Come misurare la temperatura di un coniglio

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quella di avere un coniglio come animale domestico è ormai diventata una vera e propria moda. È necessario ricordarsi che un animale domestico rappresemta un essere vivente a tutti gli effetti. E in quanto tale necessita di una buona dose di impegno e di amore. Come tutti quanti gli essere viventi, naturalmente, anche il coniglio può ammalarsi. Ed anche questo animale, in un caso come questo, ha la necessità di cure ed attenzioni. In questa semplice ed esauriente guida, pertanto, spiegheremo come riuscire a misurare la temperatura di un coniglio. A questo punto, quindi, non vi rimane altro da fare che continuare nella lettura di questa breve ma interessante guida.

25

Occorrente

  • Una casa che non sia fredda o umida
35

Possibili malattie infettive

Se al coniglio dovesse capitare di starnutire in modo sporadico, la causa potrebbe essere una lettiera sporca oppure eccessivamente polverosa. Nel caso in cui gli starnuti dovessero essere maggiormente frequenti, è necessario portarlo il più presto possibile dal proprio veterinario di fiducia. Non a caso, questo potrebbero rappresentare i sintomi del raffreddore oppure della pasteurellosi. Quest'ultima costituisce una malattia infettiva batterica, che colpisce le vie respiratorie. O ancora, potrebbero essere i sintomi di una forma bronchiale oppure una polmonite. Per i conigli, tutte queste patologie potrebbero essere pericolossissime, se non mortali. Questo perché sono praticamente incapaci di respirare utilizzando la bocca. Contrarre una malattia che contagi le vie respiratorie, pertanto, aumenterebbe il rischio di soffocamento.
A tutto questo si somma, molto spesso, anche la febbre. La temperatura corporea più elevata si percepisce toccando le orecchie del coniglio. Una domanda che viene spontanea è come si fa a misurare la temperatura al coniglio, che è lì'argomento che affronteremo a seguire.

45

Come misurare la temperatura

Per controllare se effettivamente il coniglio presenta la febbre, può essere normalmente utilizzato il termometro che si usa per animali come per i cani e per i gatti. Il metodo è sostanzialmente il medesimo. In buona sostanza si deve inserire la punta del termometro nella cavità anale del coniglio, per poi mantenerlo per due o tre minuti in sede. Naturalmente, il coniglio come tutti quanti gli animali si ribellerà a tutto ciò. In questi casi la cosa migliore che si può fare è quella di rivolgersi al veterinario. Quest'ultimo, infatti, sicuramente saprà come prendere l'animale, ossia con una certa delicatezza e decisione. Il termometro tradizionale, invece, dovrebbe essere escluso. Infatti, nel muoversi il coniglio potrebbe romperlo ed intossicarsi con il mercurio.
Il veterinario, inoltre, può anche eventualmente vedere quali sono i medicinali più adeguati per il trattamento della sintomatologia dell'animale, per farlo guarire nel migliore dei modi.

Continua la lettura
55

La prevenzione

Esistono delle precauzioni per prevenire eventuali malattie del proprio coniglio. Per prima cosa si deve cambiare la lettiera della gabbia almeno una volta alla settimana. Questo andrebbe eseguito, dal momento che le feci sono portatrici dei batteri della pasteurellosi. Inoltre è fondamentale mantenere il coniglio lontano dalle fonti di calore e di umidità. Sarà il coniglio stesso, lasciato libero per la casa, ad individuare il punto migliore per la sua gabbia. Sarà quello in qui trascorrerà la maggior parte del suo tempo. Durante la stagione estiva, ovviamente, è difficile trovare un posto fresco in casa. È sufficiente prendere qualcosa di congelato, per poi avvolgerlo in un panno. Se il coniglio dovesse avere particolarmente caldo, andrà autonomamente a sdraiarsi lì vicino. Un altro punto fondamentale da tenere fortemente in considerazione rappresenta l'alimentazione. Il coniglio domestico non è in grado di capire quale sia il cibo giusto per il proprio metabolismo. Pertanto, ovviamente spetta al padrone dargli da mangiare il fieno, la verdura e la frutta fresca. Inoltre devono assolutamente essere aboliti tutti quanti i mangimi che non contengano gli ortaggi e la frutta. Con l'andare del tempo danno luogo a dei seri problemi a livello intestinale. Il coniglio non ha la capacità di quantificare le giuste proporzioni degli alimenti. Sarà, quindi, il veterinario ad indicare la quantità di cibo da somministrargli. Ogni sei mesi, infine, il coniglio dovrà effettuare tutte quante le vaccinazioni previste. Qui di seguito, vi forniamo un link utile per saperne di più sull'alimentazione dei conigli: http://www.lavocedeiconigli.it/Alimentazione.htm.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Come sapere se il coniglio ha la tigna

All'interno di questa guida, andremo a parlare di malattie infettive. Ci dedicheremo ad una malattia infettiva che molto spesso colpisce i conigli: la tigna. Proveremo a rispondere a quest'interrogativo ricorrente nel settore: come facciamo a sapere se...
Cura dell'Animale

Come prendersi cura di un coniglio anziano

Molte persone decidono di adottare un animale come proprio compagno, da tenere in casa e crescere. Diventano quindi parte integrante della famiglia e continuano a vivere con noi per molti anni, soprattutto se li curiamo come si deve. Gli animali da compagnia...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella cura del coniglio

In Italia, al terzo posto tra gli animali domestici più diffusi, dopo cane e gatto, si trova il coniglio. È proprio così: sono in molti tra i nostri connazionali a scegliere questo buffo animaletto, che appartiene alla famiglia dei leporidi, come animale...
Cura dell'Animale

Come trattare un coniglio ferito

È ormai diffusa la presenza di animali come conigli nani nelle nostre abitazioni. Sono animali molto delicati: bisogna avere molta cura di questi piccoli esseri viventi, poiché in caso contrario potrebbero ammalarsi e in alcuni casi anche morire. Quindi...
Animali da Compagnia

10 consigli per accudire un coniglio nano

I conigli nani sono degli animali molto vivaci, giocherelloni e da compagnia. Di solito si pensa al cane o al gatto come animale da compagnia, ma anche i conigli possono dare grandi soddisfazioni affettive. Un coniglio nano vive in media tra i 3 e i 5...
Animali da Compagnia

Come abituare il coniglio a fare i bisogni in cassetta

I conigli sono ottimi animali da compagnia me richiedono particolari attenzioni e cure, come un qualsiasi amico a 4 zampe. Il coniglio, solitamente, è un animale pulito. Sceglie uno o due posti per i bisogni. Pertanto, la cassetta è un accessorio indispensabile...
Animali da Compagnia

Coniglio nano ariete: cura e alimentazione

Negli ultimi anni, il coniglio nato si è affiancato con grande successo al gatto e al cane come animale da compagnia, perché suscita simpatia, è morbido e piuttosto buffo. I conigli nani, oltre che in appositi allevamenti, possono essere acquistati...
Cura dell'Animale

Cos'è la rogna del coniglio e come curarla

Il problema degli acari della pelle, più comunemente conosciuto come rogna, è la malattia più comune della pelle dei conigli. Invisibili agli occhi, gli acari tendono facilmente a diffondersi sul fieno e nella biancheria da letto e, mentre non costituiscono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.