Come avvicinarsi ad un cane spaventato

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I sentimenti di tenerezza e simpatia che ci suscitano i nostri amici a quattro zampe, ci inducono molto spesso ad avvicinarci per accarezzarli e mostrar loro il nostro affetto.
In realtà sarebbe preferibile trattenersi o, quanto meno, chiedere il permesso al padrone prima di avvicinarsi, il contatto con un cane sconosciuto, infatti, può essere talvolta pericoloso.
Il pericolo che corriamo si collega direttamente al fatto che il nostro comportamento può intimorire il cane, che, interpretando le nostre attenzioni come una minaccia, potrebbe avere una reazione di difesa.
Può essere allora utile e interessante sapere come comportarsi adeguatamente quando si incontra un cane solo e spaventato, evitando di correre il rischio che diventi violento ed aggressivo.

24

Come comportarsi per non impaurire il cane

Come è noto, è consigliabile non avvicinarsi ad un cane incatenato o che si trovi all'interno di un recinto, poiché è molto probabile che il suo istinto di difesa lo spinga ad essere aggressivo. Tuttavia, ci sono situazioni, ad esempio quando vogliamo avvicinarci ad un cane in un canile, in un rifugio o ad uno trovato in strada, che richiedono un approccio con l'animale. In questi casi, occorre per prima cosa essere consapevoli del nostro linguaggio corporeo, per capire quale sia il modo migliore per evitare di spaventarlo ulteriormente. La prima regola da seguire è quella di evitare di guardarlo negli occhi, poiché questo atteggiamento può essere interpretato dal cane come una sfida. Occorre rimanere calmi ed evitare movimenti repentini e bruschi. Per mettere un cane spaventato a proprio agio, è bene essere rilassati, non gridare ed utilizzare un tono di voce pacato e rassicurante.

34

Segnali di paura da parte del cane

È opportuno quindi essere pazienti ed aspettare che sia il cane a venirci incontro. Abbassiamoci e tendiamo la mano verso il cane, aspettando che sia lui a venire da noi, in modo che non ci percepisca come una minaccia. È utile inoltre, conoscere quali siano i segnali che il cane mostra per far capire le proprie intenzioni, ossia la postura che adotta in una situazione che lo spaventa.
Nel caso in cui il cane mostri i denti, emetta un ringhio costante con un tono basso, abbai in modo alterato, abbia le orecchie abbassate e all'indietro, il corpo teso, la coda bassa e rigida e il pelo, lungo la parte centrale della schiena, dritto, sta evidentemente assumendo un atteggiamento aggressivo dettato dalla paura, in tutti questi casi è preferibile evitare di avvicinarsi troppo.

Continua la lettura
44

Conquistare la fiducia del cane

Se, utilizzando le giuste tecniche e strategie, siamo riusciti a conquistare la fiducia del cane, dobbiamo capire cosa è corretto fare a quel punto.
Possiamo portare con noi l'animale, se riteniamo sia stato abbandonato, valutarne le condizioni di salute e stabilire un piano d'azione da seguire. Portarlo dal veterinario è fondamentale, per stabilirne l'effettivo stato di salute e per verificare la presenza di un microchip, tramite il quale è possibile risalire ai proprietari. Il cane infatti, potrebbe essersi perso ed appartenere a qualcuno che lo sta cercando.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Errori da non fare se si ha un cane spaventato

Essere proprietario di un cane vuol dire prendersi cura di lui, portarlo a spasso, giocarci insieme, ma anche saper distinguere quando è felice o quando subentra in lui uno stato di paura. Bisogna, dunque, saper riconoscere le emozioni del proprio cane...
Gatti

Gatto spaventato: come rassicurarlo

Il gatto è uno tra gli animali domestici più sensibile, dal punto di vista olfattivo e istintivo: si tratta infatti di un esemplare in grado di percepire rumori minimi, odori a noi poco evidenti e soprattutto di avvertire per primo un pericolo che lo...
Altri Mammiferi

Come Capire Quando Un Cavallo è Nervoso

A volte capita di osservare i cavalli sia quelli che trainano le carrozzelle in città che quelli che sono in situazioni più tranquille. La vista di questi splendidi animali porta buonumore e viene voglia di accarezzarli. Se si decide di toccarli è...
Cani

5 consigli per tranquillizzare un cane spaventato

I cani possono temere le cose più strane. I rumori forti infastidiscono alcuni animali domestici, altri possono invece avere paura di alcune persone, di altri animali e persino di un odore. Cani differenti hanno temperamenti differenti e di conseguenza...
Animali da Compagnia

I 5 tipi di atteggiamento del furetto

Il furetto è un graziosissimo e piccolo animaletto da poter allevare in casa, ed oltre alle sue acrobazie giornaliere nella sua gabbia, può regalarci anche altri atteggiamenti quotidiani in base al suo stato d'animo. Infatti per un verso o per l'altro...
Cani

Come far smettere di piangere un cucciolo

I cuccioli del cane, così come tutti i cuccioli (anche quelli umani) hanno un solo modo per comunicare: il lamento o il pianto, che è sempre segnale e manifestazione di una richiesta o di un disagio. Pertanto, anche se è molto fastidioso sentire questi...
Cani

Come scegliere e comprare dei giocattoli per il tuo cane

Il nostro cane, senza dubbio, ha bisogno di giocare, stimolare la mente per essere felice, allontanare la noia e rimanere tranquillo così da prevenire abitudini distruttive come quelle di grattarsi in maniera frenetica o distruggere tutto ciò che trova....
Cani

Come avvicinarsi a un cane

I cani sono come gli esseri umani, presentano delle emozioni e hanno anche delle simpatie e delle antipatie; approcciarsi con un cane non è sempre facile, il tutto dipende dal suo carattere è da come si pone con il mondo esterno. I cani sono dei simpatici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.