Come curare la leishmaniosi canina

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La leishmaniosi è una malattia canina grave ed insidiosa, dovuta all'infestazione delle cellule della pelle e delle mucose da parte del protozoo flagellato Leishmania. Il periodo di incubazione ha una durata assai variabile, da alcune settimane a qualche mese, o persino molti anni; nei casi più gravi portare alla morte del nostro amico a quattro zampe. Fortunatamente oggigiorno disponiamo di una serie di accorgimenti che ci permettono di curare e prevenire al meglio questa infezione protozoaria: vediamo come procedere.

27

Occorrente

  • Esame del sangue
  • repellenti (collari, spray, spot-on)
  • vaccino
37

Questa patologia è provocata da un parassita il Leishmania Infantum, che viene trasmesso all'animale attraverso la puntura delle femmine di flebotomo, piccoli insetti simili alle zanzare. In Italia sono popolarmente conosciuti come pappataci e sono attivi tra Maggio ed Ottobre.
Purtroppo sono presenti nella quasi totalità del nostro territorio: sino a qualche decennio fa infatti erano diffusi quasi esclusivamente nelle fasce più calde ed umide della penisola, oggi invece anche le regioni del Nord Italia vedono aumentare i casi di questa infezione, soprattutto in Emilia Romagna, Trentino e Lombardia.

47

I sintomi appaiono progressivamente: dimagrimento, affaticamento, pallore, affanno e soprattutto febbre irregolare, sangue dal naso, dolori alle articolazioni, diminuzione dell'appetito, alopecia intorno agli occhi, ulcerazioni sulle orecchie, crescita sproporzionata delle unghie, insufficienza renale. Tuttavia una diagnosi precisa può essere fatta esclusivamente dal veterinario attraverso un esame del sangue, lo Snap test Leishmania che in una decina di minuti indicherà se il vostro cane avrà contratto la malattia oppure no. La leishmaniosi può colpire anche gli esseri umani (soprattutto le persone immunodepresse) sempre attraverso la puntura di questo flebotomo, dato che il contagio non avviene mai tra animale e uomo.

Continua la lettura
57

Vediamo ora come prevenire e combattere questa affezione. Evitare le uscite serali, far dormire il cane in casa e l'uso di repellenti (collari, spray e spot-on) sono le prime mosse da attuare. Ricordate però che questi medicamenti non sono assolutamente adatti per i gatti, anzi le piastrine risultano essere estremamente tossiche. Se possedete dei mici non dimenticate di far asciugare completamente il prodotto prima di lasciare di nuovo insieme i due animali. Da qualche tempo poi è disponibile sul mercato anche un vaccino (che non esclude l'impiego dei repellenti) che prevede richiami annuali. La prima vaccinazione può essere fatta dai sei mesi in poi e l'immunità si ha circa quattro settimane dopo l'ultimo richiamo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come riconoscere nel cane i sintomi della leishmaniosi

Si dice che il cane sia il miglior amico dell'uomo e proprio come l'uomo, anche il cane non è immune da malattie più o meno gravi. Una di queste è la leishmaniosi. La leishmaniosi è una malattia che colpisce i cani, ma non solo, molto grave e che...
Cani

Come riconoscere se il proprio cane è affetto da Leishmaniosi

La solitudine per una persona rappresenta uno stato angoscioso e molto triste. Infatti per coloro che vivono tale stato, è consigliabile adottare un animale. L'animale più consigliato da tenere in casa per fare compagnia al padrone, è il cane. Il cane...
Cani

Come proteggere il cane dalle zanzare

Tra le malattie che possono trasmettersi più facilmente dal cane all'uomo ci sono, di sicuro, la filariosi e la leishmaniosi. Responsabili di tali malattie sono sia le zanzare che i pappataci; in particolare, negli ultimi anni è stata la zanzara tigre...
Cani

Consigli per proteggere il cane dalle zanzare

Il cane, ha bisogno di un antiparassitario per essere protetto da zanzare, zecche, pulci e altri insetti. In commercio ce ne sono molti. Chiediamo consiglio al nostro veterinario, affinché possa indirizzarci verso il più indicato per il nostro cagnolino....
Cani

Come Combattere La Forfora Del Cane

Accarezzando il vostro cane vi siete accorti che il vostro amico a quattro zampe ha la cute secca e screpolata? Anche lui, come noi, può avere la forfora. In questa utile guida cercheremo di prevenire e combattere l’insorgere della forfora, rivolgendo...
Cani

Come difendere il cane dalle zecche

Non è divertente dover togliere le zecche al cane durante i mesi primaverili ed estivi. Non solo queste sanguisughe sono brutte da guardare mentre si nutrono del sangue del proprio animale domestico, ma sono anche notoriamente difficili da rimuovere...
Cani

Come curare un cane dalla rogna

Adottare e curare un animale da compagnia comporta tante soddisfazioni ma anche impegno. I vostri amici animali non meritano solo coccole e cibo, ma attenzioni nel caso di malattia. Il cane è sicuramente l'animale domestico più comune tra le famiglie....
Cani

Come proteggere i cani dai parassiti

L'estate regala sempre momenti piacevoli con il nostro amico a 4 zampe. Correre e rotolarsi nei campi o sui prati verdi è distensivo. Tuttavia, rappresenta al tempo stesso un pericolo per Fido. Devi preventivamente proteggere il tuo cane, per evitare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.