Come Allevare L'Epagneul Breton

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

L'Epagneul Breton è una razza di cani di origine francese, riconosciuta dalla FCI (Standard N. 95, Gruppo 7, Sezione 1). Nel 1387 il conte Gastone Phoebus, nel suo famoso "Livre de la chasse", ritiene questo cane originario della Spagna, da cui il nome "Epagneul", che poi in Inghilterra si è trasformato in "Spaniel". La sua prima apparizione ad una mostra canina avvenne però nel 1892 e verso gli anni trenta comincia ad avere grande successo in tutti i paesi. Mentre generalmente i cani da ferma inglesi, i Pointer e i Setter, vengono utilizzati per far alzare la selvaggina e i Retriever e gli Spaniel la localizzano e la riportano, l'Epagneul compie tutto da solo. Anche se c'è chi ritiene che questo cane sia nato e si sia sviluppato in Francia e che il nome derivi dal verbo "ESPANIRS", che in francese significa accucciarsi e chi pensa che sia il risultato di incroci di Setter bianco arancio con altri cani francesi, verosimilmente il nome Epagneul denota una origine comune spagnola con gli Spaniel inglesi. Nei passi della guida a seguyire troverete le giuste informazioni su come allevare l'epagneul Breton.

25

L'Epagneul Breton è un magnifico esemplare di cane da caccia, ma date le sue medie dimensioni e il suo carattere pacifico è oggi molto richiesto anche come cane da compagnia.
Esiste una particolare diatriba che vede questo cane essere conteso tra Francia e Spagna riguardo all'origine, ma la sola cosa certa è che si tratta di un fidatissimo amico e di un fenomenale ausiliario nelle operazioni venatorie.

35

Il Breton richiede molta pazienza, in particolare nel primo anno e mezzo di vita quando difficilmente accetta di essere lasciato da solo anche se solo per poche ore e si diverte a vendicarsi masticando tutto quel trova in casa. È consigliabile perciò non lasciarlo troppo solo ed è opportuno che qualcuno sia sempre con lui, in modo che senta la presenza dei padroni. Al momento giusto bisogna essere anche severi perché è proprio nel primo anno e mezzo di vita dove gli si impartiscono i comportamenti che dovrà tenere a mente sempre.

Continua la lettura
45

Per addestrarlo alla "ferma" vi sarà utile un bastone lungo un metro e mezzo con una corda legata ad una estremità e un fiocco rosso all'altra. Fatelo giocare lanciando il fiocco con il bastone o muovendolo a vostro piacimento, senza mai farglielo prendere; il cane capirà che dovrà "fermare" l'oggetto e inizierà così a fare la "punta" e ad attendere che la futura selvaggina si "muova".

55

L'Epagneul è un cane vivace e molto intelligente, con una grande capacità di adattamento, sensibile e riservato ma anche espansivo e facile da addestrare, docile ed obbediente, calmo ma anche giocoso sa essere inoltre paziente con i bambini ed affettuoso con i padroni. Tende, (se in famiglia viene adottato un altro animale) ad essere molto geloso e a manifestare questo suo sentimento con comportamenti scorretti o con aggressività palese verso il nuovo arrivato. Da ricordare la sua origine di eccezionale cane da caccia: quindi occorre percorrere con lui lunghe passeggiate; inoltre, è indicato per famiglie con bimbi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

I migliori cani adatti per la caccia

I cani possiedono degli straordinari sensi: l'olfatto e l'udito. Doti per le quali l'uomo li ha scelti sin dalla preistoria come compagni. Addirittura ancora prima del cavallo, i cani si utilizzavano come animali da soma per le slitte. La selezione per...
Cani

Come scegliere un cane che abbaia poco

La compagnia di un cane è capace di riempire giornate altrimenti vuote. Un cane diventa una presenza importante, paragonabile ad un membro della famiglia e, come gli altri membri della famiglia, anche il cane ha la propria personalità. Ogni esemplare...
Volatili

Come allevare un gufo

Adottare e allevare un animale fa ormai parte della nostra vita quotidiana. La maggior parte di noi, infatti, si occupa regolarmente di un amico peloso. Cani e gatti sono senza dubbio le specie più comuni, che maggiormente tengono compagnia. Ma sono...
Cani

Come allevare un Chongqing

Il cane cinese Chongqing deve il suo nome all' omonima città di Chongquing, situata nella regione dello Sichuan. È un animale di taglia media con un' origine molto antica: Alcuni reperti archeologici testimoniano la sua presenza, risalente all' epoca...
Gatti

Come alimentare e allevare il British Shorthair

Il British Shorthair è il comune gatto inglese che, ha conquistato nel tempo un suo standard preciso, grazie ad un’opera di selezione accurata ed allevamento, ritagliandosi in questo modo il suo spazio meritato nelle esposizioni feline, ed in quegli...
Cani

Come allevare cani di razza

I cani si sa, sono i migliori amici dell'uomo, ma sono anche degli esseri viventi e come tali devono essere educati. Non tutti infatti riescono ad essere dei buoni padroni e ad insegnare al proprio cane la maniera migliore di comportarsi, soprattutto...
Altri Mammiferi

Come allevare suini

Tra gli animali da allevamento, i suini ricoprono sicuramente un posto d'onore: i motivi di tale successo, che si presenta quasi distinzione in tutto il mondo, sono molteplici. Innanzitutto, sono animali non particolarmente esigenti, sia dal punto di...
Cani

Come allevare un siberian husky

Quella del Siberian Husky è una delle razze canine più diffuse al mondo. Un cane di questo tipo, di medio - grande taglia, non è facilissimo da gestire. Un po' come tutti i cani dalle dimensioni importanti, anche il Siberian Husky ha bisogno di una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.