Come capire se un cane è diventato sordo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Spesso abbiamo il dubbio che il nostro cane abbia perso l'udito. Infatti il fenomeno non è cosi raro nei cani e molte volte comportamenti strani o parole e comandi che prima venivano capiti velocemente iniziano ad non essere più eseguiti. Per cui iniziano a sorgere i primi dubbi sul comportamento del proprio cane o sulla corretta funzionalità del suo udito. Le disfunzioni che possono colpire l'udito del cane sono diverse e variano dalla sordità totale fino a quella parziale o unilaterale. Continuando nella lettura scoprirete alcune tecniche fondamentali per capire se realmente c’è il rischio che il vostro cane abbia problemi all'udito e quindi valutare la necessità di una visita dal veterinario che effettivamente serva. Pertanto non vi resta che continuare nella lettura della guida per scoprire come capire se il vostro cane è diventato sordo.

25

E' importante venirne a conoscenza al più presto

La sordità rappresenta per il cane un grosso ostacolo, sopratutto se sopraggiunge in età adulta, cioè dopo essere abituato a sentire ogni suono o rumore; leggermente diverso, ma non meno rara è la sordità congenita per alcuni cuccioli. Un cane che diventa improvvisamente sordo perde uno dei sensi fondamentali, facendolo diventare spesso più diffidente ed insicuro. È importante venirne a conoscenza al più presto, sia perché in tanti casi la probabile causa, se presa in tempo, si può correggere o rimuovere, sia perché dovrà cambiare il nostro approccio all'animale.

35

La sordità del cane può manifestarsi essenzialmente per tre motivi

La sordità del cane può manifestarsi essenzialmente per tre motivi: naturale invecchiamento e deterioramento degli organi uditivi, malattia genetica e tessuti infetti o traumatizzati da scoppi, che possono comportare a volte la perforazione del timpano. Per i primi due casi non ci sono rimedi, mentre per l'ultimo bisogna rivolgersi ad un veterinario.

Continua la lettura
45

Agire in più modi per accertarsi della sordità

Per accertarsi della presunta sordità del cane potete agire in più modi. Posizionatevi alle sue spalle, e in un momento che è fermo e con lo sguardo rivolto in avanti provate a chiamarlo col suo nome, dapprima con un tono basso, e nel caso non dovesse voltarsi, aumentate man mano il volume della vostra voce. In alternativa al richiamo col suo nome, potete fare rumore agitando alcune cose a lui molto care. Se il vostro amico peloso non si volta, di certo c'è qualcosa che non va.

55

Posizionarsi alle spalle del cane e procurare un rumore

Un altro metodo per capire se il cane è realmente affetto da sordità, e i tentativi precedenti sono falliti, potete posizionarvi sempre alle sue spalle, e provocare un rumore molto violento, come ad esempio lo scoppio di un palloncino. Se il cane non si volterà, quasi sicuramente sarà completamente sordo; se si volta, ma senza mostrare troppo spavento, allora il suo udito è ridotto, oppure è unilateralmente sordo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come comunicare con un cane sordo

Praticamente la sordità è una disfunzione dell'apparato uditivo molto frequente nella popolazione mondiale. Gli individui che ne sono assoggettati, non sentono i rumori esterni ma percepiscono le vibrazioni prodotte da questi. Come negli esseri umani,...
Gatti

Come capire se un gatto è sordo

Quando un gatto è sordo non è facile comprenderlo: per natura i gatti sono animali piuttosto indifferenti, che a nostri richiami potrebbero rimanere di per sè indifferenti. Purtroppo il loro carattere a volte risulta essere un po' scontroso e non è...
Gatti

Gatto bianco e problemi di sordità

I gatti bianchi sono graziosi animali domestici che hanno uno splendido manto candido puro. Purtroppo, alcuni di loro soffrono di sordità congenita: si tratta di un disturbo che porta ad una degenerazione della normale funzionalità dell'orecchio interno....
Cani

Come prendersi cura di un cane sordo

L'udito, insieme all'olfatto, è uno dei sensi più sviluppati che il nostro amico a quattro zampe possiede, infatti esso può percepire suoni fino a 60mila Hertz contro i 20mila Hertz che riusciamo a sentire noi umani. Se un cane sordo ha perso questa...
Cani

Come curare un Dalmata

La storia della razza Dalmata, originaria della Croazia, è molto antica: appaiono in quadri dei pittori fiamminghi del XVII secolo, soprattutto in scene di caccia.La FCI (Federazione internazionale di allevatori canini) la inserisce nella categoria 6,...
Gatti

Come prendersi cura di un angora turco

Il gatto angora turco è un piccolo felino di razza originario della Turchia e caratterizzato da eccezionale eleganza, dal pelo lungo e sericeo, e da un carattere molto vivace, comunicativo e socievole. La riscoperta dell'angora turco risale circa al...
Rettili e Anfibi

Tutto sul serpente a sonagli

Tra i rettili che popolano la Terra troviamo i serpenti. Questi ultimi sono dei rettili affascinanti ma soprattutto letali. Esistono varie razze di serpenti, come ad esempio il pitone reale, il boa, il corallo e infine il serpente a sonagli. Il serpente...
Cani

Prendersi cura di un cane anziano

I cani si sa, sono i migliori amici dell'uomo, e come tali vanno curati e cresciuto con amore e rispetto. Anche perché, nonostante la loro breve vita sono gli amici più fedeli che possiamo avere e molto spesso in vecchiaia cominciano ad avere problemi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.