Come fare se il gatto ha l'occhio infiammato

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se stiamo decidendo di adottare un animale, la cosa più importante prima di procedere con l'adozione sarà quella di capire se saremo veramente in grado di prenderci sempre cura del nostro nuovo amico, garantendoli sempre tutte il cibo di cui ha bisogno e soddisfando tutte le sue esigenze. Ma se è la prima volta che adottiamo un animale, non dovremo preoccuparci perché potremo imparare molto facilmente quali sono le varie esigenze che dovremo soddisfare, semplicemente cercando su internet delle guide che ci illustreranno tutto quello che dovremo fare per riuscire a far crescere sempre in perfetta salute il nostro amico. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a curare il nostro gatto se ha l'occhio infiammato.

25

Occorrente

  • seguire i consigli riportati nella guida.
35

Gli occhi sono la parte più delicata dei gattini e vanno spesso incontro a malattie o infezioni molto forti. Non bisogna perciò ignorare importanti sintomi quali l'occhio infiammato, curandolo subito, il problema è risolto, mentre trascurandolo, potremmo invece assistere a degenerazioni. In alcuni casi potrebbe anche essere necessario l'intervento di un chirurgo.

45

L’occhio infiammato del gatto può essere causato dalla congiuntivite infettiva. La si può riconoscere da sintomi quali: arrossamento, occhi chiusi a metà, gonfiore e pus, si tratta di sintomi facilmente individuabili anche per i meno esperti. Nella maggior parte dei casi l'infezione colpisce entrambi gli occhi, dei semplici colpi d'aria o corpi estranei possono scatenarla. Per curarla è sufficiente somministrare un collirio antibiotico o una pomata. Applichiamoli tre o quattro volte al giorno e ripetiamo l'operazione per dieci giorni circa.

Continua la lettura
55

I gatti inoltre, possono soffrire anche di una congiuntivite allergica. Possiamo curarla con dei semplici trattamenti infiammatori della durata di due mesi circa. A volte è necessario effettuare l'operazione a cadenza annuale. Alcuni gatti sono inoltre più soggetti a tale allergia, in altri casi, dovremo dare la colpa dell'infiammazione alla cheratite o alla blefarite. In questi ultimi due casi vedremo delle leggere crosticine formarsi sulle palpebre del felino. Possiamo curare la malattia con del collirio e l'uso di una pomata antibiotica molto leggera. Infine passiamo al calalzio, si tratta di un'infiammazione delle ghiandole lacrimali che provoca l'arrossamento delle palpebre. Se il nostro gatto ne è affetto bisognerà ricorrere a delle punture intramuscolari. Si consiglia sempre di chiedere il consiglio di un veterinario.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come mettere il collirio al cane

I motivi per cui mettere il collirio al cane sono molti e diversi tra loro. Si parte dalle patologie più frequenti e meno serie fino ad arrivare a quelle più rare ma molto più gravi per la salute del nostro cane. Di solito bisogna mettere il collirio...
Cani

Patologie oculari nei cani: cosa fare

Molte persone possiedono a casa propria un amico a quattro zampe e, potrebbe capitare che gli occhi del cane necessitino di cura, quindi bisogna fare molta attenzione ed essere in grado di capire se il proprio animale sta bene ancor prima di chiamare...
Gatti

Come curare congiuntivite al gatto

Prendersi cura dei propri animali domestici è fondamentale per mantenere il loro benessere. Chi possiede un gatto sa anche bene che possono capitargli a volte alcuni piccoli malanni. In questo caso bisogna, onde evitare dei peggioramenti, agire prontamente,...
Volatili

Come capire se il pappagallino sta male

Scegliendo di portare in casa un pappagallo, ci si fa carico anche della grossa responsabilità di mantenerlo e prendersene cura nel migliore dei modi. E per quanto questo sia vero per tutti gli animali da compagnia, per i pappagalli diventa ancora più...
Cani

Come trattare l'infezione fungina nei cani

I cani sono i migliori amici dell'uomo ed è per questo che, per ricambiare in modo amorevole la loro affettuosa compagnia, è importante prendersi cura di loro specialmente quando sono vittime di brutte malattie, come un'infezione fungina, che non è...
Gatti

Gatto: come fare quando ha la congiuntivite

Il vostro gatto vi accoglie appena tornate a casa da lavoro con coccole e fusa. Si struscia sui vostri piedi quando state cucinando. Vi si accoccola sulla pancia quando state male. Perciò se ora è il vostro piccolo micio a stare male, dovete icambiare...
Gatti

Come curare la tigna nel gatto

I classici sintomi della tigna nei gatti, includono le lesioni cutanee che compaiono tipicamente sulla testa, le orecchie e gli arti anteriori. La tigna può causare zone calve nel pelo del gatto. Nei casi lievi, possono essere localizzate anche aree...
Gatti

Come riconoscere la FIP

La peritonite non è altro che un'infiammazione dei rivestimenti dell'addome del gatto. Essa, è dovuta principalmente ad uno specifico coronavirus dei gatti, chiamato FIP (peritonite infettiva felina). Nel corso del tempo, il termine è stato utilizzato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.