione del cavallo per le gare di velocità o di resistenza, e a seconda del suo talento potremo lavorare più nello specifico continuando ad aumentare la resistenza, o introducendo volate e altre esercitazioni mirate ad accrescere la velocità di punta e la potenza muscolare dell'esemplare.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come allenare l'intelligenza del tuo gatto

Tra gli animali domestici più intelligenti che esistono, senza ombra di dubbio, c'è il gatto. Il gatto è un felino domestico, adottato sia per la compagnia che per cacciare via i topi. Questo delizioso animaletto, infatti, non richiede molta cura,...
Cani

Come allenare l’intelligenza del vostro cane

Che il cane sia un animale dall'intelligenza molto sviluppata ormai è cosa nota, quello che però molti forse ancora non sanno, è che il cane è in continua evoluzione ovvero è sempre alla ricerca di nuove conoscenze, sempre pronto ad apprendere tutto...
Gatti

Come fare ad allenare il cervello di un gatto

Tra tutti gli animali domestici, sicuramente il gatto ricopre un ruolo di primo piano, la sua bellezza, intelligenza e per quel suo tocco di mistero. Innumerevoli sono i benefici che si possono trarre dall'avere un gatto, come per esempio l'avere un ottimo...
Altri Mammiferi

Le caratteristiche del cavallo frisone

Il frisone è una razza di cavalli sviluppatasi nei Paesi Bassi durante il Medioevo. Incredibilmente agile grazie alle sue grandi dimensioni, il frisone è stato storicamente utilizzato come cavallo da guerra, poiché in grado di trasportare i cavalieri...
Cani

Tutto sul Segugio Tedesco

Il segugio tedesco è un bellissimo cane di razza che, per tutti gli amanti dei cani, può essere davvero la scelta giusta per poter vivere insieme ad un nuovo amico a quattro zampe non solo di bell'aspetto ma anche dall'acuta intelligenza. Oggi vi sveleremo...
Cura dell'Animale

Come addestrare il vostro cavallo

Il cavallo è un animale bellissimo e molto sensibile, e se ne possedete uno ed intendete addestrarlo, comunque sappiate che non è affatto una passeggiata. Infatti, bisogna sapere che se non si è esperti, è meglio farsi aiutare da qualcuno, magari...
Cura dell'Animale

Come sferrare un cavallo

La ferratura dei cavalli è una pratica che ha avuto inizio nel Medio Evo, in Europa ed era diretta a proteggere gli zoccoli dei cavalli, indeboliti dalla stabulazione, ovvero la mancanza di libertà nei movimenti, in quanto gli animali erano confinati...
Cani

Cane anziano: esercizi per tenerlo allenato

Proprio come gli esseri umani, anche gli animali hanno bisogno di continuare a muoversi e rimanere attivi per godere a pieno della loro "terza età". Il processo di invecchiamento comporta la perdita di tono muscolare e l'equilibrio, che può portare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.