Come Allevare Ed Educare Il Pincher

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il pincher è una delle tante razze canine esistenti al mondo che, generalmente, presenta una testa sviluppata in larghezza, un muso abbastanza appuntito ed un pelo corto e liscio, che può essere di un unico colore o anche doppio: nel primo caso, la tonalità di colore va dal marrone al rosso cervo, mentre nel secondo caso è nero e presenta delle leggere sfocature marroni. Nei passi a seguire di questa guida, spiegherò nel dettaglio come allevare ed educare un pincher.

26

Occorrente

  • Alimentazione equilibrata
  • Mano decisa
  • Ricompense
  • Spazzola
  • Prodotti per cani
36

Mantere un'alimentazione equilibrata

Innanzitutto, è consigliabile prendere un pincher dopo che il cane ha compiuto i due mesi di vita, in maniera tale che non abbia più necessità delle cure materne e si possa procedere con le vaccinazioni necessarie. Oltre a ciò, bisogna fare particolare attenzione alla sua alimentazione in quanto tende, col tempo, ad ingrassare per costituzione. In questo caso, è di fondamentale importanza somministrare al cane i seguenti alimenti: carne (premurandosi di eliminare gli ossicini interni), pesce, cereali, legumi, integratori e minerali. Particolare menzione merita l'acqua poiché, come per tutti gli animali, deve essere sempre a disposizione, fresca e cambiata giornalmente.

46

Dare delle ricompense se ubbidisce ed esegue correttamente i comandi

Per addestrare il proprio cucciolo di pincher, è necessario trattarlo in modo deciso, imponendo sin da subito dei limiti ben precisi ma senza elargire rimproveri e punizioni troppo severe; il cane, infatti, è conosciuto per la sua straordinaria intelligenza e tende ad imparare abbastanza velocemente. Inoltre, è bene dargli delle ricompense se ubbidisce ed esegue correttamente i comandi impartiti, così da capire cosa è giusto fare e cosa invece non va bene. Il pincher è un cane molto giocoso, per cui è importante far sfogare la sua grande energia (stando naturalmente attento che non combini guai o faccia danni).

Continua la lettura
56

Spazzolare il cane almeno 2-3 volte a settimana

Per quanto riguarda la pulizia del pincher, quest'ultimo necessita di essere spazzolato almeno 2-3 volte a settimana, ma nei periodi in cui inizia a perdere il pelo, è consigliabile aumentare la frequenza, spazzolandolo almeno una volta al giorno. Inoltre, controllate e pulite frequentemente le orecchie, sottoponendolo anche al bagnetto ed utilizzando solo ed esclusivamente prodotto adatti a lui. Anche per la propria persona, è importante sottoporre il cane ad un controllo generale per individuare eventuali zecche o parassiti presenti nel pelo. Infine, non tutti sanno che questi cani soffrono particolarmente il freddo e, durante il periodo invernale, devono essere tenuti dentro casa.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Razze canine ideali per la vita in appartamento

Si dice che i cani siano gli amici migliori dell'uomo. Sono degli animali meravigliosi e fedeli, capaci di rendere felice la persona che se ne prende cura. Esistono cani di diverse dimensioni e abituati ad ambienti diversi. Spesso, chi vive in appartamento,...
Cani

Come educare un cucciolo a non sporcare in casa

Adottare e allevare un cucciolo di cane o di gatto sono sicuramente un’esperienza molto bella. Imparare a prendersene cura è inoltre educativo per ogni uomo o donna, indipendentemente dalla sua età. Avere un cucciolo in casa può però anche comportare...
Gatti

Come allevare gatti di razza

I gatti sono tra gli animali domestici, che maggiormente popolano le nostre case, assieme ai cani; molto spesso i gatti hanno vita indipendente, passando la maggior parte della giornata, a caccia o comunque a riposare. Non tutti i felini sono però hanno...
Animali da Compagnia

5 regole per educare il furetto a fare i bisogni in lettiera

Se intendiamo allevare un furetto, ci sono alcune regole importanti da fargli rispettare, in modo da ottenere un addestramento che lo faccia abituare ad utilizzare la lettiera, e quindi evitare di sporcare altre parti della casa. Nei passi successivi...
Volatili

Come allevare una gazza ladra

La gazza ladra è un uccello di medie dimensioni, fa parte della famiglia dei corvidi e si riconosce con grande facilità poiché è caratterizzata da una colorazione bianca e nera con riflessi blu e verdi e da una lunga coda graduata. Quando si decide...
Cani

Come educare il cane a rispondere al suo nome

Avere un cane è davvero bello: il cane è, senza dubbio, il migliore amico dell'uomo, il suo più caro ed affettuoso compagno di giochi, avventure e coccole. Uno degli aspetti più divertenti e soddisfacenti dell'avere un cane, però, è proprio quello...
Gatti

Come educare un gattino in casa

Chi di voi non ha mai sognato di aver a che fare con un gattino durante l'arco della vostra vita? Sembrerebbe che continua ad esistere qualcuno che nutre un po' di timore o di astio nei confronti degli amici a quattro zampe, ma probabilmente il tutto...
Gatti

Come educare un gatto

Ecco una guida, che tornerà molto utile a tutti coloro i quali amano i gatti ed anche il loro mondo. Sono veramente in tanti coloro i quali, hanno in casa un gatto o anche più di uno e desiderano magari insegnare loro qualcosa ed educarlo al meglio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.