Come proteggere il furetto dal freddo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Oggi ll furetto è diventato a tutti gli effetti un animale domestico esattamente come il cane o il gatto: questo simpatico mammifero riscuote sempre un gran successo; questo perché è un compagno vivace e molto affettuoso oltre ad essere un animale molto tenero e coccoloso! Non tutti sanno, però, di piccoli ma essenziali accorgimenti da adottare per rendere la vita del nostro amico più gradevole e protetta: ad esempio, come è meglio comportarsi in inverno? Come proteggerlo nel modo migliore da eventuali colpi d'aria? In questo articolo ci occuperemo proprio come proteggere il furetto dal freddo. Leggete quindi la guida di seguito per saperne di più su questo argomento.

26

Correnti e spifferi

La prima cosa da tenere presente è che i furetti temono moltissimo le correnti d’aria (essendo degli animali molto delicati), il freddo eccessivo e anche il caldo eccessivo: è fondamentale quindi, evitare il più possibile gli spifferi e gli sbalzi di temperatura eccessivi. La soluzione potrebbe essere quella di abituarlo fin da cucciolo, dall'inizio della stagione autunnale, a stare fuori gradualmente, in modo che abbia il tempo di fare la muta e abituarsi alla temperatura più fredda. I furetti, infatti, sono animali che stanno abbastanza bene al fresco, in quanto sono dotati di un folto pelo di base che perdono durante il periodo estivo.

36

Pelliccia

Se, quindi, hanno già messo la pelliccia invernale, non dovrete preoccuparvi di portarli anche a giocare direttamente sulla neve, che tra l'altro amano molto: se lo desiderate, potete procurarvi anche dei vecchi golfini in lana apposta per i furetti in vendita nei negozi specializzati per proteggere il piccolo amico dal freddo in maniera più adeguata. Ricordate comunque di evitare sempre di esporlo a temperature sotto lo zero.

Continua la lettura
46

Posizionamento della gabbia

Nei mesi invernali, per proteggere l'animale dal freddo rigido, è fondamentale posizionare la gabbia del furetto nel modo più appropriato: se il furetto è abituato a stare sempre in casa, è preferibile scegliere un luogo piuttosto riparato dal freddo, che possa garantirgli una temperatura tra i quindici e i venti gradi centigradi. Se invece in inverno avete l'esigenza di tenerlo fuori, ad esempio sul terrazzo, potete utilizzare una casetta/gabbietta di legno bene imbottita con dei panni di lana o ancora meglio con del pile e posizionarla all'aperto. In questo modo il furetto si abituerà già dai mesi autunnali al cambio di temperatura, cosicché in inverno potrà soggiornare fuori, in una gabbia coperta e sempre ben imbottita con del pile. Seguite sempre questi consigli se non volete che il vostro carissimo animaletto si ammali.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come pulire la gabbia dei furetti

Ormai sono tantissime le persone che decidono di adottare un furetto. Si tratta di un simpatico animaletto molto coccolone e soprattutto anche tanto curioso! C'è chi infatti adotta un furetto come un vero e proprio compagno di vita, poiché questo pelosetto...
Cura dell'Animale

5 cose da sapere sull'alimentazione del furetto

Il furetto appartiene ai Mustelidi, una famiglia di mammiferi di cui fanno parte anche la faina e l'ermellino. Il nome scientifico del furetto, Mustela putorius furo, significa "faina puzzolente ladra", in riferimento al forte odore che emana se non sterilizzato...
Animali da Compagnia

Come accudire un furetto

Da qualche anno a questa parte possedere un furetto sta divenendo una "moda", non solo in Italia ma anche all'estero. Il furetto assume così le sembianze di vero e proprio animale da compagnia al pari di un cane, un gatto oppure un coniglio con annesse...
Cura dell'Animale

Come ridurre l'odore del furetto

Il furetto è un piccolo animale domestico dall'aspetto innocuo e davvero molto simpatico. Il furetto sa essere anche un animale molto dolce e docile con chi lo accudisce. È il piccolo animaletto da compagnia da tenere in casa. Tuttavia il furetto emana...
Cura dell'Animale

10 buone ragioni per avere un furetto

I furetti sono animali tenerissimi che sempre più persone scelgono come compagnia da tenere in casa. Nonostante sia un animale un po' impegnativo, prenderne uno sicuramente è una cosa bellissima. Questi animali hanno tantissime qualità e si adattano...
Cura dell'Animale

I premietti ideali per il furetto

In principio, furono il cane e il gatto. Oggi, invece, anche il furetto è divenuto uno degli animali domestici più amati. La sua nomea di animale selvatico è andata via via scemando e ormai sono numerose le famiglie che hanno deciso di prendersi cura...
Cura dell'Animale

Come sapere se il furetto ha la febbre

Se adori i furetti e ne hai adottato uno di recente, ma ancora non sai molto di lui, è il momento di provvedere. Se ti piace prenderti cura dei tuoi animali domestici, devi sapere tutto di loro. Gioie e dolori. Per cui, se ti sei informato solo sui gusti...
Animali da Compagnia

Come distinguere il sesso di un furetto

Il furetto è un animale domestico, frutto di una domesticazione risalente ad almeno due millenni fa. In generale i furetti maschi, sono più grandi e più muscolosi rispetto alle femmine; inoltre, presentano la testa più grande, mentre i furetti femmina...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.