Come prendersi cura di una tartaruga di terra

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto si pensi, le tartarughe si affezionano ai loro proprietari tanto quanto i cani e i gatti. In questa guida verrà spiegato come prendersi cura di una tartaruga di terra.

27

Occorrente

  • Torba bionda
  • Terra di campo
  • Erbe
  • Frutta
  • Terrario
37

Quando acquistate una tartaruga di terra (di qualsiasi specie) assicuratevi che non sia di contrabbando: in questo caso il venditore deve rilasciarvi uno speciale certificato, denominato CITES perché la tartaruga di terra è inserita nella "red list" delle specie minacciate di estinzione a livello NT (ovvero, "prossimo alla minaccia").

47

Le tartarughe di terra sono abituate a vaste porzioni di terreno su cui camminare, mangiare e rispondere ai loro istinti quotidiani. L'ideale sarebbe creare un recinto molto vasto all'interno del vostro giardino dove collocarla. Tuttavia, non tutti ne abbiamo uno: in questo caso dovreste munirvi di un terrario (costruendolo anche voi stessi) e collocarlo all'aperto. Per quanto riguarda il terreno, l'ideale è la "torba bionda" mista a terra di campo che ha un PH molto acido.

Continua la lettura
57

Se il terreno non è abbastanza umido, utilizzate un nebulizzatore senza però esagerare: quindi compattate il terreno e livellatelo bene. Molto spesso, alcune persone per compattare e risparmiare terreno utilizzano truciolato o altri materiali di scarto lignei: non fatelo assolutamente! La tartaruga potrebbe mangiare questi pezzetti di legno e andare incontro a grossi problemi intestinali. Nel terrario devono sempre esserci due "zone": nella prima la tartaruga andrà a bere e a mangiare, nella seconda zona collocate un rifugio dove la tartaruga potrà ripararsi dal sole troppo forte nelle giornate afose. Si possono aggiungere sassi, erbe commestibili, vaschette.

67

Si sa, le tartarughe sono un passo avanti a tutti mantenendo un regime alimentare Vegan: insalata, radicchio, spinaci, rucola, mela, pera, melone e anguria, questi i loro cibi preferiti. Tuttavia anche le erbe di campo sono adatte all'alimentazione, assolutamente vietate banane e formaggi (perché creano malformazioni al guscio). Il letargo è la fase più delicata per una tartaruga e gestirla in questo periodo, può sembrare un paradosso. Il letargo induce le tartarughe a un lungo periodo di sonnolenza e inappetenza: cessa la digestione, si riduce il flusso sanguigno e il sistema immunitario diventa meno efficace o addirittura inesistente. Quando vedete che la vostra tartaruga inizia a mangiare di meno e a dormire di più, allora sta entrando in letargo. Nel caso la tartaruga sia malata o ferita, il letargo è sconsigliato e rivolgersi immediatamente ad un veterinario.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Regole da rispettare per garantire un buon letargo alla tartaruga

Le tartarughe sono degli esseri viventi che vanno in letargo ogni anno, ed in determinati periodi a seconda del luogo e del clima in cui vivono. Se dunque in casa abbiamo uno di questi esemplari, è importante consentirgli di andare in letargo, seguendo...
Cura dell'Animale

Come comportarsi durante il letargo delle tartarughe

Le tartarughe, seguendo l'esempio di altri animali che vivono in ambienti temperati, durante la stagione invernale devono ritirarsi in letargo per non rischiare di avere, successivamente, problemi legati al metabolismo. Con l'arrivo della primavera riprenderanno...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga d'acqua

Quante volte, magari recandoti in un negozio ove si vendono pesci tropicali e similari, ti sei imbattuto in un grande acquario ove si trovano tantissime tartarughe d'acqua? Magari ne hai una anche tu, o magari stai pensando di prenderne una. Allevarla...
Rettili e Anfibi

Come accudire una tartaruga d'acqua dolce

La tartaruga d'acqua dolce è un animale simpatico e tenero da tenere. Spesso però, vedendo le tartarughe in un negozio d'animali, si è tentati d'acquistarne una, spesso senza conoscere le caratteristiche e le esigenze di questo particolare e delicato...
Rettili e Anfibi

Come affrontare il letargo della tartaruga

Durante l'autunno e l'inverno, quando le temperature scendono a causa della più bassa irradiazione solare, molti animali vanno in letargo. In particolare i rettili hanno un calo del'attività metabolica e il rallentamento di tutte le funzioni. Anche...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga da terra

Se decidiamo di adottare una tartaruga terrestre, è importante informarsi sulle sue abitudini, le necessità, le cure, l'alimentazione e lo spazio di cui necessita. Abilissima ad arrampicarsi, è spesso orientata a tentare la fuga dalle zone protette,...
Cura dell'Animale

5 regole d'oro per la cura di una tartaruga

Se abbiamo appena acquistato una tartaruga ed intendiamo allevarla, magari per tentare anche in futuro la riproduzione, è importante curarla e rispettare delle regole che seppur semplici, si rivelano importanti ai fini della sua sopravvivenza. A tale...
Rettili e Anfibi

Tartaruga di terra: costruire una vasca su misura

Testuggine hermanni, è questo il nome scientifico del rettile più conosciuto e più amato, la tartaruga di terra. Si tratta di una specie sempre più rara che vive naturalmente nell'habitat mediterraneo. In Italia vige il divieto assoluto di prelevare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.