Come far smettere di piangere un cucciolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I cuccioli del cane, così come tutti i cuccioli (anche quelli umani) hanno un solo modo per comunicare: il lamento o il pianto, che è sempre segnale e manifestazione di una richiesta o di un disagio. Pertanto, anche se è molto fastidioso sentire questi lamenti, i quali a volte diventano motivo di litigi fra vicini di casa, è soltanto cercando di comprendere le esigenze del cucciolo da cui essi partono che si può affrontare la situazione e risolverla. Vediamo dunque insieme come far smettere di piangere un cucciolo.

24

Il primo passo da affrontare è quello di verificare se il cane ha problemi di salute; se infatti è malato o si è procurato delle ferite in qualche parte del corpo poco visibile, non si avverte immediatamente l'origine del male ed è quindi necessario fargli un esame scrupoloso, anche controllando i suoi comportamenti. È assolutamente inutile gridargli contro: non si farebbe altro che spaventarlo e scoraggiarlo. Se si nota qualcosa di anomalo ed il cagnolino continua ad abbaiare, è assolutamente consigliabile portarlo dal veterinario per una visita di controllo. Essendo comunque molto piccolo, un'altra ragione dei suoi lamenti potrebbe essere il fatto di sentirsi triste o spaventato; sappiamo bene quanto i cani siano creature sensibili e provino emozioni e sentimenti alla pari dell'uomo. È dunque di fondamentale importanza cercare di capire davvero quali sono i reali motivi del suo manifestato disagio.

34

Un altro motivo che genera degli eccessivi piagnistei nei cuccioli potrebbe essere la noia. I cani sono animali molto intelligenti e attivi; quindi, non godere di una buona compagnia può essere per loro un motivo di sofferenza e depressione. Normalmente, piagnucolare dalla noia è un invito ad un qualche tipo di stimolo, e un buon trattamento è quello di tenere il cane occupato e attivo. Insegnargli ad obbedire potrà distrarlo e quindi ridurre il pianto. Insegnare al cane alcuni comandi semplici è spesso un'attività utile anche per renderlo più felice, poiché egli saprà di poter fare qualcosa per il suo proprietario.

Continua la lettura
44

L'ansia da separazione è un altro possibile motivo per il quale un cane può lamentarsi. Si tratta di un disturbo molto comune, ma spesso incompreso, che il cucciolo manifesta soprattutto quando si accorge che il proprietario sta per uscire di casa. Tale disturbo è poi accentuato quando rimane del tutto solo in casa. Infine, un'altra causa che può generare piagnistei nei cuccioli è la paura, che a sua volta può trasformarsi in aggressività e prepotenza. In questi casi, sono necessarie delle competenze di formazione efficienti, perché un cane spaventato o aggressivo può essere potenzialmente pericoloso. Tenere presente che un cane ben addestrato, normalmente si lamenta solo se è malato o in difficoltà.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come insegnare al tuo cucciolo a smettere di mordere

I cuccioli trascorrono gran parte del loro tempo a giocare masticando oggetti, facendo diventare i loro denti sempre più aguzzi. Pertanto, quando giocano con gli esseri umani, spesso tendono a mordere le mani e i vestiti. Questo tipo di comportamento...
Cani

3 regole per lasciare il cane a casa da solo

Alcuni cani, in special modo i cuccioli, vivono in maniera molto traumatica il fatto di essere lasciati a casa da soli. Soffrono infatti della cosiddetta "ansia da separazione", e questo accade anche se uscite di casa per poco tempo, solo per fare una...
Cani

Come dare il biberon a un cucciolo

Ci potrà capitare almeno una volta nella vita di trovarci di fronte ad una situazione inaspettata: quella di dover accudire ad un cucciolo di cane che sfortunatamente si è ritrovato senza la mamma nella fase che precede lo svezzamento, magari a causa...
Cani

5 regole d’oro per educare un cucciolo

L'arrivo di un cucciolo nel nucleo familiare è un momento di grande gioia: un nuovo membro della famiglia, capace di amare incondizionatamente, è destinato a cambiare tutti gli equilibri della casa e dei suoi abitanti. Adottare un cagnolino, un gattino...
Animali da Compagnia

10 motivi per adottare un cucciolo

Tutti siamo attratti dai cuccioli, dal loro atteggiamento goffo, insicuro, teneri e giocherelloni, che conquistano subito il cuore di chi li guarda. Tuttavia la scelta di adottare un cane deve essere fatta in coscienza, spinti dalla voglia di condividere...
Cani

Come stimolare i cuccioli di cane

Stimolare la mente del proprio cucciolo è un piacere, ma spesso può rappresentare una sfida.Nonostante il cane sia un animale socievole, all'inizio, instaurare un legame con il proprio cucciolo non è sempre facile. Sapere come stimolare il proprio...
Animali da Compagnia

5 motivi per non comprare un cucciolo in negozio

Alle volte ci si rende conto che, nel corso della vita, la famiglia ha bisogno di un compagno in più. Non un essere umano, bensì un animale. L'affetto, l'allegria e le emozioni che può darvi la presenza di un amico a quattro zampe in casa difficilmente...
Cani

10 consigli pratici per far ambientare il nuovo cagnolino

Abbiamo adottato un nuovo cagnolino e ora lo portiamo nella sua nuova casa. Noi siamo contenti ed esaltati per la presenza del nuovo membro della famiglia. Probabilmente invece il nostro cucciolo si sente spaventato per la nuova situazione. Si ritrova...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.