Come allevare gli scarabei

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Negli ultimi anni sono sempre piú numerose le persone che si appassionano ai coleotteri, in Giappone per esempio, allevare scarabei è una cosa più che normale. Tuttavia gli scarabei sono una famiglia di insetti molto ampia e variegata, all’interno della quale convivono specie dalle caratteristiche e dalle abitudini più svariate. In questa guida vedremo come allevare in cattività alcuni degli scarabei più comuni in commercio, ovverosia quelli appartenenti alle sottofamiglie dei Cetonini e dei Dinastini.

28

Occorrente

  • una coppia di scarabeidi o delle larve
  • un terrario adeguato
  • terra, humus, foglie morte e legno marcio per nutrire le larve
38

Diciamo pure che gli scarabei più facili da allevare sono senz'altro i Cetonini e i Dinastini, in quanto le loro larve si nutrono di legno in decomposizione e detriti vegetali (xilofago-detritivore). Possono essere acquistati sia allo stato di larva che allo stato di adulto. Reperirli è possibile, in una fiera specializzata o su internet in uno dei tanti siti di scambio e compravendita per appassionati. Ricordiamo comunque che occorrono molti mesi perché le larve diventino adulte. Adesso affrontiamo quindi gli aspetti pratici, iniziando dal terrario.

48

In commercio si trovano svariate tipologie di vasche, ciascuna adatta alle caratteristiche e dimensioni delle differenti specie. Anche la composizione del terriccio varia a seconda della specie, seppur nel rispetto delle seguenti regole. Se si parla di una coppia di adulti, preparare un terrario che abbia un profondo substrato cosí composto: 1/3 di humus o terriccio, 1/3 di foglie morte, 1/3 di legno marcio. In un consorzio agrario procuriamoci del terriccio, facendo attenzione che non contenga fertilizzanti o sostanze chimiche.

Continua la lettura
58

Per quanto concerne le foglie morte, usare solo latifoglie, niente conifere (aghi). Anche il legno marcio dev’essere sbriciolato fino ad ottenere una consistenza simile alla segatura ed anch’esso unicamente di latifoglia. Per i Dinastini il legno marcio dovrà rappresentare i 2/3 del totale. Queste componenti vanno mescolate e deposte sul fondo del box. Per terminare distribuiamo qualche ramoscello e delle cortecce, su cui gli scarabei potranno arrampicarsi e per aiutarli a raddrizzarsi, qualora dovessero capovolgersi. Il terrario va tenuto in casa ma non esposto direttamente al sole. La temperatura ideale infatti è di 25 °C e durante l’inverno bisognerà riscaldarlo. A tal proposito, possiamo procuraci una resistenza o cavetto riscaldante per terrari oppure appendere sulla teca una lampadina.

68

Le uova si schiudono in larve; queste ultime, dopo alcune mute, diventano pupe ed infine adulti. Una volta raggiunta la maturitá sessuale, gli accoppiamenti durano parecchio tempo. Spesso le specie in cattivitá hanno maschi aggressivi; in questi casi è meglio allevare gli insetti singolarmente e mettere insieme maschio e femmina solo per il tempo dell'accoppiamento. Al termine dell'accoppiamento gli insetti torneranno alle loro solite attività di scavo e nutrizione.

78

Una volta fecondata, la femmina scaverà nel substrato fino a trovare il posto che considera migliore per deporre singolarmente le proprie uova. Il substrato dovrebbe essere profondo almeno 6-8 volte la lunghezza della femmina e, durante questo periodo dev'essere mantenuto leggermente umido. Dopo 4-5 settimane dovremo prelevare il terriccio, svuotarlo su carta da giornale e andare alla ricerca di uova e larve. Queste ultime vanno infatti allevate separatamente, essendo carnivore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Consigli per allevare un toporagno

Il toporagno è una specie appartenente alla famiglia dei Soricidi, un' ordine di mammiferi molto simili ai topi. Questa specie è caratterizzata da un lungo muso appuntito e da una soffice pelliccia dalle tonalità marroni e grigie. A differenza dei...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le coccinelle

Il termine coccinella deriva dal greco "Kòkkinos" o latino "Coccinus", che significa "rosso scarlatto". È proprio da tale caratteristica che deriva il nome di tali insetti. Fin dall'antichità sono considerate simbolo di buon auspicio, reputazione dovuta...
Volatili

Come allevare i cardellini

I cardellini sono dei piccoli volatili che fanno parte della classe dei fringillidi. Essi devono il loro nome ad un pianta, vale a dire il cardo. I semi di questa pianta sono il nutrimento principale dell'animale dal piumaggio morbido e variopinto. La...
Pesci

Come allevare il pesce siamese combattente

Il pesce siamese combattente è di acqua dolce, e si presenta con un corpo decisamente robusto e a tratti cilindrico. Si tratta di un esemplare che come si evince dal nome stesso, è predisposto al combattimento con un altro maschio, quando la sua femmina...
Rettili e Anfibi

Come allevare un bitis gabonica

Più comunemente chiamata la Vipera del Gabon, questo tipo di serpente è molto diffuso in natura nelle zone della Tanzania, Uganda, Zambia e Mozambico. Fra le diverse vipere è forse la più grande in assoluto, ma possiede un carattere molto mansueto...
Pesci

Come allevare una coppia di scalari

Con le loro pinne ventrali filamentose e l'alternanza di bande nere sul corpo argenteo, gli scalari sono una delle specie ittiche d'acqua dolcevita più diffuse negli acquari di tutto il mondo. In questa guida vedremo, nello specifico come allevare una...
Pesci

Come allevare un ippocampo

L'ippocampo, comunemente detto "cavalluccio marino", è un piccolo pesce marino così chiamato per la forma del capo e per il suo collo curvo. Il corpo è ricoperto da placche e gli occhi possono eseguire movimenti indipendenti. Predilige i fondi sabbiosi...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere gli insetti

Ogni giorno attorno a noi ruota un piccolo micro mondo costituito da piccole creature che si muovono e volano. Solitamente li definiamo tutti insetti senza tuttavia saperli distinguere tra loro.Se leggerai questa guida ti spiegherò in maniera semplice...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.