Come curare il raffreddore al gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Avere un animale domestico in casa non significa soltanto giocarci o dargli da mangiare, ma bisogna anche dedicargli cure ed attenzioni nel caso in cui dovessero presentarsi dei problemi di salute. Anche gli animali domestici, così come gli esseri umani, possono beccarsi dei piccoli malanni come il raffreddore che, se non adeguatamente curato, può generare problemi di salute più gravi. Il gatto, poi, è particolarmente incline a questo problema in quanto tende a trascorrere diverse ore fuori casa, anche durante i mesi invernali. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come curare il raffreddore al gatto.

27

Occorrente

  • ovatta e garzine
  • acqua tiepida
  • pasti caldi
  • vapore
37

Preparare un pasto caldo

Quando un gatto è raffreddato e ha il nasino chiuso, ovviamente perde un po' del suo olfatto. Questo incide molto sulla sua voglia di mangiare dal momento che il suo appetito è fortemente stimolato dagli odori. Provate allora a preparargli dei pasti caldi in modo tale che il calore farà si che il profumo del cibo si propaghi e lui sarà più stimolato a mangiare. Inoltre, gli fornirà un effetto piacevolmente decongestionante. Ricordate che è importante stimolare il suo appetito per evitare che si debiliti, abbassando così ulteriormente le sue difese immunitarie e causando problemi maggiori.

47

Pulire occhi e naso

Un'altra accortezza da usare è quella di pulire spesso gli occhi e il naso del vostro gatto utilizzando dei batuffoli di ovatta, o delle garze imbevute con acqua tiepida, eliminando le secrezioni presenti. Cercate di tenerlo in casa, al caldo per più tempo possibile e sfruttate anche il calore e l'umidità presenti in bagno quando fate la doccia, permettendogli così di respirare aria calda e umida che favorisce la respirazione e la maturazione dei muchi. Per il nasino screpolato invece potete rimediare applicando ogni tanto della vaselina che lo aiuterà a mantenere sane le mucose. Se, nonostante tutte queste attenzioni, dopo un paio di settimane il gatto non dimostra segni di miglioramento, vi conviene rivolgervi ad un veterinario perché potrebbe anche trattarsi di un problema di natura allergica.

Continua la lettura
57

Recarsi dal veterinario

In caso di complicazioni alle vie respiratorie, il veterinario vi saprà prescrivere sicuramente un'adeguata terapia antinfiammatoria o antibiotica. È estremamente importante seguirla scrupolosamente, senza interromperla quando notate segni di miglioramento, perché potreste rischiare che il vostro micio abbia una ricaduta e peggiorare così la situazione. Se invece avete l'abitudine di lavarlo, sicuramente i vapori sprigionati dall'acqua calda gli saranno molto utili, ma abbiate l'accortezza di asciugarlo molto bene, perché anche un colpo d'aria potrebbe rischiare di comprometterne la salute.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non sottovalutate mai quando un gatto starnutisce perchè potrebbe esserci una patologia in corso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

10 consigli per prendersi cura degli animali domestici

Chi di noi non ha mai desiderato avere un animale domestico e prendersene cura? Infatti, quasi tutti da bambini, ma anche da grandi, ne abbiamo desiderato uno e di sicuro i nostri genitori o parenti ci hanno accontentato. Avere un animale domestico comporta...
Cani

Come portare il cane dal veterinario

I cani ci riempiono di affetto, ma come tutti gli esseri viventi necessitano di amore e cure, atte al mantenimento del loro benessere fisico e psichico. È necessario seguire il nostro cane nell'alimentazione, nell'igiene quotidiana, nonché nelle eventuali...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il coniglio dal veterinario

Forse non tutti lo sanno, ma il coniglio è l'animale domestico più diffuso, dopo il cane e il gatto. E non c'è motivo di farsene meraviglia perché il coniglio è un animale affettuoso ed intelligente, con una grande capacità di integrazione nelle...
Cani

Come trattare la congestione nasale nei cani

In questa bella ed utile guida, che abbiamo deciso di scrivere per voi, vogliamo cercare di capire insieme, come e cosa fare, per poter trattare, nel migliore dei modi, la congestione nasale nei nostri cani. Si sa che anche i nostri amici a quattro zampe,...
Cura dell'Animale

Come misurare la temperatura di un coniglio

Quella di avere un coniglio come animale domestico è ormai diventata una vera e propria moda. È necessario ricordarsi che un animale domestico rappresemta un essere vivente a tutti gli effetti. E in quanto tale necessita di una buona dose di impegno...
Cani

Come capire se il cane sta male

"Gli manca solo la parola" è una frase che diciamo molto spesso quando ci riferiamo al nostro migliore amico a quattro zampe, il nostro cane. Solitamente si dice in momenti di allegria, ma anche quando sta male, il nostro amico a quattro zampe riesce...
Cura dell'Animale

Come capire se il furetto sta male

Dal carattere vivace, curioso, giocherellone e coccolone, il furetto se ben addomesticato è capace di affezionarsi al proprio padrone così come farebbe un gatto o un cane, rendendolo un ottimo animale da compagnia. Per evitare episodi di aggressività...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella cura del coniglio

In Italia, al terzo posto tra gli animali domestici più diffusi, dopo cane e gatto, si trova il coniglio. È proprio così: sono in molti tra i nostri connazionali a scegliere questo buffo animaletto, che appartiene alla famiglia dei leporidi, come animale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.