Come fare il cambio dell'acqua in un acquario

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Avere un acquario in casa è sicuramente sinonimo di raffinatezza e buon gusto: oltre ad essere un elemento decorativo, un acquario indica anche passioni per i pesci, soprattutto di razze esotiche e particolari. Ma si tratta di un impegno a tempo pieno! Gli acquari, infatti, hanno bisogno di molta manutenzione per rimanere puliti e per mantenere in salute i nostri piccoli animali. Vediamo allora come fare il cambio dell'acqua in un acquario.

27

Occorrente

  • Biocondizionatore
  • tubo di gomma
  • secchio
  • test
37

A cosa serve il biocondizionatore

Per prima cosa ricordiamo che l'acqua va cambiata con regolarità e, a ogni cambio, dobbiamo eseguire i relativi test, per assicurarci che essa abbia i valori chimici adatti per i nostri pesciolini. Diciamo che, per giusta regola, l'acqua andrebbe cambiata ogni 15 giorni. Inoltre è indispensabile utilizzare un biocondizionatore, che serve a eliminare il cloro dall'acqua del rubinetto: il cloro, infatti, rende l'acqua molto dura, uccide la flora batterica, con la conseguenza che i valori chimici presenti nell'acqua diventano mortali per i pesci. Esistono diversi tipi di biocondizionatori: quindi rechiamoci in un negozio specializzato per comprare il migliore per il nostro acquario.

47

Come cambiare l'acqua dell'acquario

Per effettuare il cambio dell'acqua, procuriamoci un tubo di gomma e un secchio, facendo molta attenzione a non risucchiare con la pompa anche i pesci, le piante e il ghiaietto. Successivamente al travaso dell'acqua nel secchio, svuotiamolo completamente e ripuliamolo senza l'uso di detergenti. Riempiamo, poi, il secchio con acqua di rubinetto e inseriamo il termoriscaldatore in funzione che servirà a mantenere la temperatura costante nel nostro acquario. Nel secchio inseriamo anche il biocondizionatore, seguendo le istruzioni riportate su di esso.

Continua la lettura
57

Dove acquistare il test in striscette e a cosa serve

Quando l'acqua del secchio avrà raggiunto la temperatura giusta, potremo versare l'acqua del secchio nell'acquario, successivamente, dovremo verificare i valori chimici dell'acqua dell'acquario: per svolgere nel modo corretto questa operazione, possiamo utilizzare i test in striscette che si possono acquistare in tutti i negozi specializzati. Al termine, se i valori non sono adeguati alla norma, possiamo prendere tutti i provvedimenti del caso. Il cambio dell'acqua, oltre ad essere una questione di igiene, è fondamentale per il benessere dei nostri pesciolini: dal momento che si tratta di acqua ristagnante, deve essere cambiata spesso per fornire il giusto apporto di ossigeno, indispensabile alla sopravvivenza dei nostri piccolissimi amici..

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come allestire un acquario con acqua marina

Se siete fan dei pesci esotici e degli acquari dovreste considerare l'eventualità di installare un acquario di acqua marina. Il piacere che otterrete a vedere i vostri pesci preferiti nuotare nella vasca vale veramente la pena di lanciarsi in questo...
Pesci

Come scegliere e posizionare la ghiaia sul fondale di un acquario

Tantissime persone hanno una passione per gli acquari e molte ne possiedono uno. Se si vuole avere un acquario è fondamentale riflettere sul posizionamento della ghiaia sul fondale. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle...
Pesci

Come aggiungere l'acqua all'acquario

Un acquario in casa è un colpo d'occhio davvero di grande impatto. Infatti i pesci colorati e il colore cristallino dell'acqua, danno un senso di armonia e di tranquillità. Allo stesso tempo, un acquario è simbolo di eleganza e classe. Curare un acquario...
Pesci

10 cose da sapere sui pesci rossi

Il pesce rosso, chiamato anche "carassio rosso" o "ciprino dorato" è un pesce d'acqua dolce originario dell'Asia orientale, diffusosi in Europa solo alla fine del XVII secolo. Solitamente vive in laghi, fiumi o piccoli bacini d'acqua ad una profondità...
Pesci

Come curare i pesci rossi

Il pesce rosso è chiamato anche ciprino dorato oppure carassio rosso, ed è un pesce d'acqua dolce. Esso vive nei laghi, fiumi e negli specchi d'acqua calma, fino a 20 metri di profondità. Noi tutti, fin da bambini, sicuramente abbiamo desiderato avere...
Pesci

Come riconoscere e allevare un orifiamma

Ogni appassionato di acquari, e del mondo marino in generale, sa bene quanto sia importante riconoscere le specie di pesci e sapere come trattarle ed allevarle. Tra le tante varietà che potreste scegliere per il vostro acquario, gli orifiamma coprono...
Pesci

Come eliminare le diatomee da un acquario marino

Se siamo degli amanti del mondo marino sicuramente ci piacerebbe poterlo riprodurre in casa nostra in piccolo, realizzando un bellissimo acquario con moltissimi tipi di pesci differenti. Tuttavia avere un acquario richiede molta cura ed attenzione per...
Pesci

Come allevare i pesciolini neon

Con questa guida vedremo come allevare i pesciolini neon. Il suo nome scientifico è Paracheirodon innesi ed è un pesce adatto ad un acquario tropicale. È molto piccolo, circa 4 cm di lunghezza ed il suo colore predominante è il verde. Il suo corpo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.