Come mungere una vacca

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La mungitura, anche se può sembrare molto semplice da fare, ha bisogno di essere praticata con estrema attenzione e sensibilità per non danneggiare il alcun modo l'animale ed evitare che viva il tutto con estrema agitazione. Infatti, per mungere una vacca correttamente, non basta semplicemente stringere e tirare le mammelle dell'animale ma si devono osservare e rispettare tempi, modalità e inclinazioni della vacca. La mungitura, ovviamente, deve essere effettuata nel rispetto dell'animale per mantenere e conservare il suo totale benessere psico-fisico. In questa semplicissima ed intuitiva guida, vediamo dunque come mungere in maniera ottimale una mucca.

26

Occorrente

  • Secchio e sgabello
36

Innanzitutto, per mungere correttamente una vacca, sarà necessario stabilire un contatto con essa. La mucca sarà più serena, se conosce il soggetto che si avvicina ad essa. È quindi importante prendersi cura quotidianamente della vacca, portandole da mangiare. Prima di mungere l'animale, sarà quindi opportuno lavare accuratamente le mani e, allo stesso modo, le mammelle della mucca. Inoltre sarà necessario sterilizzare il secchio in cui andrete a depositare il latte durante la mungitura.

46

La vacca necessita di essere munta almeno due volte al giorno. In questo modo potrete prelevare molto latte, senza rischiare di far del male alla vacca. È bene effettuare quest'operazione la mattina presto oppure il pomeriggio. Per mungere correttamente la vostra vacca vi dovrete creare una postazione da mungitura. Un'ottima idea è quella di procurarsi un seggiolino o uno sgabello da posizionare sul lato destro della vacca, di modo che possiate mantenere una posizione comoda durante tutta l'operazione. Il secchio dovrà essere posizionato tra le gambe dell'animale sotto le mammelle. Quando vi avvicinate all'animale dimostratevi tranquilli, sicuri di voi ed autoritari. L'animale percepisce sentimenti di disagio, che possono complicare l'operazione della mungitura.

Continua la lettura
56

Prendete il capezzolo della vacca tra il pollice e l'indice e, con delicatezza ma decisione, iniziate ad eseguire un movimento dall'alto verso il basso. Mentre eseguite quest'operazione tenete la mammella della vacca puntata verso il secchio per evitare che il latte possa andare in giro. Eseguite quest'operazione fino a quando non avrete svuotato tutte le mammelle dal latte. Una volta che avrete finito di mungere la mucca pulite nuovamente le mammelle ed asciugatele con un panno di cotone.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nutrite accuratamente le vostre mucche e fatele pascolare di modo che il latte prodotto sia sano e abbondante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come organizzare una sala mungitura

Anche in agricoltura, come del resto in tutti i campi, si sono fatti davvero passi da gigante. Un tempo i vostri nonni tagliavano il grano con la falce, oggi i vostri contadini usano i trattori, per ripagarli dal duro lavoro che facevano. Questo discorso...
Cura dell'Animale

Tecniche di allevamento dei bovini

Fin dalla notte dei tempi, l'allevamento dei bovini era finalizzato alla produzione di forza lavoro e molto meno come riserva di carne, visto il costo elevato nel mantenere più capi di bestiame e l’impossibilità di conservare a lungo la carne. Ora...
Cura dell'Animale

Come allevare una mucca da latte

I motivi per allevare delle mucche da latte sono molteplici, c'è chi ha deciso di aprire una fattoria per godersi la pensione, altri invece hanno deciso di intraprendere una attività commerciale. Un allevamento di mucche ci permette di produrre il latte,...
Altri Mammiferi

Come migliorare la produzione di una mucca da latte

Allevare animali è sicuramente per chi piace un qualcosa di veramente meraviglioso. In molti infatti sono gli animali che possono essere allevati e che vanno per esempio da animali da cortile come galline e polli, fino ad arrivare ad animali più grossi...
Altri Mammiferi

Come calcolare l'età di un vitello

Da sempre allevato con successo dall'uomo, prima allo stato primitivo e poi attualmente nelle fattorie o nei grandi allevamenti industriali, il bovino, o bue domestico, viene classificato in diverse categorie, a seconda della destinazione per la quale...
Pesci

I pesci più buffi dell'Atlantico

Un tempo si credeva che negli abissi marini vi fossero solamente esseri sinistri e mostruosi. Ora che possiamo anche noi esplorare gli abissi marini, ci possiamo ricredere e renderci conto che ci sono mole varietà dii pesci di variegate forme e molteplici...
Cura dell'Animale

Come allevare i bovini

I bovini che vengono allevati nella Penisola Italiana fanno parte di razze differenti: talune sono adeguate come animali da carne, mentre le altre sono ideali quando si desidera puntare sulla produzione del latte. A prescindere dalla razza che decidete...
Cani

Come curare la mastite nei cani

La mastite è un'infiammazione acuta o cronica della ghiandola mammaria che colpisce non solo gli esseri umani ma anche i cani. Si tratta di un disturbo comune nei cani in gravidanza e all'inizio dell'allattamento. La maggior parte dei veterinari raccomanda...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.