Come nutrire una piccola tartaruga

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Certamente non potete aspettarvi che le piccol diventate poi adulte vi portino il giornale o facciano la fusa, ma sono animali che riconoscono chi si prende cura di loro e le nutre, le acquatiche poi sono dei veri "motoscafo" quando lo individuano anche fra molte persone attraverso i vetri dell'acquario. Sono spruzzi e mini tsunami, con il collo tutto fuori dal guscio in attesa di qualche leccornia. Le testuggini terrestri invece sono più paciose, ma non per questo meno insistenti e buffe quando poi da adulte seguono chi sanno avere succosi pezzi di frutta per loro. Le due specie ovviamente hanno bisogno di alimentazione e luoghi diversi per poter crescere in maniera ottimale e stare con noi, vediamo Come nutrire una piccola tartaruga.

25

Sono rettili onnivori

Sono rettili onnivori, ma in crescita hanno bisogno di un apporto decisamente superiore di proteine e grassi, indispensabili per il loro benessere, esattamente come la sintetizzazione della vitamina D3 e del calcio, che si ha esponendole al sole o ad una lampada apposita, che indurirà il loro carapace, rendendolo forte. Per ritornare alla dieta, questa deve essere quanto più varia possibile di cibi freschi, l'alimentazione tipo dovrebbe essere fatta di pesce, insetti, lombrichi, lumachine e similari tre quattro volte alla settimana, verdura e frutta due, pallets e carne bianca una volta, con un giorno di digiuno, senza farsi impietosire dalle loro boccucce aperte. (e la quantità pari alla loro testolina) Niente pane, pasta o in generale tutto quello che non potrebbero trovare in natura.

35

Tartarughe baby

Anche le piccole tartarughe baby di terra hanno bisogno di qualche accorgimento in più degli esemplari adulti, ma nulla di trascendentale o complicato. Le testuggini terrestri necessitano di un terrario riscaldato ma solo quando sono piccole, per non farle perdere, da adulte infatti si muovono molto, vanno lentamente certo ma camminano come delle maratonete e un terrario non è sufficiente, poi è importante farle andare in letargo e dare loro la possibilità di prendere il sole e nutrirsi di erba fresca, tutte cose che in un appartamento o in terrario non è possibile fornire.

Continua la lettura
45

Le testuggini terrestri

Un ultima cosa. Come fare a riconoscere se sono maschi o femmine? Nelle terrestri si può vedere solo dopo quattro o cinque anni, non prima anche se in genere le femmine hanno la cosa più corta e fine, mentre nelle acquatiche il segno sono le unghie delle zampe davanti molto più lunghe nei maschi, che servono nel corteggiamento, caratteristica che si può notare già dal secondo anno di età.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ad entrambe le specie si possono somministrare gocce di vitamine direttamente sui pezzi di frutta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come distinguere una tartaruga femmina da una maschio

Questo tutorial semplice, utile ed interessante spiega in che modo è possibile distinguere un esemplare di tartaruga maschio da una femmina. A volte quando si compra una tartaruga si ha la curiosità di sapere se è un maschio oppure una femmina. Per...
Rettili e Anfibi

Come alimentare le tartarughe terrestri

Le tartarughe terrestri, rettili appartenenti all'ordine delle testuggini, sono divenute una specie particolarmente apprezzata per l'allevamento casalingo. Nonostante esista una ben definita legislazione in merito, sono numerosi gli esemplari che solitamente...
Rettili e Anfibi

Come accudire una tartaruga d'acqua dolce

La tartaruga d'acqua dolce è un animale simpatico e tenero da tenere. Spesso però, vedendo le tartarughe in un negozio d'animali, si è tentati d'acquistarne una, spesso senza conoscere le caratteristiche e le esigenze di questo particolare e delicato...
Rettili e Anfibi

Come allestire l'habitat per una tartaruga

Il modo più efficace per tutelare gli animali è di proteggerne l'habitat perché questo gli fornisce tutto il necessario per sopravvivere. Infatti, se decidiamo di allevare, per esempio, una tartaruga, dobbiamo innanzi tutto documentarci sulle sue abitudini,...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare una tartaruga di acqua dolce

Facilmente reperibili nei negozi di animali o nelle fiere a prezzi accessibili, le tartarughe di acqua dolce hanno origini antichissime. Una corretta alimentazione ed il rispetto delle abitudini, le rendono molto longeve. Solitamente questi rettili sono...
Animali da Compagnia

Tartaruga: quando non può andare in letargo

Le tartarughe sono animali meravigliosi e talvolta diventano anche longevi animali da compagnia. Ogni tartaruga trascorre gran parte dell'inverno nel proprio guscio, consumando le riserve di grasso corporeo accumulate nella parte restante dell'anno. Tuttavia,...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come controllare la crescita delle tartarughe terrestri

Per rendere il giardino più vivace, molti preferiscono allevare degli animali. Se i più diffusi sono sicuramente cani e gatti, c'è comunque una minoranza che preferisce degli animali più originali. È il caso della tartaruga terrestre. Questi animali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.