Come Allevare L'Axolotl

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'Axolotl è un anfibio acquatico molto caratteristico, il cui nome scientifico è Ambystoma mexicanum, ed è una salamandra che vive in Messico, esclusivamente nel lago Xolchimico. La sua caratteristica principale è che inizia la sua vita come animale acquatico, e quindi dovrebbe poi diventare terrestre e respirare aria da adulto dopo la metamorfosi. In realtà, la metamorfosi non avviene mai a causa di un'anomalia genetica; pertanto l'axolotl vive perennemente da bambino fino alla fine dei suoi giorni. Questo ha dato origine al mito dell'axolot, anche se ha una sua spiegazione scientifica, il fenomeno è conosciuto con il nome di "neotenia". Ma ora vediamo come Allevare L'Axolotl.

26

Occorrente

  • Acquario completo
36

Per allevare l'axolotl è necessario disporre di un acquario quadrato di circa 60 x 40 cm. Esso va allestito con un fondale fatto di sabbia e ghiaia con alcuni sedimenti rocciosi. Inoltre, è importante riempire la vasca di piantine acquatiche tra cui l'egelia. Le piante, infatti, quando sono in gran numero, creano parecchie zone di ombra molto amate dall'anfibio.

46

L'acquario allestito deve presentare le stesse caratteristiche normalmente usate per un acquario tropicale; quindi, oltre al filtro con la pompa, è opportuno ossigenare l'acqua utilizzando una pietra porosa che, emanando delle bollicine, fornisce continuamente l'ossigeno all'acqua. Quest'ultima deve avere una temperatura oscillante tra i 10 e i 15 gradi e deve essere distillata in quanto il cloro potrebbe danneggiare l'epidermide e soprattutto le branchie dell'axolotl. Il pH ideale deve oscillare tra 7 e 7,5.

Continua la lettura
56

L'axolotl nuota spesso a fior d'acqua perché ha bisogno di prendere aria per ossigenare le branchie. Per questo motivo, la manutenzione fondamentale per gestire un'acquario è quella di sostituire l'acqua totalmente o parzialmente non appena diventa torbida, in quanto l'anfibio potrebbe smettere di nutrirsi e morire. Il suo cibo preferito, che gli deve essere somministrato a giorni alterni, è basato per lo più su vermi, molluschi, artemie saline, mangime liofilizzato e piccole lumache.

66

La cosa più importante è cercare di ricreare un ambiente più naturale possibile senza sacrificare troppo la praticità della vasca. Inserire nella vasca delle rocce rigorosamente arrotondate e prive di spigoli pericolosi; in questo modo, l'esemplare imparerà a vincere la naturale timidezza, prendendo subito confidenza con l’ambiente circostante. Lasciare un abbondante spazio libero per il nuoto, facendo sfumare gradualmente l’arredamento dalla zona centrale a quelle più periferiche della vasca, ma senza lasciare zone troppo “nude”, poiché queste vengono evitate dall'anfibio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare i girini

Il termine "girino" identifica comunemente lo stadio larvale degli Anfibi e, tra questi, rientra il piccolo della rana. La struttura del girino è caratterizzata da un corpo globulare, che contiene gli organi vitali, e da una coda appiattita e lanceolata...
Rettili e Anfibi

Come allestire l'acquario per un tritone

La specie del tritone possiede indiscutibilmente un fascino tutto particolare, per questo sono molti coloro che lo preferiscono al comune pesce. Preparare l'alloggio per questi animali non è complicato e può essere anche divertente. Se avete deciso...
Pesci

Come allevare le meduse in un acquario di casa

Le meduse vengono da sempre ritenuti degli animali planctonici tanto misteriosi quanto incantevole, grazie alle loro forme armoniose e curvilinee. Nell'ultimo decennio, il fascino delle meduse hanno introdotto la moda del loro allevamento all'interno...
Pesci

Come allevare una velifera in acquario

L'acquario è una sorta di contenitore trasparente, le cui pareti sono composte da lastre di vetro. Esso permette l'allevamento di pesci, anfibi, crostacei e molluschi e anche la coltivazione di piante palustri e acquatiche. Il più delle volte presenta...
Pesci

10 pesci tropicali per l'acquario

Se avete intenzione di allestire un acquario tropicale oltre a rendere l'habitat simile a quello naturale di questa zona del mondo, quindi inserendo piante, sassi, sabbia e filtri biologici, è importante scegliere i pesci in base a colore, specie e dimensioni....
Pesci

Come allevare i pesci pagliaccio in acquario

Tutti ricorderanno il pesciolino Nemo, il simpatico pesce pagliaccio protagonista del film di animazione della Disney-Pixar. I pesci pagliaccio (Amphiprion) sono degli esemplari affascinanti, dai colori suggestivi, tipici dell'area Indo-Pacifica. In natura,...
Pesci

Come allevare i pesciolini neon

Con questa guida vedremo come allevare i pesciolini neon. Il suo nome scientifico è Paracheirodon innesi ed è un pesce adatto ad un acquario tropicale. È molto piccolo, circa 4 cm di lunghezza ed il suo colore predominante è il verde. Il suo corpo...
Pesci

Come Allevare Granchi Eremiti Di Terra

La creazione di un habitat per granchi eremiti, oppure di un "crabitat," è molto importante per la salute generale dei paguri. Molti potenziali proprietari di granchi, pensano che le piccole gabbie di plastica che vedono nei negozi di animali, siano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.