Come fare una fasciatura AL cane

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se avete un cane in casa, è utile sapere come comportarsi nel caso in cui il vostro cane si dovesse ferire. È utile che voi conosciate delle tecniche di primo soccorso da prestare al vostro cane: nella guida seguente vogliamo offrirvi alcuni consigli per effettuare delle fasciature nelle varie parti del corpo del cane (zampa, spalla, cosce e occhio). Fasciare un cane non è un'operazione semplice, anzi richiede molta pazienza. Infatti, il cane istintivamente sentirà la necessità di sciogliere la fasciatura per leccare la ferita, per calmare il bruciore: ciò comporta delle difficoltà per mantenere a posto la fasciatura. Pertanto sarà opportuno conoscere ed apprendere alcune tecniche. Se anche voi volete sapere come fare una fasciatura adeguata al vostro cagnolino, seguite attentamente questa guida.

26

Occorrente

  • Benda
  • cerotto
  • garza
36

Se dovete fasciare una zampa, dopo che avete medicato la ferita, la prima cosa che dovete fare è coprire la ferita con la garza e poi fasciarla con la benda: fate compiere alla benda delle torsioni su se stessa ogni tre o quattro giri in modo da fare un bendaggio più saldo. Dopo che avete terminato la fasciatura, applicate un cerotto tra il limite della benda e il pelo, in maniera da lasciare ferma la fasciatura. È molto probabile che il vostro cane tenti di togliersi la fasciatura. In questo caso, sarebbe opportuno coprire la fasciatura con una piccola calza o con una retina che potete facilmente acquistare in farmacia.

46

Nel caso in cui il vostro cane dovesse ferirsi sulla spalla, dovete procedere in questo modo: la prima cosa che dovete fare è mettere la garza e fissarla con un cerotto. Dopo, dovete procedere con la fasciatura facendo compiere alla benda diversi giri attorno al collo e al torace, passando anche tra le zampe anteriori, in modo da rendere il bendaggio ben fermo. Per fissarlo ancora meglio, sarebbe opportuno tagliare longitudinalmente nella parte centrale l'ultimo tratto della benda ed utilizzare i due lembi in modo da formare un nodo.

Continua la lettura
56

Se invece, il vostro cane si ferisce sulle cosce o glutei, dovrete passare la fasciatura attorno alle cosce, ai fianchi e all'addome. Dopo, dovete tagliare longitudinalmente l'ultimo tratto della benda ed utilizzare i due lembi per formare un nodo. Infine, vediamo come dovete procedere per fasciare un occhio. In questo caso, applicate direttamente sull'occhio il tampone di garza sterile che va tenuta sull'occhio con una fasciatura che deve essere fatta passando la benda attorno al collo ed all'orecchio opposto.

66

Se il vostro cane non dovesse sopportare la fasciatura, potete intervenire mettendogli il collare elisabettiano. Si tratta di una specie di imbuto di plastica che va allacciato attorno al collo in modo da contenere il collo ed il muso all'interno della parte conica. Tuttavia, vi consigliamo di utilizzare tale collare solo nelle ore in cui il cane non può essere tenuto sotto controllo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come scegliere il collare elisabettiano per il cane

Non è raro per strada imbattersi in qualche cane, accompagnato dal suo padrone, che indossa una specie di imbuto al collo a forma di cono troncato, talmente "buffo" da suscitare il sorriso. Per il cane, invece, potrebbe essere una tortura indossarlo,...
Gatti

Come intervenire in caso di ferita del gatto

L'eleganza dei gatti è ben nota a tutti, e vederli muovere con la loro agilità mentre giocano, si rincorrono e si azzuffano è sempre un piacere per gli occhi. Il gatto è uno degli animali domestici per eccellenza, ma per rimanere in piena salute ha...
Cani

Morso di cane: come comportarsi

In questo contesto siamo pronti a proporvi una guida davvero molto interessante per comprendere ed imparare opportunamente, come occorre comportarsi di fronte ad un morso di cane, appena ricevuto, il quale ha anche provocato molto dolore. È risaputo...
Cani

Come evitare che il cane si gratti una ferita

Se abbiamo un cane e gli capita di farsi male giocando nel giardino, dopo averlo sottoposto alle cure del caso e ad eventuali fasciature, dobbiamo fare in modo che non si gratti la ferita, per evitare che possa incorrere in una riapertura di eventuali...
Cani

Come riconoscere una frattura nel cane e come si cura

Un cane vivace amante delle corse e delle scorribande può incorrere in piccoli infortuni o fratture. Questo può capitare anche ad animali anziani, con passo tremolante oppure risultare il frutto di circostanze sfortunate. La frattura riguarda l’interruzione...
Gatti

Come evitare che il gatto si gratti una ferita

Avere un animale domestico dentro casa significa principalmente prendersene cura alla pari di un essere umano. Prima perché esso è indifeso rispetto al caso in cui si trovasse nel suo habitat naturale, secondo per via del fatto che le ferite, oltre...
Cani

Come estirpare una spina nella zampa del cane

I cani sono animali dotati di un forte spirito di esplorazione. Purtroppo la loro curiosità li porta talvolta ad entrare in contatto con insidie tanto piccole quanto pericolose. Non è raro infatti che durante una passeggiata al parco il cane possa conficcarsi...
Gatti

Come disinfettare le ferite al gatto

I gatti si feriscono in vari modi: morsi, graffi o lacerazioni da corpi contundenti.Queste ferite se non trattate localmente possono infettarsi.Quest' ultime possono essere di diverse entità: più o meno superficiali, estese, profonde, con margini lineari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.