Come fare il nettare per i colibrì

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I colibrì sono uccelli piccolissimi, dal piumaggio prevalentemente colorato; possiedono una lingua lunghissima ed estroflettibile, formata da due parti, costituenti un tubo adatto a succhiare nettare, polline, piccoli ragni ed insetti. Se si ha la passione per questi uccelli e si ha intenzione di attirarli verso il proprio giardino, è necessario sapere da cosa loro sono realmente attratti. Poiché questi uccelli hanno un metabolismo veloce, tendono a mangiare molto durante il giorno, perciò è possibile trovarli spesso a succhiare il nettare dai fiori e da alcuni insetti. Ad esempio, il nettare che è nelle mangiatoie, è possibile acquistarlo o farlo direttamente in casa. A tal proposito, nei passi successivi di questa guida, spiegherò come fare il nettare per i colibrì.

27

Occorrente

  • alimentatore
  • mezza tazza di zucchero
  • 1 tazza d'acqua
37

Acquistare un alimentatore

Anzitutto, acquistare un alimentatore: essi non sono affatto costosi e si trovano facilmente in qualsiasi negozio che vende il cibo per gli animali. È possibile acquistare alimentatori per colibrì che si appendono alle gabbie, oppure quelli che vengono applicati alle finestre o alle porta di vetro. In seguito, mescolare mezza tazza di zucchero ed una d'acqua in una brocca o un contenitore più grande ed assicurarsi che il tutto sia ben mescolato. Evitare di far bollire l'acqua prima di aggiungere lo zucchero, altrimenti quest'ultimo potrebbe non sciogliersi del tutto. Una volta creato il nettare, conservarlo in dei contenitori ermetici, specie se in casa ci sono dei bambini.

47

Riempire l'alimentatore con il nettare fatto in casa

Generalmente, i colibrì sono attratti dal colore rosso; questo, però, non è un buon motivo per introdurre del colorante nell'acqua, che potrebbe danneggiare gli uccelli. Piuttosto, acquistare un alimentatore di colore rosso, in modo da attirare comunque i colibrì al nettare. Riempire l'alimentatore con il nettare fatto in casa e conservare il resto in frigorifero. La quantità di nettare fatto in casa dovrebbe durare circa per due settimane.

Continua la lettura
57

Controllare periodicamente lo stato del nettare

Successivamente, inserire l'alimentatore in una zona ombreggiata del proprio giardino: se non si dispone di ombra, è possibile inserire l'alimentatore all'esterno, ma potrebbe essere necessario cambiare il nettare più spesso. Se, ad un certo punto, il nettare diventa torbido o se si forma la muffa nera, è necessario scaricare e lavare per bene l'alimentatore e riempirlo con del nettare fresco. Oltre a ciò, è possibile pulire l'alimentatore con acqua calda e qualche goccia di candeggina. A questo punto, non resta altro da fare che godersi l'alimentazione dei colibrì, non dimenticando mai di controllare periodicamente lo stato del nettare.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Tutto sulla farfalla cobra

La Farfalla cobra è una grande falena appartenente alla famiglia delle Saturniidae, composta da più di 1800 specie. Questa farfalla, nota anche con il nome di Attacus atlas, è molto diffusa nelle foreste tropicali e subtropicali del Sud-Est asiatico,...
Altri Mammiferi

L'allevamento del petauro dello zucchero

Il petauro dello zucchero è un piccolo mammifero marsupiale australiano della famiglia dei Petauri. Viene denominato anche "scoiattolo volante", per via della sua particolare caratteristica: è capace di spiccare lunghi salti e di planare per mezzo di...
Invertebrati e Insetti

Tutto sulle formiche

Le formiche assomigliano molto alle termiti, con cui vengono spesso confuse ma, a differenza di queste, le formiche possiedono una caratteristica importante: la vita stretta fra addome e torace. Molte persone credono che le formiche siano animali infestanti,...
Gatti

Guida alle piante tossiche per il gatto

Qualunque persona abbia un gatto è ha conoscenza del fatto che questi simpatici animali sono molto attratti da alcune tipologie di erbe: quando hanno l'opportunità d'esplorare un giardino o anche semplicemente un ambiente domestico, essi si ritrovano...
Invertebrati e Insetti

Come e quando effettuare la nutrizione dell'alveare

L'apicoltura, è una tipologia di allevamento di api a tutti gli effetti, essa risale a dodici mila anni fa. Infatti l'uomo, ha sempre usufruito di questo prodotto, sin dagli albori dell'umanità. Questa pratica viene appunto effettuata, sia a livelli...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere le api dalle vespe

Le api e le vespe sono due tipologie di insetti molto simili tra di loro, entrambi presentano il pungiglione e hanno un colorito giallo e nero a strisce; presentano però delle differenze che sono molto sottilissime e sono riportate in questa guida. Le...
Altri Mammiferi

10 curiosità sui pipistrelli

I pipistrelli sono da sempre considerati nell'immaginario comune come delle creature misteriose ed inquietanti. Basti pensare alle leggende che da sempre ruotano attorno a questi strani animali della notte, come la leggenda che vuole che il Principe Vlad,...
Invertebrati e Insetti

Coccinella: 10 curiosità

Le coccinelle sono tra gli animali più piccoli e graziosi che esistano. Meravigliose grazie alla loro particolare colorazione (il più delle volte rossa con puntini neri), le coccinelle rimangono tuttavia per certi versi degli animali sconosciuti e misteriosi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.