Come capire se un gatto è triste

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Avere un gatto in casa è sicuramente una realtà che migliora le giornate. Gli amanti del gatto sono in continua ascesa e sono sempre di più le adozioni di questi curiosi felini. I gatti sono animali particolari, dall'indole territoriale e indipendente. Amano esplorare tutti gli spazi e giocherellare con tutto ciò che si muove. Un gatto in salute è sempre attento e vispo, a meno che non sia ora del pisolino! Ma un gatto, così come un umano, può soffrire la tristezza. La depressione nei gatti è una patologia che non dovremmo mai sottovalutare. Ma come capire se il gatto è davvero triste e depresso? Nei prossimi passi daremo alcune indicazioni per riconoscere i sintomi.

26

Occorrente

  • Pazienza e spirito di osservazione nell'individuare i cambiamenti di comportamento.
36

Purtroppo anche un animale come il gatto può essere triste e sottotono. Il comportamento del nostro amico subirà, nel caso, un netto cambiamento. Dietro la tristezza del gatto c'è quasi sempre un evento che destabilizza la sua vita abituale. Il lutto può essere uno di questi, come la morte di un altro animale con cui viveva. Anche un trasloco improvviso potrebbe portare il gatto alla depressione. Altro fattore comune può essere un nuovo arrivo in casa, come un cane, un altro gatto o un bimbo. In quest'ultimo caso è bene abituare il micio alla novità in modo graduale. In caso di bambini, abituiamolo al loro odore ancor prima dell'arrivo in casa dopo la nascita. Per questo scopo possiamo usare qualche indumento del piccolo in uso in ospedale.

46

Anche l'affidamento del gatto a terzi (ad esempio durante le ferie) può renderlo triste. Un primo segnale di malessere negli animali è sempre l'inappetenza. Cani e gatti rifiutano il cibo, talvolta per brevi periodi e altre volte più a lungo. Non dobbiamo mai sottovalutare questo segnale, che può indicarci problemi seri. Può essere la spia di tristezza e depressione quanto di problemi fisici da curare. Un altro sintomo comune è l'apatia. Il gatto è un animale piuttosto attivo, con sensi scattanti. Se abbiamo un gatto giocherellone, noteremo più facilmente questo particolare.

Continua la lettura
56

Altro segnale di depressione può arrivare dalle ore di sonno. Il gatto dorme parecchio, per la maggior parte della giornata. Tuttavia, a condizioni normali, non dorme per più di 15 o 16 ore. Se va oltre questi limiti, è possibile che sia triste o depresso. Un gatto che presenti più sintomi di tristezza ha bisogno di aiuto. Rechiamoci dunque da un veterinario per un consulto. Lo specialista visiterà l'animale, suggerendo il miglior approccio verso il nostro amico. In una fase complessa come questa, dovremo stare il più possibile vicini al nostro gatto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il gatto non vuole mangiare, cerchiamo di convincerlo con i suoi pasti preferiti. Inoltre incoraggiamolo al gioco, in modo che torni ad essere più attivo e attento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

10 luoghi comuni sulla sterilizzazione del gatto

Niente paura, voi che siete padroni di gatti. La sterilizzazione del micio è divenuto un intervento ormai di assoluta routine. Anzi, quasi doveroso, si direbbe. E non solo per evitare il triste fenomeno del randagismo felino, ma anche per far godere...
Cani

Come capire se il tuo cane è felice

Il cane a differenza del gatto, sviluppa un legame assai forte con il suo padrone. I bastardini generalmente sono quelli maggiormente dolci e teneri rispetto ai cani di razza. Anche se comunque ci sono sempre le eccezioni. Non sarà difficile capire se...
Gatti

10 comportamenti che ti fanno capire se il gatto ti ama

I gatti sono degli splendidi animali, sensibili, coccoloni, affettuosi, avvertono quando il loro padrone è triste o malato. Giocherelloni ed allegri per natura, specie se non sterilizzati, i gatti amano la casa, in quanto abitudinari e, contrariamente...
Cani

10 consigli per affrontare la perdita del proprio cane

Il vostro cane ha fatto sempre parte della vostra vita. Ora che è morto soffrite tantissimo e in casa purtroppo nessuno vi capisce. Vi sentite soli, temete di non averlo amato abbastanza e i sensi di colpa vi stanno schiacciando. Vorreste che fosse qui...
Cani

Gli atteggiamenti del cane geloso

La gelosia è un sentimento molto comune tra gli uomini. Chi non è mai stato geloso del proprio fidanzato/a o di una persona a cui si vuole molto bene? Dovete sapere che questo sentimento è presente anche nella specie animale. In particolar modo i cani...
Cani

Come curare un Barboncino

Quando si possiede un'animale domestico bisogna tener conto di innumerevoli aspetti, ai quali bisogna dare le giuste attenzioni. Questo è fondamentale per mantenere il benessere del proprio cucciolo accolto in casa. In questa guida però ci focalizzeremo...
Volatili

Pappagallo Ara: caratteristiche e cura

Il Pappagallo Ara è un volatile regale, dal piumaggio meraviglioso e dal portamento fiero. Nonostante sia un animale più adatto a vivere in cattività, non è raro trovarne alcuni esemplari all'interno delle abitazioni come animale domestico e da compagnia....
Gatti

Come affrontare la perdita del proprio gatto

Chi possiede un animale domestico generalmente tende a trattare quest'ultimo come un membro fondamentale della propria famiglia. Pertanto quando l'animale per qualsiasi motivo viene a mancare è sempre un grande dolore. Nella seguente guida dunque verrà...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.