Come capire se il gatto ha ingerito del veleno

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Prendersi cura di un animale domestico come un gatto, è una passione che accomuna molte persone, ma allo stesso tempo, un compito impegnativo. A volte può capitare uno spiacevole e grave inconveniente, il nostro amico a quattro zampe può inavvertitamente ingerire del veleno: una pianta velenosa, del veleno per topi trovato da qualche parte o magari una polpetta avvelenata preparata da un vicino dispettoso e senza scrupoli. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, può essere letale per il nostro gatto, pertanto sarebbe opportuno accorgercene in tempo ed intervenire subito se ha ingerito qualcosa di nocivo. Nei passi di questa esauriente guida troverete tutte le informazioni necessarie su come capire se il gatto ha ingerito del veleno.

26

Occorrente

  • Veterinario
36

Premetto che non è facile capire se il gatto ha ingerito qualcosa di nocivo e potenzialmente letale, tuttavia, si presentano diversi sintomi che possono farcelo capire, ma spesso vengono scambiati per semplici e normali malesseri. La prima cosa da fare sarebbe evitare che il gatto si trovi in luoghi o situazioni in cui possa ingerire qualcosa di velenoso, ma nonostante il nostro impegno, non è raro che i gatti (soprattutto i più giovani) si caccino in situazioni poco piacevoli. Che siano piante per loro tossiche o il veleno dei topi, ci sono dei sintomi inequivocabili che possono farci capire che il nostro piccolo amico è in pericolo di vita a causa di un avvelenamento. Vediamo quali sono e come comportarci.

46

Il sintomo più evidente è sicuramente il continuo vomitare, anche se non ha mangiato niente. Questo avviene perché l'organismo tenta di espellere le sostanze tossiche. Purtroppo, non basta il vomito perché il gatto possa guarire. Se notiamo questo, non è detto che il gatto sia avvelenato, ma potrebbe essere un campanello d'allarme che potrebbe decidere la vita o la morte.

Continua la lettura
56

Innanzitutto, controlla se il colorito del naso è il solito. Se diventa troppo chiaro,vuol dire che qualcosa non va e, la stessa cosa vale per le gengive. Se da rosee diventano biancastre, e soprattutto se sanguinano, vuol dire che la situazione non è chiara. In oltre, non sarà difficile notare, che nel complesso, il nostro gatto non è più lo stesso. Dopo aver decifrato i sintomi, non resta altre che correre dal veterinario, lui saprà cosa fare, e se tutto va bene, riuscirà a salvare il nostro gatto. Se comunque si hanno dei dubbi sullo stato di salute del micio, non bisogna aspettare la comparsa di nuovi sintomi, ma è opportuno andare dal veterinario per avere chiarimenti. Bisogna ricordare infine, che prevenire è meglio che curare, ed un avvelenamento curato in tempo potrebbe salvargli la vita.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare attenzione ai sintomi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come comportarsi in caso di avvelenamento del cane

Il cane, come dice il detto, è il miglior amico dell'uomo, un animale meraviglioso e un fedele amico. In moltissime sono le razze di cani che variano sia per provenienza che per dimensione e che vanno per esempio dal chihuahua fino ad arrivare al grandissimo...
Cani

Come intervenire in caso di avvelenamento del cane

Senza dubbio, è impossibile controllare ogni istante il proprio cane, quindi è molto probabile che in un modo o nell'altro, prima o poi, ingerirà qualcosa che non dovrebbe; senza nemmeno pensare a un probabile avvelenamento da parte di persone sconosciute....
Cani

Come trattare le punture d'insetti nel cane

Non è raro vedere un cane che viene punto da insetti. D'estate, soprattutto, si può dire che le punture degli insetti, principalmente api e calabroni, siano fonte di numerosi problemi. È necessario quindi che tu sappia come intervenire in situazioni...
Rettili e Anfibi

Come riconoscere una vipera e come comportarsi in caso di avvelenamento

I serpenti nella maggior parte dei casi sono velenosi e si possono suddividere in due principali grandi categorie, per cui imparare, a distinguerli e soprattutto a capire se ci troviamo in pericolo o meno, è importante sapere che ad esempio i colubri,...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la malmignatta

La malmignatta è uno dei pochi ragni velenosi presenti sul territorio italiano. Il suo nome scientifico è Latrodectus tredecimguttatus, ed è un aracnide della famiglia dei Terididi. È conosciuto anche come "vedova nera mediterranea", in quanto parente...
Cani

Come stimolare il vomito al cane

Nella seguente guida potrete conoscere una delle tecniche di pronto soccorso che potrebbe esservi utili al salvare la vita al vostro fedele amico a quattro zampe. Stiamo parlando proprio di quei casi in cui il vostro cane potrebbe ingerire delle sostanze...
Cani

Come curare un blocco intestinale nei cani

Ecco una guida, molto pratica ed utile, per tutti coloro, tra i nostri lettori e lettrici, che gli animali, ed in particolare i cani. Grazie a questo articolo, cercheremo di aiutarli a tenere sempre sotto controllo la salute del proprio cane, in maniera...
Altri Mammiferi

Gli animali più pericolosi d’America

Il nostro pianeta è abitato da animali pericolosi e, talvolta, misteriosi. Molti di questi animali sono in grado di uccidere, con il loro veleno, un uomo nel giro di pochi minuti. A volte, molti di questi animali, sembrano innocui tanto sono piccoli,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.