Come preparare cibo per il cane cucciolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

È capitato più o meno a tutti di dover accudire un cucciolo appena nato. Sia che sia un trovatello, sia che arrivi dalla cucciolata del nostro cane, le situazioni sono ugualmente critiche. Gli animali appena nati, infatti, hanno bisogno di cure speciali proprio come i nostri bambini. Quando il latte materno manca o non è disponibile, è in ballo la vita stessa del cuccioletto. Per aiutarlo a sopravvivere, però, possiamo preparare del cibo adatto alle sue condizioni. Ecco come fare.

25

Quando il cucciolo è orfano e non ha accesso al latte materno, la soluzione ideale è quella di trovargli una balia. Cercate un cane che abbia partorito da poco e che allatti ancora i cuccioli. Provate ad inserirlo tra i piccoli con l'aiuto di un esperto e se potete lasciatelo lì per qualche tempo. Quando questo non è possibile, però, evitate di ricorrere al latte vaccino. Questo tipo di latte non è adatto agli animali e men che meno ai cuccioli di cane. Preferite piuttosto un'alternativa artificiale adatta a loro. Queste soluzioni si possono trovare facilmente in commercio sotto forma di latte liquido o in polvere. La preparazione è molto facile e richiede soltanto il riscaldamento del latte nelle prime settimane di vita. In questo periodo è importante che il cucciolo stia al caldo e che non ingerisca alimenti troppo freddi. Il suo organismo non è ancora capace di regolare autonomamente il calore. Il latte va somministrato ai cuccioli a seconda della loro taglia. Chi è di taglia piccola deve berlo dalle 10 alle 12 volte al giorno, mentre chi è di taglia medio-grande ha bisogno soltanto di 5 o 6 biberon.

35

Dopo venti giorni dalla nascita si può iniziare a introdurre il cibo secco, che però deve essere adatto alle loro condizioni. Per preparare un pasto idoneo acquistate dei croccantini dal vostro rivenditore di fiducia e unitevi un po' di brodo o un po' di acqua calda. Ricordatevi che il passaggio dal biberon al cibo solido deve avvenire in modo graduale e delicato. Il cucciolo potrebbe rifiutarsi di mangiare la nuova pappa perché non è abituato.

Continua la lettura
45

Una volta effettuato il passaggio potete iniziare a introdurre anche la carne dopo alcuni mesi. Se volete preparare da soli la pappa per il vostro cucciolo dovete scegliere tagli di qualità. Il pollo o il vitello sono più che adatti per il suo organismo, ma devono essere bolliti o cotti ai ferri. La carne, inoltre, non dovrà contenere sale o altri tipi di condimento, così come il pesce. Se volete servirgli della pasta, assicuratevi che questa sia stracotta e frullata assieme a carote e zucchine lesse. Anche in questo caso, naturalmente, sono vietati sale e altre spezie. Evitate di dare affettati, dolci e legumi ai cuccioli, in quanto non fanno parte della loro dieta. Fate attenzioni anche a possibili intolleranze da parte dell'animale.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lasciate che i cuccioli succhino il latte dal biberon fino a fermarsi naturalmente. Non insistete troppo quando si fermano: il loro stomaco è ancora minuscolo!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

10 cose da sapere per svezzare una cucciolata di cani

Le prime 3 o 4 settimane di vita di un cane dipendono esclusivamente dal cibo che la madre riesce a produrre per rifocillarlo. Il latte materno viene sostituito con il cibo solido a partire dalla quarta settimana, quando la dentatura dei cuccioli fa la...
Cani

Cosa fare se un cane abbandona i cuccioli

Quando decidiamo di adottare un animale, dobbiamo prima di tutto essere sicuri di potergli garantire sempre tutte le cure di cui ha bisogno, oltre ad alimentarlo correttamente e dedicargli quotidianamente un po' del nostro tempo. Tuttavia ci sono alcuni...
Cani

Cose da sapere quando si adottano cuccioli di cane

Adottare un cucciolo di cane è un'esperienza unica ma contemporaneamente richiede l'assunzione di responsabilità non indifferenti.Possedere un cane infatti non significa trovarsi di fronte a un giocattolo: esso va trattato come se fosse un essere umano...
Cani

5 regole d’oro per educare un cucciolo

L'arrivo di un cucciolo nel nucleo familiare è un momento di grande gioia: un nuovo membro della famiglia, capace di amare incondizionatamente, è destinato a cambiare tutti gli equilibri della casa e dei suoi abitanti. Adottare un cagnolino, un gattino...
Cani

Come alimentare un cucciolo di pastore tedesco

Nei primi mesi di vita un cane ha bisogno di elementi nutritivi specifici per crescere in modo sano e per far sviluppare correttamente muscoli e apparato osseo. L'alimento più indicato in questa fase senza ombra di dubbio è rappresentato dal latte materno....
Animali da Compagnia

10 motivi per adottare un cucciolo

Tutti siamo attratti dai cuccioli, dal loro atteggiamento goffo, insicuro, teneri e giocherelloni, che conquistano subito il cuore di chi li guarda. Tuttavia la scelta di adottare un cane deve essere fatta in coscienza, spinti dalla voglia di condividere...
Cura dell'Animale

Come separare i cuccioli dalla madre

Quando siamo intenzionati ad adottare un cucciolo in casa nostra, dobbiamo saper individuare il momento giusto per farlo. I cuccioli hanno un limite di età prima del quale è sconsigliato separarli dalla madre, poiché proprio come i bambini, dipendono...
Cani

Come stimolare i cuccioli di cane

Stimolare la mente del proprio cucciolo è un piacere, ma spesso può rappresentare una sfida.Nonostante il cane sia un animale socievole, all'inizio, instaurare un legame con il proprio cucciolo non è sempre facile. Sapere come stimolare il proprio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.