Come curare il piumaggio dei volatili in gabbia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molte persone possiedono nelle loro abitazioni dei piccoli o medi animali domestici. C'è chi preferisce la compagnia di un gatto o di un cane, chi preferisce avere un piccolo acquario con dei pesci colorati di tutti i tipi per vivacizzare un po' l'ambiente di casa e chi invece preferisce avere degli uccelli in delle gabbiette. Per questi ultimi però, c'è bisogno di una più completa manutenzione, sia per quanto riguarda la loro nutrizione che per quanto riguarda il loro piumaggio. Non perdiamoci troppo in chiacchiere e vediamo insieme in questa guida come curare il piumaggio dei volatili in gabbia.

26

Occorrente

  • Spazzola con setole delicate
  • Gabbia grande
36

Sapere quale gabbia utilizzare

Per prima cosa è importante sapere che nessun uccello a questo mondo piace stare in gabbia. È risaputo in tutte le parti del mondo che un volatile si trova e vive meglio solamente se si sente libero. Lo stress o comunque la restrizione di spazi in generale è per loro motivo di una cattiva crescita. Questo ne fa risentire soprattutto nel loro piumaggio e nel loro sviluppo. Un buon volatile di sana costituzione e con un bel piumaggio sgargiante è sicuramente un animale che possiede una gabbia molto larga e spaziosa. Questo gli permetterà di muoversi liberamente e in completa sicurezza.

46

Creare un ambiente colorato e vivace

Un altro fatto importante da non sottovalutare è quello di creare un ambiente colorato e vivace, per abituare il vostro volatile ad un habitat molto pigmentato. Questo dovrà essere preso in considerazione maggiormente se si possiede un uccello esotico. La cosa migliore da fare è addobbare la propria gabbia con dei cespuglietti e magari una piccola pozza d'acqua dove l'animale potrà costantemente lavarsi le piume e rilassarsi. Ovviamente se farete una cosa del genere dovrete ricordarvi di cambiare giornalmente l'acqua dello stagno, così da evitare che l'uccello possa sporcarsi di continuo e magari prendere qualche infezione più o meno grave.

Continua la lettura
56

Spazzolare con delicatezza le piume

L'ultima cosa da fare per migliorare qualitativamente il piumaggio del vostro pennuto è quello di spazzolarlo delicatamente ogni tanto. Vi servirà una piccola spazzola, meglio se con delle setole molto leggere e delicate per non rovinare le piume, e spazzolare delicatamente la parte posteriore del piumaggio. Mi raccomando di farlo ogni tanto, solamente quando vedete che l'uccello avrà le piume tutte arruffate, poiché a lungo andare potreste creargli dei fastidi e rovinare la bellezza estetica dell'animale. È importante di tanto in tanto poter liberare l'uccello e farlo girare per casa liberamente, così da farlo sentire libero e felice.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Create uno spazio apposito per liberare ogni tanto l'uccello

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Consigli per prendersi cura di un canarino

Il canarino è uno degli animali domestici più diffusi. È molto amato per il suo canto melodico e per il piumaggio dal colore vivace. Sebbene sia un uccello da compagnia facile da mantenere, se decidete di acquistarne uno dovete tenere presente che...
Volatili

Come allevare l'uccello granatino violaceo

Il Granatino Violaceo chiamato anche Granatino Purpureo, è uno degli Estrildidi di maggiore bellezza ed eleganza. L'uccello maschio in particolare non passa inosservato dentro una voliera. Generalmente questo uccello proviene dalla Tanzania e dal nord...
Volatili

Come affrontare la muta dei pappagalli

Nella guida che introdurremo tramite questo passo iniziale, ci concentreremo su un animale molto interessante: il pappagallo. Andremo a spiegarvi in soli tre passi, come riuscire ad affrontare nel migliore dei modi la muta dei pappagalli. Incominciamo...
Volatili

Cocorite: alimentazione e cura

I parrocchetti ondulati, più conosciuti con il nome di cocorite, sono fra gli animali da compagnia più simpatici ed intelligenti. Si tratta di un piccolo pappagallo originario dell'Australia, che da adulto può raggiungere i 15 centimetri di lunghezza...
Volatili

Come riconoscere una gazza ladra

Il mondo dei volatili copre una vasta gamma di esemplari dalle diverse dimensioni. La varietà del loro colore e del loro piumaggio desta un stato di meraviglia in chi li osserva e ne permette il riconoscimento della specie. Per gli appassionati di...
Volatili

Airone: le differenti specie

L'airone è un uccello della famiglia degli ardeidi dell'ordine dei Pelecaniformes. Il nome di questi uccelli, secondo la leggenda narrata da Ovidio, viene dalla cittadina di Ardea, dalla quale un airone spiccò il volo dopo che Enea la distrusse completamente....
Volatili

Come addestrare il merlo indiano

Il merlo indiano è un uccello socievole, proveniente dall'Asia. È caratterizzato da un becco giallo e un piumaggio lucente. Ha un carattere vivace e curioso. Infatti è facile da addestrare se si alleva fin da piccolo. Vediamo come fare se abbiamo deciso...
Volatili

Come affrontare la muta dei cardellini

Quello che ci colpisce maggiormente nel cardellino è il piumaggio variopinto: sul dorso predomina una bella tinta bruna, con riflessi giallastri e sul ventre un bruno-rossiccio più chiaro; nero intenso è il colore delle ali e della coda. Questa bella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.