Come gestire i pasti del proprio gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Somministrare del cibo al proprio gatto deve avvenire nella maniera più naturale possibile. Già dalla scelta del cibo ci troviamo di fronte ad un enorme dilemma, scegliere le monoporzioni in scatola o preparare il così detto “pasto casalingo”? Vediamo insieme come gestire i pasti del proprio gatto.

24

Per prima cosa è importante far abituare il nostro gatto a quello che gli forniamo, cercando di variare la tipologia di alimento in maniera ciclica, fornendo alimenti che ben si adattino al periodo di vita del nostro animale. I gatti sono animali con un forte istinto predatorio, non abituati ad assumere un unico pasto giornaliero: l’ideale sarebbe dividere in 5-6 razioni il pasto, considerando che i felini sono animali che cacciano anche di notte, e che quindi avranno bisogno di avere a disposizione una razione, per evitare “fastidiosi miagolii” di richiesta di cibo nelle ore notturne. State attenti a mettere a disposizione cibo che non si deteriori se fa troppo caldo. Preferite quindi cibo secco, meno deteriorabile. Se optate per il cibo commerciale in scatoletta sarà importante seguire una routine: lasciate il cibo ad orari fissi, cercando di non cedere e non fornire pasti extra al nostro gatto che imparerà rapidamente gli orari corretti nei quali assumere il pasto.

34

I gatti preferiscono i cibi leggermente salati a quelli dolci, che invece possono causargli vomito e diarrea perché il loro organismo è carente di saccarasi, cioè gli enzimi capaci di scindere gli zuccheri. Cercate di preparare cibi a base di pesce, più appetibili, piuttosto che quelli a base di carne ed evitate i cibi domestici. Cercando di variare le tipologie di cibo farete contento il vostro gatto che sarà sempre attratto dai cibi nuovi che gli vengono proposti. Preferite cibi umidi, più facili da masticare, a quelli secchi perché essendo un carnivoro, la peculiarità della sua dentizione è quella di strappare. È sconsigliato il cibo casalingo perché fornisce alimenti ricchi in carboidrati, come per esempio la pasta, andando ben oltre il normale fabbisogno giornaliero per il gatto che è del 4-5%.

Continua la lettura
44

In conclusione, ricordate di non dare mai cibo per cani ai gatti. Non scegliete in base al prezzo: in genere i prodotti con prezzo più basso hanno una digeribilità percentuale inferiore ai prodotti più costosi. Bisogna scegliere il giusto compromesso considerando il fabbisogno del nostro gatto (proteine 30-40%, carboidrati 5%, grassi 35-40%). Evitate di somministrare scarti di grasso che possono causare patologie pancreatiche.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

5 cose da sapere sull'alimentazione del furetto

Il furetto appartiene ai Mustelidi, una famiglia di mammiferi di cui fanno parte anche la faina e l'ermellino. Il nome scientifico del furetto, Mustela putorius furo, significa "faina puzzolente ladra", in riferimento al forte odore che emana se non sterilizzato...
Animali da Compagnia

Come scegliere gli integratori alimentari per cani e gatti

Nel corso della vita dei nostri amati amici a quattro zampe, può insorgere la necessità di dover somministrare loro degli integratori alimentari. Nonostante oggi sul mercato siano disponibili diverse tipologie di cibi attentamente bilanciati per garantire...
Gatti

Consigli per far vivere più a lungo il nostro gatto

I gatti sono animali meravigliosi. Si dice che siano indipendenti e un po' solitari. Ma questo non impedisce loro di trasmettere tanto affetto ai padroni. Quando si accoglie un gatto in casa occorre accudirlo con amore e rispetto. Diciamo poi la verità:...
Cura dell'Animale

Cibo casalingo per furetti: ricette

I furetti sono animali carnivori e devono essere alimentati in quanto tali. Tuttavia, riescono ad adattarsi ai nuovi cibi quando sono in giovane età, mentre i furetti anziani spesso sono più restii e, l'aggiunta di un nuovo alimento dovrebbe essere...
Gatti

Alimentazione del gatto: alimenti e regole da seguire

Il gatto è un carnivoro con gusti alquanto difficili. Se vive fuori casa non ci sono problemi dato che sceglie le sue prede, ma se è domestico dovrete trovare il cibo che meglio lo soddisfa. Inoltre dovrete preoccuparvi di integrare la sua alimentazione...
Cani

Come alimentare un cane anziano

Ogni cane invecchia in età differente, in relazionr alla razza, taglia e stile di vita. Generalmente la vecchiaia comincia a 6 anni per i cani di taglia grande ed a 9 anni per le piccole taglie. È il padrone che nota quando il cane comincia ad invecchiare...
Gatti

10 consigli per determinare la giusta quantità di cibo per gatti

Qual è la giusta alimentazione per un gatto? Una domanda che assai di frequente si pone chi ha la fortuna e il piacere di ospitare in casa o nel proprio giardino questo dolcissimo animale domestico, divenuto ormai compagnia abituale per grandi e piccini....
Gatti

Come aiutare i gatti randagi

Nonostante il gatto venga ritenuto un animale che ha come peculiarità la libertà e l'indipendenza, tante volte succede d'incontrare per strada delle colonie di felini che vagano alla ricerca di qualcosa da mangiare. In passato, riuscire a trovare qualche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.