Come prendersi cura del pelo del gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questo articolo vedremo oggi come prendersi cura del pelo del gatto. Esso è veramente molto importante, in quanto ha il compito di proteggere l'animale dall'umidità, dal freddo e dagli sbalzi della temperatura. Perciò, è fondamentale prendersi cura di lui in modo regolare, ed inoltre in modi diversi, che andremo a scoprire. Dovrete ricordarvi che quando si fanno le operazioni di toelettatura, sarà bene guardare con molta attenzione alla cute del vostro felino. Ad esempio la zona che è dietro le orecchie è il luogo dove maggiormente si possono annidare i parassiti. Dovrete verificare che non vi siano delle lesioni, in quanto in tale zone, dove il pelo cade, i segni sulla pelle potrebbero essere dovuti a dermatiti o micosi.

27

Occorrente

  • Spazzola di setole naturali
  • Cardatore metallico
  • una bacinella
  • acqua corrente
  • shampoo per gatti o delicato per bambini
  • due asciugamani
  • phon
37

Sarà bene abituare il vostro felino al momento che dovrà fare la toeletta fin da cucciolo, perché poi potrebbe non accettare mai tale trattamento, che potrebbe diventerebbe una tortura, sia per lui che per voi che siete i padroni. Una volta che avrete comprato una spazzola assolutamente in materiali naturali, in modo da non elettrizzare il suo pelo, potrete "iniziare" il micetto alla pulizia partendo prima con alcune passate sulla testa, dovrete evitare le sue orecchie perché sono veramente molto sensibili. Nei giorni che seguiranno, dovrete aumentare il tempo di toeletta, sempre iniziando dalla testa, poi dovrete scendere sul collo, zampe, dorso, infine la coda e pancia. In questo ultimo punto dovrete prestare attenzione massima a non toccare i capezzoli al gatto. Dovranno essere regolari i movimenti, non troppo vigorosi e dovrete seguire il senso di crescita del pelo. Il momento migliore è quando il gatto vene da voi cercando le coccole, anche magari dopo aver mangiato. Comunque dovrete evitare di spazzolare il gatto se cerca di scappare via da voi.

47

Il gatto ha il pelo corto, quindi non avrà bisogno di essere spazzolato troppo spesso: sarà sufficiente un trattamento alla settimana, che potrà servire a togliere i vecchi peli in modo da evitare che il micio, leccandosi il mantello in segno di pulizia, ne possa ingerire una pericolosa quantità. Un gatto che ha il pelo lungo, invece, avrà bisogno di tanta più cura, occorrerà quindi passare la spazzola tutti i giorni, inoltre vi consigliamo di finire la vostra toeletta con diverse passate di cardatore metallico, che è una speciale spazzola da usare però con attenzione, in modo da non ferire l'animale. Se il gatto lo tenete con voi in appartamento, sarà bene fare due volte la frequenza dei trattamenti, perciò dovrete farli due volte a settimana se il suo pelo è corto, mentre due volte al giorno se il vostro amico animale ha il pelo lungo.

Continua la lettura
57

Il bagnetto resta un capitolo a parte. I gatti sentono il bisogno di lavarsi in modo da togliere la sporcizia, che il solo utilizzo dell'azione sola meccanica della spazzola non riuscirà ad intaccare. Il bagno dovrà essere fatto soltanto una volta a settimana in ogni due mesi per i gatti col pelo corto, invece per i gatti col pelo lungo andrà fatto una volta ogni tre settimane. È errato lavarli più spesso, in quanto la cute ed il pelo loro gli servirà per mantenere un equilibrio giusto idrolipidico essenziale per la loro salute.

67

Prima di tutto dovrete spazzolare il pelo in modo da sciogliere nodi eventuali; perciò, dovrete mettere dentro ad un bacinella un asciugamano ben steso, in modo da fare da antiscivolo per il vostro cucciolo. Dovrete quindi ora versare pochi centimetri di acqua ben calda: dovrete sentire la temperatura col classico modo del gomito, quando a voi andrà bene, anche per il vostro gatto andrà bene la temperatura dell'acqua. A questo punto, una volta che avrete un po' coccolato il vostro gatto, lo dovrete mettere nella bacinella, poi potrete cominciare a bagnargli il pelo, poi potrete parlargli con tutta la calma e la vostra dolcezza. Cercate di tenerlo fermo, però senza stringerlo, attenzione. Adesso dovrete diluire un po' di shampoo per gatti nel vostro palmo della mano, poi lo dovrete mettere sul suo mantello, un po' come se state accarezzando il vostro felino, e facendo molta attenzione a non mandargli nulla negli occhi, in bocca e nelle orecchie. Infine, potrete massaggiare leggermente la cute con i polpastrelli, piano, senza usare le unghie. Adesso potrete passare al risciacquo tramite acqua calda corrente, ed avvolgete l'animale in un asciugamano morbido ed ampio, facendogli un dolce abbraccio. Se il vostro felino avrà il pelo lungo, sarà meglio dare anche un colpo di phone, a temperatura media, mantenendo una certa distanza dal gatto. Buona cura!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esistono in commercio degli integratori alimentari specifici per la bellezza e la salute del pelo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come spazzolare il gatto norvegese

Avere un gatto maschio originario delle foreste norvegesi è senza dubbio bellissimo, se non altro per il pelo soffice e voluminoso che questa specie di felino per natura si ritrova. Un problema riguarda però il pelo, che esige un metodo ed una tecnica...
Gatti

5 segnali che il tuo gatto sta invecchiando

Con le dovute cure e le giuste precauzioni, anche i gatti possono vivere molto tempo. La vita media è stimata attorno ai quindici anni, ma la razza, lo stile di vita, l'alimentazione e in generale il contesto di vita possono influire notevolmente su...
Gatti

Tutto sul Mau Egiziano

Il Mau Egiziano è un gatto che ha origini molto antiche: infatti si ipotizza che fosse uno dei primissimi gatti che gli egiziani abbiano addomesticato. Questo felino viveva sulle sponde del Nilo e era venerato proprio come un animale sacro: tutto ciò...
Gatti

Come misurare la febbre ai gatti

Con l'arrivo dell'inverno, non siamo solo noi esseri umani ad ammalarci, ma può succedere che anche il vostro gatto possa risentire del freddo ed avere l'influenza. Ciò può provocare in lui un aumento della temperatura corporea, ovvero la cosiddetta...
Gatti

Come allevare gatti di razza

I gatti sono tra gli animali domestici, che maggiormente popolano le nostre case, assieme ai cani; molto spesso i gatti hanno vita indipendente, passando la maggior parte della giornata, a caccia o comunque a riposare. Non tutti i felini sono però hanno...
Gatti

Tutto sul Laperm

Il Laperm è un gatto molto socievole ed adatto alla vita in famiglia. È in grado infatti di affezionarsi all'intero nucleo familiare più che al singolo padrone. Molto indicato per le persone anziane o i bambini, è un gatto socievole anche con gli...
Animali da Compagnia

10 cose da fare quando in casa arriva un gatto

L'arrivo di un gatto in casa è un'importante novità per i nuovi padroni, ma anche e soprattutto per il gattino stesso. Sono necessari dei cambiamenti nelle abitudini di tutti i giorni, che considerano le esigenze del nuovo arrivato. Bisogna ridurre...
Gatti

Come tenere pulito un gatto senza lavarlo

I gatti utilizzano la loro lingua per rimuovere lo sporco, i detriti e le varie particelle superflue dalla pelle e dal pelo. La lingua di un gatto è abrasiva e per questo motivo è in grado di svolgere un ottimo lavoro in termini di pulizia, disinfettazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.