Come catturare un ragno

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'aracnofobia, ovvero la paura dei ragni, è una delle fobie più diffuse, tuttavia molte persone sono amanti dei ragni, a tal punto che catturarli ed osservarli spesso può diventare un vero e proprio hobby.

Come qualunque altro insetto, i ragni sono ecologicamente utili e spesso innocui, per cui potreste pensarci due volte prima di disfarvene.

Nel caso vogliate catturarlo, ecco come fare.

24

Il libro

A meno che non abbiate bisogno di liberarvi di un ragno comune una tantum, potreste voler consultare un libro sui ragni o fare ricerche dettagliate su internet, per conoscere le loro caratteristiche di base e per sapere quali sono quelli da evitare. La maggior parte dei ragni ha del veleno, ma in pochi sono realmente pericolosi.
Munitevi di guanti da giardino, un bastone, un contenitore sufficientemente grande e possibilmente richiudibile, e se possibile fatevi aiutare da qualcuno.

Per scovare un ragno bisogna individuare la sua ragnatela; tenete presente però che se questa si rompe facilmente è probabile che il ragno non viva più lì.

I ragni sono animali perlopiù notturni, quindi, una volta trovata la ragnatela, assicuratevi di avere guanti e contenitore a portata di mano.
Posizionate la parte più ampia del contenitore sotto al ragno, e, con l'aiuto del bastone, cercate di farcelo cadere dentro, possibilmente senza ferirlo. Agitate il contenitore in modo che il ragno non possa salire su una delle tele rimaste attaccate e poi disporre nel ragno nel modo che preferite (potete gettarlo fuori dalla finestra ad esempio).

34

Il veleno

Se vi trovate davanti a una tarantola, dovete sapere prima di tutto che queste abitano in buchi scavati nel terreno. Il veleno delle tarantole è mediamente forte, ma bisogna stare particolarmente attenti alle zanne, grandi quanto quelle di un serpente a sonagli e che possono procurare molto dolore se si viene morsi.

Anche le tarantole sono notturne, per cui se si vuole sorprenderle nelle loro tane, bisogna cercarle la mattina presto.
È possibile trovarle anche di giorno; spesso, soprattutto se ci troviamo in un ambiente esterno, è possibile trovarle in massa di fronte alle loro tane. In tal caso è sufficiente posizionare un grande vaso di fronte a loro, cosicché entreranno da sole dentro il barattolo.
Potrebbe essere necessario un piccolo tocco col bastone sulla parte posteriore del loro grande addome, che provocherà una rapida spinta in avanti. Evitare assolutamente di toccarle sulla parte anteriore, laddove si trovano gli occhi e le zanne.

Continua la lettura
44

Le precauzioni

Se la specie che avete davanti è il ragno lupo, è bene che prendiate delle precauzioni. Indossate dei guanti da giardino, questa specie morde abbastanza di frequente.
Potrete trovare il ragno lupo in posti nascosti e umidi, ad esempio i vasi delle piante.
Con l'aiuto di un bastone, spingete il ragno all'interno di un contenitore richiudibile, sigillatelo bene e poi disponete del ragno nella maniera che più desiderate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi dei ragni

I ragni sono degli aracnidi, che a seconda della razza e dimensione possono anche rivelarsi velenosi e pericolosi. Però la maggior parte dei ragni che si vedono nelle nostre case sono del tutto innocui e a volte molto utili contro insetti come zanzare...
Invertebrati e Insetti

Come pulire la teca dei ragni

Questa guida si rivolge a tutti quanti gli amanti degli animali in generale, in particolar modo agli appassionati dei ragni. Ovviamente, stiamo parlando di una passione un po' particolare. Tuttavia, al mondo non sono pochi coloro che hanno questo genere...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere il ragno violino

Il ragno violino, scientificamente chiamato Loxosceles reclusa, è sicuramente uno dei più temuti in assoluto. Il suo habitat naturale è generalmente l'America settentrionale. Tuttavia, anche in quei luoghi in cui la loro presenza è massiccia, i morsi...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere la malmignatta

La malmignatta è uno dei pochi ragni velenosi presenti sul territorio italiano. Il suo nome scientifico è Latrodectus tredecimguttatus, ed è un aracnide della famiglia dei Terididi. È conosciuto anche come "vedova nera mediterranea", in quanto parente...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere una vedova nera

È sicuramente uno dei ragni più conosciuti e temuti, stiamo parlando della famosissima vedova nera. Essa è presente anche in Italia. Questa tipologia di ragno occupa un ruolo importantissimo per l'agricoltura; infatti è in grado di sterminare un gran...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere La Grammostola Rosea

La Grammostola rosea è uno dei ragni più docili e resistenti, adatto ad essere tenuto in casa. Si tratta di una tarantola molto tranquilla, proveniente da una delle zone più aride del mondo, ovvero dalla regione settentrionale del deserto di Atacama,...
Invertebrati e Insetti

La famiglia degli aracnidi: caratteristiche e suddivisione

Gli aracnidi sono una specie animale appartenente alla famiglia degli artropodi, che comprende esemplari tipo ragni, zecche, scorpioni e acari. Sulla terra ne esistono più di 60 mila, ed il nome è di origine greca che significa ragno, poiché questo...
Invertebrati e Insetti

Come identificare i vari tipi di ragni

Molto spesso ci capita di scorgere la presenza di ragni sia all'interno che all'esterno della nostra casa, e altrettanto spesso capita di notare che questi non sono tutti uguali. Esistono, infatti, oltre 50 specie diverse di ragni, alcuni innocui, altri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.