Come allevare una tartaruga di terra in giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Allevare le tartarughe di terra è davvero facile con le giuste informazioni e mantenimento corretto. Il giardino è il luogo più adatto per loro, più a contatto con quello che è il loro habitat naturale. Basta avere pochi semplici accorgimenti e riuscirete a godere della compagnia delle tartarughe di terra per davvero moltissimi anni. Ecco la guida per come poter accogliere nel proprio giardino questi animali e prendersene cura.

26

Informazioni sulle tartarughe

Le tartarughe di terra che si trovano spesso da noi sono le Testudo Hermanni (Hermanni o Boettgeri), Testudo Horsfieldi, Testudo Graeca. Prima di scegliere l'informazione è d'obbligo per quanto riguarda il clima e le esigenze delle stesse. Le tartarughe di terra sono per lo più erbivore, a volte mangiano anche chiocciole (con guscio ricco di calcio), lombrichi, feci di piccoli animali e altri alimenti che trovano per strada. Durante il giorno le vedrai spesso fare i bagni di sole, questo perché il loro guscio ha bisogno di tantissimo sole per rimanere in perfetta salute. In inverno per un po' di mesi non le vedrai più perché vanno in letargo. È importante per loro fare dei bagnetti per reidratarsi e fare i propri bisogni. Sono animali che in natura vivono tantissimi anni. Arrivano a maturità sessuale generalmente intorno ai 5 anni. Le tartarughe di terra devono avere il loro documento (CITES) ed essere provviste di microchip.

36

Preparazione del recinto

Dopo che hai deciso di accogliere delle tartarughe di terra nel tuo giardino, devi progettare e preparare il recinto. Prima di portarle a casa, e specialmente nel caso di tartarughe baby. Quella sarà per molto tempo la sua casa. Scegli un posto del giardino illuminato dalla luce del sole per la maggior parte della giornata e molto spazioso, perché camminano tantissimo. Delimita i confini usando preferibilmente materiali come ad esempio delle tavole di legno, creando una recinzione a prova di fuga/arrampicata (attività in cui sono molto abili). Dopo di che, soprattutto per le baby che sono facili vittime di predatori dall'alto e non solo (volatili, roditori, gatti...), chiudi la parte superiore del recinto con della rete metallica così da impedirne l'accesso agli ospiti indesiderati. Quando la recinzione è pronta, è il momento di preparare i rifugi all'interno di essa. Puoi usare dei mattoni e delle tegole, ricreare dei luoghi d'ombra dove si ripareranno nei giorni di pioggia o per stare un po' all'ombra. Sono essenziali anche delle piante come il rosmarino, la menta, che formino dei cespugli, oltre a ripararsi potranno anche cibarsene. Altro accessorio importantissimo è una ciotola appiattita dove puoi mettere l'acqua, ogni giorno nuova, dove le tartarughe potranno reidratarsi e fare i loro bisogni. Se sono baby tartarughe di terra per fare in modo che escano dalla ciotola, sul fondo dovrai adagiare dei sassolini ben puliti.

Continua la lettura
46

Alimentazione delle tartarughe

Le tartarughe di terra sono animali e come tali hanno delle esigenze ben precise, quindi è opportuno cercare di rispettare poche semplici regole per il loro allevamento. L'alimentazione è una parte che merita attenzione. Le tartarughe di terra si cibano specialmente di vegetali come tarassaco, margherite, malva, piantaggine, menta, salvia. Ci sono poi alimenti cui devi prestare più attenzione, e limitarne la quantità come il trifoglio ad esempio. Possono mangiare anche la frutta, ma in maniera moderata, più o meno una volta la settimana, ad esempio l'anguria di cui sono ghiotte. Mangiano anche gli ortaggi, ma quelli più consigliati sono cicoria, indivia, radicchio.... Dovrai lavarli e asciugarli bene, altrimenti potrebbero correre rischi. Una volta a settimana potrai dare dell'osso di seppia. Quando poi arriva il periodo del letargo man mano mangeranno sempre meno. È importante che lo facciano, altrimenti quando saranno in letargo potrebbero avere dei problemi.

56

Malattie e letargo delle tartarughe

Purtroppo anche le tartarughe di terra rischiano di prendere delle malattie, se non allevate correttamente possono correre dei rischi. Ad esempio se le tieni rinchiuse in casa il loro carapace potrebbe diventare mollo poiché per essere in salute ha bisogno della luce del sole. Con un'alimentazione sbagliata il carapace potrebbe subire la piramidalizzazione e quindi assumere una forma anomala. Ci sono anche altre malattie che possono colpire le tartarughe di terra, ma i rischi sono minimi se ben allevate. Di norma è necessaria almeno una visita di controllo all'anno. Un altro momento importante per le tartarughe di terra è il letargo. Staranno per dei mesi sotto terra, per le più piccole c'è il rischio che i roditori le danneggino. Quindi sono utili dei contenitori in rete metallica da imbucare nel terreno dove le tartarughe scaveranno e saranno al protetto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assolutamente evitare di fargli mangiare pasta e pane, carni e derivati animali, compresi i latticini.
  • Non condire mai gli alimenti che dai alla tua tartaruga
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga d'acqua

Quante volte, magari recandoti in un negozio ove si vendono pesci tropicali e similari, ti sei imbattuto in un grande acquario ove si trovano tantissime tartarughe d'acqua? Magari ne hai una anche tu, o magari stai pensando di prenderne una. Allevarla...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga da terra

Se decidiamo di adottare una tartaruga terrestre, è importante informarsi sulle sue abitudini, le necessità, le cure, l'alimentazione e lo spazio di cui necessita. Abilissima ad arrampicarsi, è spesso orientata a tentare la fuga dalle zone protette,...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga d'acqua

Allevare un animale in casa, è sempre un impegno che va portato avanti con enorme passione e pazienza, per consentirgli di vivere tranquillamente ed in ottima salute, ricreando al meglio il suo habitat naturale. In questa semplice e breve guida vedremo...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Cura dell'Animale

Come comportarsi durante il letargo delle tartarughe

Le tartarughe, seguendo l'esempio di altri animali che vivono in ambienti temperati, durante la stagione invernale devono ritirarsi in letargo per non rischiare di avere, successivamente, problemi legati al metabolismo. Con l'arrivo della primavera riprenderanno...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Tutto sulle tartarughe d'acqua

Allevare un animale non è un'operazione facile o banale. Questo perché quando si decide di allevare un animale bisogna conoscere le sue abitudini, lo stile di vita e l'habitat adatto. Questi sono tutti fattori fondamentali per permettere all'animale...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.