Come educare il cane a rispondere al suo nome

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Avere un cane è davvero bello: il cane è, senza dubbio, il migliore amico dell'uomo, il suo più caro ed affettuoso compagno di giochi, avventure e coccole. Uno degli aspetti più divertenti e soddisfacenti dell'avere un cane, però, è proprio quello di poterlo educare, in modo da insegnare all'amico a quattro zampe tantissime cose, come sedersi al comando del suo padrone, alzarsi e persino rispondere al suo nome, quando il padrone lo chiama. Ecco una breve guida con alcuni consigli pratici per imparare come educare il cane a rispondere al suo nome.

24

Per insegnare al cane le giuste reazioni al comando del suo padrone, e per educarlo, in particolare, a rispondere al suo nome, la regola generale è semplice: bisogna ricompensare il cane quando la sua risposta è corretta, mentre bisogna privare il cane della sua ricompensa quando, invece, non risponde al comando o alla richiesta del suo padrone. Una buona ricompensa, per un cane da educare, può essere un biscottino, oppure un assaggio di croccantini. Al contrario, se il cane deve essere "rimproverato", il modo migliore non è quello di punirlo o di urlare, rischiando di spaventarlo o di renderlo aggressivo, bensì quello di privarlo del suo premio, sottraendogli il biscottino oppure la ciotola.

34

Per educare il cane a rispondere al suo nome, dunque, bisogna iniziare a chiamarlo spesso con il suo nome, cercando di scandire al meglio la parola ed associando, al nome, anche un diverso stimolo, come un suono oppure un particolare movimento delle mani. In questo modo, il cane non solo memorizzerà il suono del suo nome, ma sarà anche in grado di associare al nome uno stimolo particolare che saprà sempre riconoscere, in ogni momento ed in ogni contesto.

Continua la lettura
44

Per riuscire ad educare il cane a rispondere al suo nome, dunque, dopo un periodo iniziale di allenamento all'ascolto, bisognerà erogare le ricompense ogni volta che il cane, al suono del suo nome ed alla vista dello stimolo di accompagnamento, risponderà correttamente, correndo incontro al suo padrone. Quando il cane non risponderà allo stimolo, basterà privarlo del suo piccolo premio, in modo che l'animale capisca di aver reagito in modo sbagliato e che il suo padrone, per questo motivo, lo sta punendo. Continuando a mettere in pratica questo esercizio con costanza, ogni giorno, il cane imparerà a rispondere automaticamente al suono del suo nome e, pian piano, sarà possibile anche eliminare lo stimolo di accompagnamento, limitandosi a chiamare il cane.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

5 segreti per educare i gatti

Il gatto è sempre più apprezzato e scelto come animale domestico da tante famiglie di tutto il mondo; il suo intuito, il suo caldo abbraccio peloso e la sua intelligenza ne fanno un compagno di vita affettuoso, curioso ed indipendente. L'istinto intraprendente...
Cani

Come educare il cane con 5 comandi fondamentali

Il cane è un animale eccezionale; chi lo sceglie come amico sceglie di costruire una amicizia solida e profonda, dalle mille soddisfazioni. Ma pur sempre di animale si tratta, specialmente perché il comportamento del cane dipende molto dal suo istinto;...
Gatti

Come educare il gattino alla lettiera

Se avete adottato un micio di pochi mesi o avete intenzione di farlo vi sarà utile sapere come educare il gattino all'uso della lettiera. Per evitare che il nostro amico a quattro zampe faccia i bisognini in giro per casa è fondamentale insegnargli...
Cani

Come educare il cane alla condotta

Non tutti sanno cosa sia la condotta canina. Questo tipo di esercizio a coppia tra animale e proprietario fonda le proprie origini in Gran Bretagna ed è approdato in Italia come specialità nelle gare incentrate sull' "Obedience" solo una dozzina di...
Cani

5 regole d’oro per educare un cucciolo

L'arrivo di un cucciolo nel nucleo familiare è un momento di grande gioia: un nuovo membro della famiglia, capace di amare incondizionatamente, è destinato a cambiare tutti gli equilibri della casa e dei suoi abitanti. Adottare un cagnolino, un gattino...
Cani

Come educare il cane a stare in pubblico

Le persone che possiedono un cane sanno che è difficile addestrarlo; qualche volta l'amore e la pazienza non bastano. Alcuni cani sono docili e riescono a capire subito gli ordini del padrone, altri sono più irrequieti e necessitano di qualche attenzione...
Cani

5 regole d'oro per educare il cane

Adottare un cane significa prendersene cura 365 giorni l'anno. I cani sono degli esseri viventi e come tali hanno bisogno di attenzioni. Naturalmente l'educazione fa parte delle cure e delle attenzioni che dovreste riservare al vostro amico peloso. Un...
Animali da Compagnia

Educazione del furetto: errori da non commettere

Moltissime persone amanti dei piccoli animali domestici, oggi, scelgono di prendersi cura di un cucciolo meno comune ed ordinario del solito cane o gatto: il furetto si dimostra, solitamente, un ottimo e simpaticissimo animale da compagnia, da tenere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.