Come allevare i girini

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il termine "girino" identifica comunemente lo stadio larvale degli Anfibi e, tra questi, rientra il piccolo della rana. La struttura del girino è caratterizzata da un corpo globulare, che contiene gli organi vitali, e da una coda appiattita e lanceolata che ne permette la natazione. I girini attraversano diversi stadi di metamorfosi fino a diventare delle piccole rane: subiscono, quindi, tutta una serie di cambiamenti necessari e finalizzati al passaggio progressivo dall'habitat acquatico, in cui respirano tramite le branchie e si nutrono di vegetali, a quello terrestre. Per poterli allevare è necessario avere a disposizione dell'acqua stagnante e soprattutto la conoscenza di tutto ciò di cui hanno bisogno. Attraverso i passi seguenti ci occuperemo di spiegarvi come è possibile allevarli.

26

Occorrente

  • Uova di rane
  • Acqua dello stagno
  • Piante e vegetazione dello stagno
  • Habitat adeguato
36

Procurarsi delle uova di rana

Per realizzare un piccolo allevamento, come prima cosa dovrete procurarvi delle uova di rana, quindi dovete anche sapere che il periodo della fecondazione delle uova inizia a gennaio-febbraio ed è possibile procurarsele durante i mesi primaverili. Le uova fecondate appaiono come una massa sferica scura, di circa mezzo centimetro di diametro, circondata da materiale gelatinoso trasparente che le lega assieme in una sorta di cordone. Con l'aiuto di un retino potete raccoglierle negli stagni, prestando molta attenzione a non romperle perché sono molto fragili. Non è necessario che ne raccogliate tante per riuscire creare il vostro allevamento.

46

Attendere la schiusa delle uova

Quello che dovete fare è riempire un sacchetto di plastica o un secchiello con acqua dello stagno. Se è possibile, raccogliete anche delle alghe e alcune piantine che faranno da nutrimento, quindi depositate con cura le uova nell'acqua per poterle trasportare. Prendete poi una vaschetta per i pesci, riempitela con acqua del rubinetto e travasate le uova, sempre con la massima cura per evitare che si rompano. Attenzione, però: l'acqua dovrà essere priva di cloro e calcare, altrimenti le uova moriranno, quindi se non siete sicuri mantenete le uova in quella dello stagno. Ora dovrete attendere pazientemente che esse si schiudano: non dovete fare niente, in quanto il tutto avverrà in modo graduale.

Continua la lettura
56

Curare i girini

Terminato lo sviluppo embrionale, i girini usciranno dal tessuto gelatinoso che gli fornirà il primo sostentamento. Successivamente si nutriranno in maniera autonoma delle piante e delle alghe dello stagno d'origine. Se non le avete prese, potrete provare a nutrirli con una foglia di lattuga bollita o del mangime per pesci (alghe liofilizzate). Non avrete bisogno di sostituire l'acqua, ma qualora fosse necessario aggiungetene altra dallo stagno di origine, in maniera tale da integrare quella evaporata. Nelle settimane successive, quando spunteranno le zampe posteriori e la coda verrà lentamente riassorbita, dovrete mettere una pietra nella vaschetta in modo che, ultimata la loro trasformazione, possano emergere per respirare.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rispettate sempre la natura e non provocate sofferenza agli animali
  • Questa guida è redatta a solo scopo informativo, perciò chiedete sempre suggerimento a persone esperte nel settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare rane e rospi

Gli anfibi appartengono ad una specie animale molto legata all'acqua ed è in questo luogo che avviene la loro riproduzione: l'etimologia della parola, "anfi" che significa doppio e "bio" vita, testimonia che il ciclo vitale degli anfibi prevede una fase...
Rettili e Anfibi

Caratteristiche principali degli anfibi

Gli anfibi sono divisi in numerose specie e comprendono anche rane, rospi e anuri. I rospi si differiscono dalle rane perché possiedono una pelle più asciutta e verrucosa e la maggior parte di essi vive sulla terra ferma. Le specie viventi sono circa...
Volatili

Come Riconoscere L'Anatra Marzaiola

In questa guida come avrete letto dal titolo vi spiegherò in maniera semplice come riconoscere un esemplare di Anatra Marzaiola. Il suo nome italiano, deriva proprio da Marzo perché attraversa il nostro paese in questo periodo dell'anno. Appartiene...
Volatili

Airone: le differenti specie

L'airone è un uccello della famiglia degli ardeidi dell'ordine dei Pelecaniformes. Il nome di questi uccelli, secondo la leggenda narrata da Ovidio, viene dalla cittadina di Ardea, dalla quale un airone spiccò il volo dopo che Enea la distrusse completamente....
Volatili

Come allevare i parrocchetti

La schiusa delle uova e la nascita dei piccoli sono il momento più bello e più emozionante che la passione per i pappagalli possa dare. Per la loro riproduzione e per il loro allevamento occorre tenere conto di alcuni accorgimenti, sia in tema di alimentazione...
Pesci

Come allevare i gamberetti d'acqua dolce

L’allevamento di gamberetti d'acqua dolce è un settore in crescita. Ne esistono diverse varietà ma tutte con esigenze differenti. Le Caridine, ad esempio, sono molto più difficili da allevare rispetto alle Red Cherry e le Yellow. I gamberetti d'acqua...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere La Nepa Cinerea

Tra gli insetti che dominano nell'ambiente delle acque dolci, c'è la Nepa cinerea nota anche come scorpione d'acqua. Per individuarla, è necessario recarsi dunque presso le rive di stagni, laghi, o lungo fiumi a corso lento. La Nepa cinerea a dispetto...
Volatili

Come riconoscere la nitticora

Passeggiando per i boschi e osservando tutte le bellezze che la natura, silenziosa, ha da offrirci, possiamo notare il suono dolce e i voli liberi di molti volatili; talvolta però vorremmo imparare a conoscere e distinguere i vari animaletti che vediamo....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.