Come insegnare al tuo cucciolo a smettere di mordere

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I cuccioli trascorrono gran parte del loro tempo a giocare masticando oggetti, facendo diventare i loro denti sempre più aguzzi. Pertanto, quando giocano con gli esseri umani, spesso tendono a mordere le mani e i vestiti. Questo tipo di comportamento può sembrare carino quando il cucciolo ha solo poche settimane di vita, ma non lo è affatto quando inizia a diventare più grande. È quindi importante aiutare il tuo cucciolo ad imparare a frenare questo tipo di comportamento quando è ancora piccolo; per farlo, ci sono vari modi, alcuni dei quali molto efficaci: l'obiettivo finale è quello di insegnare al tuo cucciolo a smettere di mordere le persone, facendogli capire che le queste hanno una pelle molto più sensibile della sua e quindi deve essere delicato quando utilizza la bocca. Vediamo come.

25

Se hai intenzione di allevare dei cani, ti conviene sempre sterilizzarli poiché diventano meno aggressivi, e quindi i rischi di morsi diminuiscono notevolmente. Per quanto riguarda l'aspetto pratico, l'insegnamento a non mordere è importante facendolo giocare regolarmente, per rafforzare il legame tra uomo e animale, e nel contempo fargli consumare energia in eccesso che altrimenti potrebbe influire sul sistema nervoso.

35

Tuttavia bisogna evitare giochi aggressivi, come ad esempio il wrestling e il braccio di ferro che portano a problemi di posizione dominante. Per addestrare bene il cane a non mordere bisogna tuttavia farli imparare dei comandi base, come ad esempio sedersi, rimanere fermo, venire incontro oppure lasciare la presa di un oggetto o delle mani. Inoltre non devi permettere che il tuo cucciolo possa vagare libero, ma senza limitargli le uscite esterne. Un aiuto lo possono anche dare i bambini; infatti, educarli su come agire intorno al cucciolo, riduce di gran lunga il rischio di aggressività.

Continua la lettura
45

Per farlo abituare, conviene quindi rischiare di stuzzicarlo con le mani, e non appena tende ad azzannarle, immediatamente imporgli l'alt. Un morso di un cucciolo, non è infatti particolarmente doloroso per gli esseri umani adulti, quindi prima gli si impartisce la lezione, e in minor tempo si ottiene lo scopo. Infine molto importante è associare dei gesti quotidiani; infatti, premiandolo ad esempio con del cibo o un ossicino, l'imposizione a lasciare la presa o a mordere, risulta molto più agevole e di facile comprensione per un piccolo esemplare di cane. In questo modo, quando sarà adulto, non ti morderà e né tanto meno farà con i bambini, o con le persone durante le passeggiate quotidiane.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

5 cose da fare se il tuo cucciolo è aggressivo

Se il tuo cucciolo che hai appena acquistato si comporta in modo aggressivo, per evitare che questo atteggiamento lo porti con sè fino all'età adulta, è opportuno intervenire con dei metodi appropriati, piuttosto semplici ma funzionali. A tale proposito,...
Cani

Come addestrare un cane a non mordere

L'abitudine più pericolosa del cane è in assoluto il “mordere”. Addestrare il nostro amico a quattro zampe a gestire questo istinto del tutto naturale può davvero evitare spiacevoli ed imbarazzanti situazioni. Per il cane il mordere è un’azione...
Animali da Compagnia

Come far smettere ai criceti di mordere

Quando decidiamo di adottare un animale, dovremo essere prima sicuri di poterlo sempre nutrire perfettamente, di potergli garantire tutte le cure di cui ha bisogno e di dedicargli quotidianamente un po' del nostro tempo in modo che possa sempre sentirsi...
Gatti

5 modi per insegnare a un gatto a non mordere e graffiare

Il gatto è, dopo il cane, l'animale da compagnia preferito dalla maggior parte delle persone. Sebbene il gatto sia una creatura dall'indole indipendente non disdegna coccole e giochi. Ma a volte il "gioco" diventa molesto e le sue unghie possono graffiare....
Animali da Compagnia

Come insegnare ad un furetto a non mordere

Tra i moltissimi animali da compagnia poco convenzionali che abitano le nostre case, fa la sua comparsa il furetto, un mustelide carnivoro molto simile alla puzzola. Vista l'indole a volte aggressiva di questo piccolo animale, la domanda che spesso sorge...
Cani

Come insegnare a un cane a non mordere

Chi possiede un animale domestico sa bene che quest'ultimo ha bisogna di numerose cure ed attenzioni per poter vivere felice ed in salute. Inoltre gli animali devono anche essere educati in un certo modo affinché possano convivere serenamente con il...
Cani

Come mettere la museruola a un cane

La museruola, più raramente musarola, è un oggetto costituito da una gabbia minuscola, che può essere fatta di metallo, cuoio o in giunco che è attaccata tramite delle cinghie che garantiscono il corretto posizionamento sul muso dell'animale. Esistono...
Cani

Come addestrare un beagle

I beagle sono in origine cani da caccia, caratterizzati da olfatto estremamente sviluppato e energie instancabili. Sono tra le poche razze di segugi che hanno avuto successo anche come cani da compagnia per via del loro aspetto dolce e della taglia piccola,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.