Come illuminare l'acquario

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per una buona riuscita di un acquario, l'illuminazione è uno dei fattori più importanti. C'è da dire che, le case produttrici di acquari, al momento delle vendita, includono sempre le luci che danno una bassa sorgente luminosa, lasciando all'acquirente la facoltà di potenziarla in un secondo tempo. La vegetazione di un acquario d'acqua dolce ne condiziona notevolmente la scelta del tipo d'illuminazione. Se metterete delle vasche ricche di piante, avranno certamente bisogno di un'illuminazione più intensa. Nella seguente guida vi forniremo degli utili consigli su come illuminare l'acquario.

26

Scegliere il neon più adatto all'acquario

Dovete tenere presente che l'illuminazione, oltre a favorire il benessere dei pesci, è fondamentale per la loro crescita e durata, infatti il solo uso di fertilizzante non può certamente bastare: questo deve essere sempre abbinato ad una buona quantità di luce. Il genere di luce tradizionale e maggiormente diffusa per l'acquario, è quella ottenuta tramite neon, ma fate attenzione durante l'acquisto: la tipologia più comune è dotata di un unico tubo che corrisponde al minimo indispensabile, però il sistema di aggiungerne altri si trova sempre, anche se sarebbe meglio trovarli già montati.

36

Considerare la grandezza dell'acquario

Non esitate ad applicarne diversi e vedrete in poco tempo risultati meravigliosi; sappiate comunque che i costi non sono certo eccessivi: un elemento da 20 w acceso per dieci ore al giorno, vi costerà circa 1 euro e 60 centesimi al mese. Per avere una luminosità appena sufficiente, occorrono almeno 0,20 watt per litro, mentre ne servono 0,33 per una luce piuttosto bassa; per averla media, dobbiamo inserire almeno 0,50 watt e per disporre di un'illuminazione alta oppure molto alta, si devono impiegare da 0,80 fino a 1,00 watt.

Continua la lettura
46

Sostituire i neon dopo alcuni mesi

Esistono tipologie di piante che necessitano di scarsa illuminazione, come la pratica e bellissima Anubias, ampiamente utilizzata negli acquari di acqua dolce; altre sono invece più esigenti ed esponendole a luce scarsa, morirebbero in tempi brevissimi. Un valido suggerimento, può per esempio essere quello di posizionare un neon da 4000 e uno da 6500 k, in maniera tale da procurare uno stimolo alla crescita delle piante con il primo e riprodurre una luce simile a quella del giorno con il secondo. Tenete inoltre presente che un neon si dovrebbe sostituire al massimo ogni 8 mesi, infatti con il trascorrere del tempo lo spettro subisce delle modifiche e le conseguenze possono procurare dei danni alle piante, favorendo lo sviluppo di alghe indesiderate.


C.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Consigli per un acquario sempre pulito

Se abbiamo un acquario marino o tropicale, è fondamentale tenerlo sempre pulito, per evitare contaminazioni da parte di batteri ed acqua stagna, che con il passar dei giorni, potrebbero provocare la morte delle piante e dei pesci. In questa lista ci...
Pesci

I pesci più resistenti da mettere in acquario

Se intendiamo allestire un acquario magari di tipo tropicale, è necessario per ottimizzarne il funzionamento, scegliere dei pesci più resistenti ovvero facili da allevare e che riescono a sopravvivere a lungo. Nella seguente guida, passo dopo passo,...
Pesci

Come allestire un acquario di coralli marini

I coralli marini hanno una bellezza incredibile, affascinante, che conquista. Allestire un acquario di coralli marini non è certo cosa facile, ma neanche impossibile. Nonostante non consigli questa esperienza a persone completamente a digiuno di nozioni...
Pesci

Come allevare i pesciolini neon

Con questa guida vedremo come allevare i pesciolini neon. Il suo nome scientifico è Paracheirodon innesi ed è un pesce adatto ad un acquario tropicale. È molto piccolo, circa 4 cm di lunghezza ed il suo colore predominante è il verde. Il suo corpo...
Cura dell'Animale

I principali accessori per acquari

Possedere un animale da compagnia è sicuramente una bellissima esperienza, che tutti voi avrete provato almeno una volta nella vita: che si sia trattato di un criceto, un cane o un pesciolino, questa esperienza vi avrà donato sicuramente molto.Curare...
Pesci

10 pesci tropicali per l'acquario

Se avete intenzione di allestire un acquario tropicale oltre a rendere l'habitat simile a quello naturale di questa zona del mondo, quindi inserendo piante, sassi, sabbia e filtri biologici, è importante scegliere i pesci in base a colore, specie e dimensioni....
Pesci

Come cambiare l'acqua nell'acquario: piccola manutenzione

Gli acquari, in modo particolare quelli molto grandi, rappresentano uno straordinario complemento d'arredo, nonché un lavoro non indifferente. Le pompe moderne consentono un agevole cambio dell'acqua. Ma non tutti possono permettersi strumenti così...
Pesci

Come eliminare le diatomee da un acquario marino

Se siamo degli amanti del mondo marino sicuramente ci piacerebbe poterlo riprodurre in casa nostra in piccolo, realizzando un bellissimo acquario con moltissimi tipi di pesci differenti. Tuttavia avere un acquario richiede molta cura ed attenzione per...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.