Come Allevare Allo Stecco Una Calopsite

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In questa guida vedremo allevare in maniera particolare un tipo di pappagallo davvero molto carino e affascinante. Vedremo per l'appunto, attraverso una serie di semplicissimi e chiari passaggi, come poter allevare allo stecco una calopsite, in modo da poter regalare le giuste attenzioni a questo volatile. Ovviamente nulla vi impedisce di chiedere ulteriori chiarimenti e informazioni ad un veterinario, questi saprà consigliarci per il meglio.

25

Per essere allevati a mano, i pulli di calopsite dovranno essere prelevati dal nido non prima dei 15 giorni di vita, se siamo inesperti preleviamoli in estate, eviteremo in questo modo di doverli mettere in camera calda, che altro non è se non una scatola dotata di termostato che mantiene la temperatura stabile e consente di tenere il piccolo al caldo. Non si presenterà questo accorgimento se il pullo è già impiumato, in tal caso occorrerà solo una scatola da scarpe nel quale riporlo, sul fonda della quale metteremo un foglio di carta da cucina, che sostituiremo non appena si sporca, l'igiene è fondamentale.

35

Vediamo ora come preparare il pasto con cui andremo a nutrirlo per i primi tempi. Procuriamoci in un negozio di animali, un preparato apposito, detto "nutribird", un pastone specifico da imbecco. Per prepararlo facciamo bollire dell'acqua, così da eliminare ogni batterio, aggiungiamo un po' di polvere di nutribird e mescoliamo a poco a poco, quanto alle proporzioni tra acqua e povere seguiamo la tabella riportata sulla confezione. Mescoliamo fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi.

Continua la lettura
45

Una volta raggiunta la consistenza giusta, lasciamolo raffreddare ad una temperatura tra i 37 gradi e 40 gradi, l'ideale è 38 gradi. Per controllare il calore usiamo un termometro digitale, oppure avvaliamoci del metodo che usiamo con il latte dei neonati, cioè mettiamo un po' della pappa sul polso e verifichiamo, al contatto della pelle non deve essere né troppo caldo né apparire freddo. Quindi, con l'aiuto di una siringa, aspiriamo un po' del preparato ed avviciniamolo al becco della calopsite, il piccolo inizierà a mangiare e ad instaurare così un rapporto con noi. Ricordiamo dopo ogni pasto di pulirgli il becco con un batuffolo di cotone bagnato con acqua.

55

Dopo quarantacinque giorni la calopsite inizierà a rifiutare la siringa, da quel momento potremo iniziare ad imbeccarla con le mani. L'allevamento a mano, o a stecco, è forse il modo più impegnativo di prendersi cura di un animale, ma senza dubbio è anche la più gratificante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come addestrare una calopsite

Per chi non la conoscesse, la calopsite è un pappagallo di piccole dimensioni (raggiunge i 33 centimetri) diffuso soprattutto in Australia. Aggiungiamo che è uno degli esemplari più richiesti nei negozi di animali di tutto il mondo per il colore del...
Volatili

Come allevare i parrocchetti

La schiusa delle uova e la nascita dei piccoli sono il momento più bello e più emozionante che la passione per i pappagalli possa dare. Per la loro riproduzione e per il loro allevamento occorre tenere conto di alcuni accorgimenti, sia in tema di alimentazione...
Invertebrati e Insetti

Come allevare gli insetti stecco

L’ambiente naturale ospita tanti esseri viventi, quali umani, animali e vegetali. Si nutrono degli stessi elementi dove nascono e crescono, tanto da dovergli creare, se volessimo curarli fuori dal loro habitat, una gabbia le cui caratteristiche più...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere un insetto stecco

Il regno animale è pieno di meravigliose creature che affascinano tutti noi. In questa particolare giuda, scopriremo come riconoscere un insetto stecco. Se non ne abbiamo mai visto uno, impareremo a individuarlo facilmente. Se poi ci piacerà davvero...
Volatili

Le specie di pappagalli parlanti

I pappagalli appartengono all'ordine Psittaciformi. Si differenziano in circa 353 specie distribuite in America centrale e meridionale, Asia, Africa, Australia e Oceania. I pappagalli sono un gruppo molto vario, con dimensioni che vanno dai 10 cm al metro...
Animali da Compagnia

Come scegliere il cucciolo che fa per voi

Avete voglia di trovare un nuovo compagno con cui condividere la vostra vita e i vostri momenti più belli, ma non sapete come scegliere il cucciolo che fa per voi? Qui sotto potrete trovare una guida con dei consigli utili per aiutarvi a decidere quale...
Invertebrati e Insetti

L'allevamento dell'insetto foglia

Al giorno d'oggi sempre più persone si dilettano ne l'allevamento di specie animali molto particolari. Da chi si limita ad avere i classici animali da compagnia, a chi preferisce avere in casa serpenti delle più svariate dimensioni e pericolosità....
Volatili

Come allevare i pappagalli

I pappagalli sono degli animali socievoli e molto intelligenti e se trattati bene riescono a vivere anche 60-80 anni. Dovete però sapere prima di prenderne uno in casa, magari per il vostro bambino, che allevarli non è molto semplice. In questa guida...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.