Come evitare che il gatto rovini il tappeto con le unghie

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I possessori di gatti sanno benissimo come la convivenza tra i loro micetti e i loro tappetti sia piuttosto turbolenta. Le due cose, purtroppo, non riescono a convivere perfettamente. I gatti hanno istintivamente la voglia di graffiare mobili o rovinare tappetti con le loro unghie. Ma tutto ciò non lo si deve a una particolare predisposizione. La prima esigenza è di natura territoriale. Cioè essi tendono a lasciare un marchio visivo della propria presenza, appunto rappresentato dai graffi sulla mobilia. La seconda esigenza è anch'essa di natura territoriale, ma di tipo olfattiva. Infatti dagli artigli vengono comunque rilasciati dei feromoni che avvertono gli altri gatti della loro presenza in maniera olfattiva. La terza esigenza è di natura fisiologica. Infatti questo comportamento permette al gatto di affilare i propri artigli e di rinforzare i muscoli. Chiaramente, per ovvi motivi, non potete spingere il vostro gatto ad andare contro la sua natura. Vediamo dunque insieme come evitare che il gatto rovini inevitabilmente il tappeto con le proprie unghie.

26

Occorrente

  • Panno o canovaccio
  • ammoniaca
  • acqua
  • spruzzino
36

Il metodo più sicuro e non nocivo che persuaderà il vostro gatto ad adottare comportamenti più consoni non è per niente difficile. Vi basterà procurarvi il materiale necessario ed iniziare il lavoro. Prendete innanzitutto un panno e spruzzatelo o imbevetelo di acqua e ammoniaca. A questo punto strofinatelo delicatamente, seguendo il verso del pelo, sul tappeto. Potete tranquillamente utilizzare un semplice spruzzino ricavato da un vecchio detersivo per vetri ormai terminato.

46

Qualora utilizzaste solo lo spruzzino, è preferibile utilizzare un panno asciutto per l'asciugatura, onde evitare la formazioni di aloni sul vostro tappeto. Ripetete questa procedura per due o tre volte a settimana. L'odore dell'ammoniaca, comunque attenuata dall'acqua, allontanerà il vostro gatto. In questo modo scongiurerete il pericolo che possa rovinare il tappeto con le proprie unghie. Questa predisposizione del gatto a graffiare tappeto o altri elementi della mobilia, si può limitare tagliando regolarmente le unghie al felino.

Continua la lettura
56

Potete più semplicemente introdurre nella vostra casa un elemento nuovo, cioè di un "tiragraffi" o "grattatoio". Posizionatelo nell'area nella quale staziona principalmente il vostro gatto, assicuratelo saldamente al pavimento, così da non spaventare il gatto qualora dovesse cadere. Questo elemento dovrebbe in qualche modo limitare i comportamenti distruttivi del vostro gatto verso gli altri elementi dell'arredamento. In quanto concentra su di sé questo genere di atteggiamenti. Buon lavoro!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potete tranquillamente utilizzare un semplice spruzzino ricavato da un vecchio detersivo per vetri ormai terminato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Come fare un tappetino gioco per furetti

I furetti sono tra gli animali domestici più vivaci e curiosi. Chi ne possiede uno sa bene quanto la loro voglia di giocare durante il giorno sia inesauribile. Per evitare che il loro interesse si riversi sui mobili della casa o altri oggetti personali,...
Gatti

Come eliminare gli odori di gatto

Tutti i gatti, maschi e femmine, per marcare il loro territorio rilasciano la loro pipì. Il gatto di appartamento se non sterilizzato, soprattutto durante il periodo in cui va in calore tende ad accentuare questo suo comportamento, rilasciando la sua...
Gatti

10 regole per una casa a prova di gatto

Il gatto è tra gli animali domestici per eccellenza. Con la sua indole sorniona ma vivace, dolce e discreta, ha un carattere ricco di contrasti che lo rendono senza dubbio uno degli animali più affascinanti e belli da tenere con sé, che si viva in...
Animali da Compagnia

Come rimuovere peli di animali dai tessuti

Se in casa avete degli animali come il cane o il gatto, sapete benissimo che in determinati periodi dell'anno tendono a perdere il pelo e di conseguenza lo trovate sparso un po' dappertutto, ed in particolare sui divani, sui vostri abiti e sui tappetti....
Cani

Come addestrare un cane da tartufo

I funghi di bosco e di montagna detengono il primato come prelibatezza culinaria assieme ai tartufi, altro generoso prodotto del mondo vegetale che cresce sotto terra e, di cui i cinghiali, ma anche gli uomini, vanno ghiotti. La legge italiana, in merito...
Gatti

Come educare un gatto domestico

Educare un gatto è assolutamente possibile, diversamente da ciò che si pensa. Infatti, quando si parla di "addestrare" o di educare un animale, si pensa sempre ad un cane, ma in realtà, se si ha una certa pazienza, è possibilissimo anche addestrare...
Gatti

Come scegliere un sacco nanna per gatti

I gatti sono animali che amano molto il caldo; nei mesi invernali è facile trovarli sdraiati nelle immediate vicinanze di un calorifero o di una stufa, oppure infilati sotto alle coperte o accovacciati sotto ad un copri-divano. Un'idea per fornire un...
Gatti

Come eliminare l'odore della pipì di gatto in casa

Avere degli animali in casa è un'incontestabile fonte di affetto e compagnia, ma vi sono alcuni inconvenienti, specie con i nostri gatti, che rendono la convivenza sotto lo stesso tetto più o meno problematica. Nel caso specifico del gatto ci si imbatte...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.