Come fare il bagno a una tartaruga

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se abbiamo una tartaruga, pur consapevoli che si tratta di un esemplare autonomo, che non richiede quindi particolari interventi, se non la periodica somministrazione di cibo e di acqua, è importante sapere che quest'ultima, va comunque utilizzata per fargli un lavaggio, specie del guscio, in modo da idratarlo ed evitare che si spacchi, essendo la tartaruga un animale che ama il sole, un elemento che provoca questa condizione. A tale proposito ecco una guida con alcuni consigli utili su come fare correttamente il bagno ad una tartaruga.

25

Occorrente

  • Ciotola bassa, tipo sottovaso
  • Spazzolino da denti
  • Acqua tiepida
35

Per fare il bagno ad una tartaruga prendete una ciotola abbastanza bassa, tipo un sottovaso. Riempite la ciotola in base alla grandezza della tartaruga. Regolatevi in questo modo: riempite la ciotola fino a bagnare il carapace. Cioè l'acqua deve arrivare alla linea di congiunzione tra pancia e guscio. In questo modo la tartaruga riesce a respirare e a bere in caso di necessità.

45

La durata del bagno è di circa 10 - 15 minuti, da interrompere nel caso la tartaruga abbia voglia di uscire dalla ciotola. Una volta terminato il bagno asciugate immediatamente e accuratamente la tartaruga per evitare il raffreddamento repentino. Questo potrebbe portare a gravi condizioni di salute. Fare il bagno alla tartaruga significa idratarla. Innanzitutto perché in questa occasione la tartaruga potrà bere a sufficienza. Oltre a ciò l'idratazione avviene anche attraverso la pelle che rimane a contatto con l'acqua. Restando in ammollo in acqua calda viene attivato anche il suo metabolismo, quindi la stimola anche a mangiare e a muoversi, specie se subito dopo espone il suo guscio ai raggi solari. Tra l'altro oltre al suddetto metabolismo, l'idratazione stimola anche la diuresi e la defecazione, altri importanti elementi dunque che la fanno vivere bene e per lungo tempo.

Continua la lettura
55

È preferibile tuttavia fargli fare bagno al mattino in quanto in questa fase della giornata la tartaruga defeca, e quindi ciò aiuterà la sua regolarità. Per eliminare invece i residui ostinati al di sopra del carapace, conviene spazzolarlo con con uno spazzolino da denti, meglio se di tipo elettrico, facendo però attenzione a non esercitare troppa pressione essendo il guscio molto delicato, specie se bagnato e molle, e quindi c'è il rischio che si possano staccare alcune squame. Queste ultime se eventualmente si presentano già prossime a cadere, lasciate che ciò avvenga naturalmente, in genere nel periodo che corrisponde alla loro muta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come fare se la tartaruga rompe il guscio

La tartaruga è un animale docile e sempre più persone la scelgono come animale domestico. Le sue doti principali? Ma lo sanno anche i bambini! La lentezza e la vita lunghissima! Ciononostante, la tartaruga può avere dei problemi. Il più grave è una...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Come distinguere una tartaruga femmina da una maschio

Questo tutorial semplice, utile ed interessante spiega in che modo è possibile distinguere un esemplare di tartaruga maschio da una femmina. A volte quando si compra una tartaruga si ha la curiosità di sapere se è un maschio oppure una femmina. Per...
Animali da Compagnia

Come allevare una tartaruga di terra in giardino

Allevare le tartarughe di terra è davvero facile con le giuste informazioni e mantenimento corretto. Il giardino è il luogo più adatto per loro, più a contatto con quello che è il loro habitat naturale. Basta avere pochi semplici accorgimenti e riuscirete...
Rettili e Anfibi

Guida all’acquisto di una tartaruga

La tartaruga è diventata già da un po' di anni l'animale domestico preferito di molte persone. Grazie alla sua mansuetudine e alla totale innocuità verso l'uomo, infatti, questo rettile è riuscito a conquistarsi le preferenze di molti amanti degli...
Rettili e Anfibi

Come maneggiare e trasportare una tartaruga

Tante persone hanno in casa un piccolo animale da compagnia e ciò le rende generalmente più felici e meno stressate. Gli animali maggiormente presenti in casa sono cani, gatti, criceti, conigli ed a volte anche le tartarughe. Ogni animale ha le sue...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.